Proteine: tutto quello che non avresti mai voluto sapere
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Proteine: tutto quello che non avresti mai voluto sapere

Le 10 informazioni (+ una) sulle proteine che nessuna azienda di integratori avrebbe mai voluto farti sapere... e nessun proteinomane avrebbe mai voluto leggere!

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Proteine: tutto quello che non avresti mai voluto sapere

Proteine, proteine, proteine! È la parola d'ordine di tutti quelli che aspirano ad un corpo tonico, asciutto e muscoloso. Le proteine sono certamente importanti, anzi fondamentali, per il benessere e le funzioni organiche di ciascun individuo, ed ancor di più per tutti gli sportivi. Ma questo non significa che seguire un'alimentazione basata quasi esclusivamente sulle proteine, o mandar giù litri di integratori proteici sia la giusta strada da seguire anzi, molto probabilmente le proteine assunte con una dieta bilanciata sono più che sufficienti se non eccessive, e non richiedono alcuna integrazione ulteriore. Ecco dunque una lista delle 10 informazioni sulle proteine che nessuna azienda di integratori (e non solo quelle) avrebbe mai voluto farti sapere, e che nessun proteinomane avrebbe mai voluto leggere!

  1. La quantità di proteine che il corpo può efficacemente metabolizzare e usare a scopo plastico, quindi per favorire la crescita muscolare è relativamente bassa, e non si può spingerlo ad aumentare tale quota (a meno di doparsi)
  2. Introdurre una elevata quantità di proteine con l'obiettivo di aumentare la massa muscolare non soltanto non produrrà alcun vantaggio, ma potrebbe perfino portare verso l'obiettivo opposto (maggiore catabolismo e minore crescita)
  3. L'eccesso calorico, anche quello sottoforma di proteine, viene convertito in grasso, non è dunque vero che assumendo proteine in grande quantità non si possa ingrassare, tutte le proteine in eccesso, oltre a sovraccaricare il rene nel processo di eliminazione dell'urea, si trasformano in grasso
  4. Ciclicamente nascono e muoiono nuovi modelli di dieta che, nonostante abbiano nomi diversi, sono in concreto delle diete iperproteiche col principale pericoloso risultato di sovraccaricare inutilmente l'organismo
  5. Una dieta fortemente iperproteica è del tutto innaturale, chiunque abbia studiato l'evoluzione della specie umana su un libro di antropologia (e non su un volume pubblicitario dell'ennesima dieta iperproteica con annesso corso e integratori) può facilmente saperlo e comprenderlo
  6. Una integrazione con proteine o aminoacidi in assenza di uno stimolo ormonale derivante da un adeguato allenamento non può condurre verso nessuna crescita muscolare! Al contrario un allenamento idoneo ed intenso produce un incremento ormonale capace di favorire un miglioramento muscolare anche in assenza di una integrazione specifica
  7. Molti sostenitori dei regimi alimentari iperproteici si limitano a mangiare tonno, uova, gallette e riso al naturale, sostenendo che questa sia una alimentazione "pulita". Il solo rischio connesso al metilmercurio presente nel tonno (se assunto in grandi quantità) dovrebbe far riconsiderare l'idea di una alimentazione "pulita"
  8. La risposta più comunemente fornita da chi si ostina a fare questo tipo di alimentazione è "io la faccio e sto bene" (quindi se sto bene significa che non è sbagliata). Dimenticando che chi ha avuto problemi di salute a causa di una simile alimentazione non andrà a raccontarlo in giro, e spesso non frequenterà più neppure le palestre!
  9. L'eccesso proteico spinge ad un'elevata produzione di corpi chetonici dal potenziale tossico, cui si somma il rischio di demineralizzazione ossea, epatopatia, nefropatia, dispepsia, encefalopatia e, la conseguente privazione di altri principi nutritivi, favorisce la nascita di disturbi del comportamento alimentare e gravi alterazioni dell'umore
  10. L'aumento della massa muscolare ha dei limiti oltre i quali non è possibile andare, buona parte dei modelli estetici proposti nelle pubblicità delle proteine, o usati come testimonial per discutibili regimi alimentari iperproteici, raggiunge una grande ipertrofia facendo ricorso al doping

10+1. La maggior parte di chi ha raggiunto buoni livelli di massa muscolare e usa enormi quantità di proteine, continuerebbe ad avere gli stessi risultati anche con la metà delle proteine che comunemente assume, ma ha troppa paura di provare, ed evidentemente ha più fiducia di ciò che mette nello shaker che non della sua capacità di allenarsi.

Purtroppo molti resteranno delusi nel leggere questa lista, e molti altri troveranno da ridire perchè in netto contrasto con quanto alcuni "fenomeni" sostengono. Prima di esprimere una vostra opinione però sarebbe opportuno porsi una domanda. Per caso quelli che esaltano le virtù delle proteine, o addirittura demonizzano i carboidrati, hanno degli interessi economici nel farlo? Le riviste in cui si legge di assumerne grandi quantità hanno al loro interno pubblicità pagate dalle aziende che vendono integratori proteici? Il consiglio di abbandonare i carboidrati in favore delle proteine lo avete sentito da qualcuno che si è inventato regimi alimentari iperproteici per vendere libri, corsi e prodotti che inneggiano al consumo? Se avete risposto di si ad una di queste domande… forse siete nelle mani di esperti del marketing, e non di esperti della nutrizione!