Sport e dimagrimento
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Sport e dimagrimento

E' possibile dimagrire 3kg in una settimana? E cosa occorrerebbe fare per raggiungere questo risultato? Approfondimento sulle implicazioni dell'attività sportiva rispetto al dimagrimento.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Sport e dimagrimento

L'attività fisica, in abbinamento ad una corretta alimentazione, è il metodo migliore per tenere sotto controllo la quota calorica introdotta e, di conseguenza, anche il peso corporeo.

La pratica costante di attività sportive, non solo determina un consumo calorico dovuto al lavoro muscolare vero e proprio, ma permette di influenzare anche il metabolismo del soggetto, contribuendo ad un suo incremento. Inoltre anche la composizione corporea inizia a modificarsi, a vantaggio di una maggiore presenza di massa magra, ovvero massa muscolare. L'incremento della massa muscolare e del metabolismo del soggetto, influenzano ulteriormente il dispendio energetico nel corso dell'intera giornata. A prescindere dall'attività svolta, la diretta conseguenza di una pratica sportiva è richiedere un maggiore fabbisogno calorico giornaliero.

Questo elemento determina sia un fattore di tutto rilievo in chi desidera perdere peso, poiché permette di incrementare il consumo calorico non soltanto nel corso dell'attività sportiva, ma in maniera globale per tutta la giornata, sia per chi desidera mantenere una forma fisica adeguata pur con un'alimentazione maggiormente ricca.

In altri termini allontana ulteriormente il rischio di ingrassare da parte di chi non riesce a trattenersi dai piaceri della tavola, e diminuisce l'ansia di quanti ad ogni minimo "sgarro" nell'alimentazione temono di ingrassare e corrono a pesarsi.

Su quest'ultimo caso poi, occorrerebbe aprire una piccola parentesi. L'idea di ingrassare in modo repentino è priva di possibili riscontri. Facciamo un po' di calcoli(1) . Per ciascun grammo di grasso l'organismo attinge 9Kcal e 0,5 grammi d'acqua. Vale a dire che, per ciascun grammo in più di peso corporeo acquisito mediante l'accumulo di grasso, il 50% è in realtà acqua. Questo significa che se il peso corporeo incrementa di 3 kg, questi sono costituiti da acqua per circa la metà, e 1,5kg sono effettivamente di adipe.

Considerato che 1,5 kg di grasso equivalgono all'introduzione di 13.500Kcal, questo implica l'assunzione in eccesso, rispetto al fabbisogno, di un pari quantitativo energetico, quantificabile in circa 2000kcal in esubero ciascun giorno per una settimana di seguito. Situazione che è corretto definire altamente improbabile.
Se questo può servire a consolare chi ha sempre il timore di ingrassare, deve essere anche un campanello d'allarme per chi pensa di poter dimagrire in maniera altrettanto repentina.

La perdita di 3 Kg di peso in una settima è infatti connessa ai medesimi limiti, se non addirittura maggiori. Infatti non solo richiederebbe l'impiego di 2000Kcal in più rispetto al quantitativo introdotto con l'alimentazione (situazione già di per se stessa gravosa), ma occorrerebbe avere anche l'assoluta certezza che l'organismo stia impiegando esclusivamente risorse di tipo lipidico.

Impiegare 2000kcal in più rispetto al quantitativo introdotto, al fine di perdere 3Kg di peso, richiederebbe ad esempio di giocare ininterrottamente a Basket per quasi 4 ore, o di praticare sci di fondo per oltre 3 ore al giorno, per una settimana.

Ovviamente, ribadiamo, questi calcoli sono puramente teorici ed astratti. Poiché da una parte è vero che, nel tentativo di usare 2000Kcal in più rispetto alla quota introdotta, si può agire anche introducendo meno Kcal del normale. D'altro canto però è anche vero che l'organismo utilizza sempre una miscela di sostanze al fine di produrre energia. Miscela che prevede di fornire l'80% delle calorie da fonti lipidiche, solo dopo diverse ore di lavoro aerobico ininterrotto!

Inoltre l'introduzione di poche calorie avvierebbe l'impiego energetico delle proteine strutturali (utilizzo dei muscoli come fonte energetica). Si evince quindi che un simile calo di peso, o meglio perdita di grasso, è ancora più difficoltoso di quanto non si creda quindi praticamente irrealizzabile in tempi brevi.