Acqua della noce di cocco
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Acqua della noce di cocco

Se siete alla ricerca di un elisir che, se pur non capace di allungare la vita, può certamente migliorarla, quello che fa per voi è l'acqua delle noci di cocco.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Acqua della noce di cocco

Quando, in riva al mare, il caldo non dà tregua tra i bagnanti fa capolino il venditore di cocco, che da anni è uno dei simboli della calda stagione. Ma vi siete mai chiesti per quale motivo al mare è popolare questo frutto?

La noce di cocco, o Cocus nucifera, sappiamo che è il frutto di una pianta appartenente alla famiglia delle palme; avvolta dal pericarpo, al suo interno si trova un liquido biancastro, dolce e rinfrescante, chiamato albume.È questo un fluido dalle mille proprietà. L'acqua della noce di cocco ha pochissimi grassi e calorie e nessuna percentuale di colesterolo, ma rappresenta una risorsa di sodio, potassio, magnesio e calcio, per cui è anche considerata una bevanda elettrolitica giovevole.

Le noci di cocco racchiudono al loro interno un'acqua definita addirittura vitale, in quanto abbonda di proprietà anti-virali, anti-fungine e anti-microbiche e dal punto di vista biochimico, un suo costituente è l'acido laurico che viene utilizzato come rimedio ai disturbi gastro-intestinali o nella sindrome dell'intestino permeabile. Secondo la tradizione ayurvedica, una proprietà altrettanto preziosa è di carattere carminativo, vale a dire che aiuta a prevenire ed eliminare l'aria che si accumula nello stomaco e nell'intestino, lenendo i dolori (detti coliche) da essi provocati. Inoltre aiuta ad eliminare le tossine dell'apparato digerente, regola i livelli di acidità gastrica e favorisce l'assorbimento intestinale. Va ad interessare anche l'area di prevenzione del fegato, nei casi di epatiti o infiammazioni. È quindi un'essenza che, regolando la funzione intestinale, restituisce anche una pelle più liscia e più bella.

Oltre a prendersi cura dell'apparato digerente, l'acqua della noce di cocco sembra essere un naturale anti-stress; in particolare, nella donna nel periodo della menopausa è un ottimo calmante e rinfrescante e sfrutta i suoi effetti per attenuare la sensazione di bruciore e di vampata di calore, restituendo stabilità sia fisica che emotiva.

In generale, l'acqua in questione ha pochi zuccheri, per il 99% priva di grassi ed è il frutto estivo per eccellenza (al pari con l'anguria) proprio perchè con le sue sostanze minerali è in grado di mantenere costante il livello di idratazione del corpo, mantenedolo fresco e alla giusta temperatura. È una soluzione coadiuvante anche nei casi di malnutrizione, cattiva circolazione sanguigna, ipertensione, bruciori di stomaco, ritenzione idrica e in particolare rappresenta un rimedio per curare i danni provocati dagli antibiotici e dalle tossine alimentari.

Talvolta è efficace nella cura di calcolosi renale ed uretrale.
Essendo una bevanda naturale, possono berla anche i bambini, soprattutto quelli che soffrono di disturbi intestinali ed è adatta in tutte le fasce d'età.
In definitiva, è un'acqua multifacoltosa: basti pensare che, per la sua presenza di sali veniva utilizzata come bevanda nei casi di colera, o iniettata a feriti con poco siero nel sangue ai tempi della guerra del Vietnam in mancanza di sostanze piu' idonee, quindi è stata anche un valido sostituto del plasma sanguigno, in quanto è sterile, non produce calore e non ha proprietà fagocitaria nei confronti degli eritrociti; ed inoltre è ben tollerata dal nostro organismo, anche perchè facilita il trasporto di ossigeno nelle cellule.

Anche se meno conosciuta, l'acqua della noce di cocco ha un effetto curativo naturale anche nella cura dei postumi della sbornia.
Concludo affermando che, per la sua carica di vitamine e del presente batterico sano, è ottima come integrazione agli sforzi intensi o negli sport ad elevato consumo calorico, favorendo il recupero muscolare.
Se da una parte, quest'acqua è un rimedio "da bere", dall'altra è utilizzata in applicazioni esterne, ad esempio impiegata direttamente sul viso come idratante della pelle, o come ricostituente per i capelli o ancora come elemento base in molti prodotti di bellezza.
Praticamente un elisir a portata di mano.