L'alimentazione per lo sportivo celiaco
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

L'alimentazione per lo sportivo celiaco

L'alimentazione per lo sportivo affetto da celiachia non è dissimile da quella dello sportivo senza questo tipo di problematica, le raccomandazioni della Società Italiana di Nutrizione Umana sono le medesima

Autore:
Ultimo aggiornamento:

L'alimentazione per lo sportivo celiaco

Il cibo che noi mangiamo deve in prima linea garantire di raggiungere un apporto di energia sufficiente a coprire il fabbisogno energetico. Oltre a questo deve garantire anche il fabbisogno nutrizionale del nostro organismo. Questi due punti sono indispensabili per conservare o per migliorare lo stato di salute in generale e per raggiungere la performance ottimale in ogni disciplina sportiva.

Lo sportivo ha un'alimentazione molto simile a quella raccomandata alla popolazione generale e differisce solo in alcuni punti.

Le raccomandazioni di base per una alimentazione sana dettati dalla Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU) sono le seguenti:

  • Coprire il fabbisogno energetico
  • Dividere i pasti in 3 pasti principali e 2 spuntini
  • Un apporto di carboidrati intorno al 55-60% delle calorie totali
  • Un apporto di proteine di ca. 0,8-1,2g/kg di peso corporeo al giorno (10-15% delle calorie totali)
  • Un apporto di grassi intorno al 25-30% delle calorie totali
  • Un apporto di fibre intorno ai 25-30g al giorno
  • Un apporto di colesterolo che non supera i 100mg per 1000kcal assunte
  • Un adeguato apporto di vitamine
  • Un adeguato apporto di sali minerali
  • Un adeguato apporto di oligoelementi
  • Un'idratazione adeguata

La dieta dello sportivo ha un fabbisogno energetico maggiore che dipende dal tipo, dalla durata e dall'intensità dell'attività.

Inoltre l'idratazione per chi pratica sport necessita di una migliore gestione.

L'apporto di proteine può essere leggermente maggiore a seconda del tipo di attività.

La divisione dei pasti e la tempistica di essi può risultare spesso adattata alle sedute di allenamento durante il giorno.

Gli zuccheri semplici a rapido assorbimento trovano un impiego più significativo nelle persone sportive poco prima di un'attività e nella fase di recupero dopo uno sforzo. L'aumentato fabbisogno di nutrienti, come vitamine, sali minerali e oligoelementi, viene normalmente coperto dall'aumentato apporto di cibo per coprire il fabbisogno energetico. È noto che una carenza di nutrienti può determinare un deterioramento della prestazione sportiva, ma non è stato mai dimostrato che un sovradosaggio possa migliorarla. Una carenza di nutrienti è spesso accompagnata da un apporto insufficiente di calorie che non garantisce un giusto bilancio energetico.

Le raccomandazioni sopracitate valgono per le persone sane e ovviamente anche per le persone celiache, che dovranno eliminare il glutine dalla loro dieta.