Sinergia fra alimentazione equilibrata ed attività fisica
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Sinergia fra alimentazione equilibrata ed attività fisica

Alimentazione ed attività fisica sono due facce della stessa medaglia: per una corretta forma fisica è necessario alimentarsi correttamente, ma non è sufficiente. Allo stesso modo non basta fare attività fisica.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Sinergia fra alimentazione equilibrata ed attività fisica

Efficienza psicofisica: a prescindere dalla struttura osteo-muscolare e dal somatotipo (ectomorfo, endomorfo, mesomorfo), vi è correlazione tra alimentazione equilibrata e attività fisica praticata nel corretto modus operandi.

La fisiologia umana esplica che gli esercizi anaerobici (esempio: sollevamento pesi, body-building, ecc.) esaurendo con celerità la presenza di ossigeno nei distretti muscolari, sono correlati ad una più rapida affaticabilità muscolo-articolare degli esercizi motori di tipo aerobico.

La "potenzialità aerobica" caratterizza il lavoro muscolo-articolare di lunga durata (è palese, ad esempio, nelle discipline ginnico-motorie quali: trekking, marcia, maratona, jogging, etc.).

Note sulle funzioni dei glucidi: i glicidi, o carboidrati, o glucidi, o zuccheri, (dal greco glucos = dolce) sono composti organici costituiti da carbonio, idrogeno ed ossigeno. I glucidi rappresentano il combustibile d'elezione per il lavoro muscolare.

La funzione energetica è peculiare dei carboidrati: un grammo di glucosio eroga 4Kcal; la digestione dei carboidrati è rapida, essi forniscono velocemente energia per li lavoro muscolare.

I glucidi sono coinvolti in importanti funzioni per gli esseri umani, le glicoproteine sono un esempio.
La glicoproteina è la proteina legata a monosaccaridi semplici o a catene di carboidrati.

In linea generale, le glicoproteine sono presenti negli epiteli di rivestimento delle mucose di intestino e stomaco. In specifici casi, se l'apporto nutrizionale dei glicidi è esiguo, insufficiente, la richiesta di energia è soddisfatta attraverso la produzione di glucosio dagli aminoacidi. Gli aminoacidi, o amminoacidi, sono i "mattoni" che costituiscono le proteine. L'organismo umano li assimila a iniziare dalle proteine introdotte con il cibo.

A titolo indicativo, tra gli alimenti ricchi di proteine:

  • carne "bianca" (pollo,tacchino,coniglio)
  • pesce
  • frutta secca
  • uova
  • legumi (soia, ceci, fagioli, piselli, lenticchie, ecc.)
  • Processo energetico: gli amminoacidi sono coinvolti nella sintesi di zuccheri e grassi
  • Processo di tipo plastico: gli aminoacidi sono deputati alla costruzione e "ricostruzione" muscolare

Quando l'apporto alimentare dei glucidi supera il fabbisogno di energia dell'organismo, essi vengono veicolati al fegato e convertiti in glicogeno.

  • 1 gr. di carboidrati eroga circa 4 kcal.
  • 1 gr. di proteine eroga circa 4 kcal.
  • 1 gr. di lipidi eroga circa 9 kcal.

I glucidi sono presenti nei cereali, nei legumi, nella frutta.

  • Suddivisione dei carboidrati
  • Zuccheri semplici
  • Zuccheri complessi

Zuccheri semplici: monosaccaridi e disaccaridi.

In modalità immediata, gli zuccheri semplici sono assimilati dall'organismo umano.

Cibi contenenti zuccheri semplici: frutta, zucchero, miele, ecc.

Zuccheri complessi: gruppo dei Polisaccaridi

Gli zuccheri complessi sono assimilati piu' lentamente degli zuccheri semplici; producono energia in modo graduale.

Tra i polisaccaridi: l'amido, il glicogeno e la cellulosa. L'amido è costituito da molecole di glucosio unite tra loro.

Ergo, l'amido è presente in alimenti come pane, pasta, riso, patate, legumi. In un'ottica alimentare equilibrata, i carboidrati forniscono quotidianamente circa il 50% delle calorie totali.

Il glicogeno rappresenta la "riserva" di carboidrati dell'essere umano.
Esso si rileva nell'apparato muscolare e nel fegato; il glicogeno è un'entità fondamentale di riserva energetica.
Nel fegato è localizzato 1/3 del glicogeno ; 2/3 si rilevano nei muscoli.
In altri termini, l' attività fisica anaerobica è ottimale per la tonificazione dell'apparato muscolo-articolare.

L'attività fisica anaerobica è altresì indicata per incrementare la massa muscolare sia delle aree muscolari "superiori" del corpo umano (Muscoli: pettorali, gran dorsali, bicipiti brachiali, tricipiti brachiali) che delle aree muscolari "inferiori" (Muscoli: bicipiti femorali; quadricipiti femorali, ecc.).
Il razionale training aerobico si connota come il modus operandi d'eccellenza per l'apparato cardiovascolare e per la tonificazione muscolare.

Inoltre, un regime dietetico equilibrato + la pratica di una disciplina aerobica (per esempio, nuoto, cyclette, walking, etc.),+ specifici esercizi a corpo libero, coinvolgono in modo positivo il distretto muscolare addominale (tra le varie problematiche, un eccesso di adipe localizzato a livello dell'addome, può coinvolgere in modo negativo anche la postura).

(Note: la circonferenza addominale "dovrebbe" misurare 102 cm. per gli uomini e 88 cm. per le donne).

L'alimentazione equilibrata nei Macronutrienti (carboidrati, grassi/lipidi, proteine), nei Micronutrienti (vitamine, sali minerali), un adeguato apporto quotidiano di acqua, + una razionale attività fisica possono favorire il fitness propriamente detto.

Prescindendo dall'età anagrafica e dal sesso: prima di praticare un'attività ginnico-motoria e prima di cominciare una dieta, è opportuno consultare il proprio medico di fiducia ed il proprio personal trainer.