Inositolo, lattasi
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Inositolo, lattasi

Analisi dei micronutrienti. Inositolo (sostanza vitamino-simile), lattasi (enzima necessario alla digestione del lattosio). Integrazione e dosaggio nello sportivo.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Inositolo, lattasi

Inositolo

L'inositolo è una sostanza considerata vitamino-simile in quanto ancora non è chiaro se sia indispensabile la sua assunzione tramite l'alimentazione dato che comunque può essere sintetizzato dal corpo.

L'inositolo presente in natura è generalmente legato a fosfolipidi nella forma di fosfatidilnositolo, come tale è presente nelle membrane cellulari.

Questa sostanza può venire rilasciata dalle membrane per divenire precursore di secondi messaggeri intracellulari, ovvero sistemi di trasmissione dei segnali che controllano l'attività cellulare. Altre azioni biologiche di questa sostanza sono per certi versi ancora da chiarire.

L'inositolo aumenta l'attività mitocondriale (organelli cellulari responsabili della produzione di energia) aumentando il metabolismo cellulare.

Viene considerato come la colina una sostanza lipotropa, cioè in grado di favorire il metabolismo dei grassi e di impedirne l'accumulo a livello epatico.

Grandi quantità di inositolo si trovano nel tessuto nervoso e pertanto si suppone una sua attività a livello cerebrale non ancora ben chiara, anche se pare avere un effetto rilassante ed ansiolitico.

Integrazione nello sport

Non esistono studi in grado di dimostrare un miglioramento di qualche parametro atletico in seguito all'assunzione di inositolo.

Questa sostanza si può trovare nei prodotti dimagranti per la sua azione lipotropa e stimolante a livello cellulare anche se non è stato mai dimostrato alcun effetto sulla massa grassa in seguito al suo utilizzo e può trovarsi anche semplicemente nei multivitaminici come supplemento per la salute in genere.

Lattasi

La lattasi è un enzima necessario alla digestione del lattosio, lo zucchero contenuto nel latte. Questo enzima appartiene alla idrolasi e catalizza la reazione:

lattosio + H2O => galattosio + glucosio

L'enzima ha localizzazione principale presso le pareti intestinali. La diminuzione della produzione di questo enzima è associata all'intolleranza al lattosio, cioè alla ridotta capacità di assorbimento e digestione del lattosio da parte dell'intestino che si può manifestare con gonfiori intestinali, flatulenza e diarrea in seguito all'ingestione di latte o altri alimenti contenenti lattosio.

L'intolleranza al lattosio può essere più o meno grave nel senso che a seconda dei casi questo enzima non viene prodotto dal corpo oppure viene prodotto in misura limitata, di conseguenza è possibile che alcuni soggetti presentino difficoltà digestive solo in seguito all'ingestione di quantità di lattosio superiori ad un certo livello.

La lattasi viene utilizzata come supplemento per favorire la digestione del latte per le persone intolleranti al lattosio.

Integrazione nello sport

La lattasi non presenta particolari benefici in campo sportivo se non quello di favorire la digestione di latte ed altri alimenti contenti lattosio nelle persone intolleranti.