Integratori di aminoacidi ramificati
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Integratori di aminoacidi ramificati

Integratori di aminoacidi ramificati, modalità di assunzione, tipologie, ruolo nell'organismo, possibili effetti collaterali e interferenze ormonali

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Integratori di aminoacidi ramificati

Gli aminoacidi ramificati (comunemente BCAA), al pari delle proteine, rientrano nella categoria degli integratori plastici, ovvero che favoriscono la sintesi e l'anabolismo muscolare.

Il loro impiego in ambito sportivo produce effetti diversi in virtù del momento dell'assunzione.
Valina, leucina ed isoleucina (sono questi i 3 aminoacidi presenti negli integratori di BCAA) rappresentano 3 aminoacidi essenziali che l'organismo utilizza anche a scopo energetico. A tal proposito, assunti prima dell'attività (almeno 40 minuti prima), contrastano la degradazione delle proteine muscolari e ritardano anche la comparsa del senso di affaticamento.

Quest'ultimo effetto è principalmente dovuto al fatto che, tanto i BCAA, tanto il triptofano raggiungono il cervello mediante i medesimi canali d'accesso. Il triptofano, una volta nel cervello, è trasformato in serotonina, neurotrasmettitore che fornisce l'input dello stato di affaticamento. Maggiore è il triptofano nel cervello, maggiore sarà la produzione di serotonina e conseguentemente il senso di affaticamento.
I BCAA, competendo con il triptofano, ne ostacolano l'ingresso, rallentando l'insorgere del senso di affaticamento.

Da recenti studi emergerebbe addirittura che i BCAA abbiano l'effetto di stimolare il rilascio di testosterone dopo l'esercizio fisico(1) , in tal senso occorrerebbe assumerli circa un'ora prima per ottenere poi un aumento del testosterone sierico poco dopo il termine dell'allenamento.

Una loro assunzione dopo l'allenamento agevola il recupero ed espleta le funzioni plastiche tipiche degli aminoacidi.
La valina (C5H11NO2) svolge le sue principali funzioni nel coordinamento muscolare, nella concentrazione, nelle funzioni nervose.
L'isoleucina (C6H13NO2) è fondamentale per la formazione dell'emoglobina, ed è implicata nella sintesi proteica.
La leucina (C6H13NO2) svolge un fondamentale ruolo plastico rispetto al muscolo, stimolando la sintesi proteica e rientrando negli elementi proteici costitutivi. Inoltre un suo impiego stimolerebbe il rilascio di GH(2) .
Nel corso dell'attività sportiva vi è un forte impiego (ossidazione) di leucina nel muscolo, tale da abbassare drasticamente il suo quantitativo.
Il fabbisogno giornaliero dei 3 aminoacidi in esame è di 40mg/kg/die per la leucina, 23mg/kg/die per la isoleucina e 20mg/kg/die per la valina. Negli atleti il fabbisogno aumenta fino a raddoppiare.

Come già i dati sul fabbisogno suggeriscono, l'efficacia di questa integrazione, deve tener conto del rapporto fra i 3 aminoacidi, che dev'essere di 2:1:1, ossia la leucina assunta deve essere doppia rispetto alla valina e all'isoleucina.
I prodotti in commercio tengono quasi tutti conto di questa "regola aurea".

Un elemento da sottolineare è che, l'uso di aminoacidi ramificati come integratore, ha ragione di esistere solo per attività prolungate nel tempo, che prevedano uno sforzo per periodi prossimi ad un'ora. Al pari delle proteine un abuso di aminoacidi ramificati causa un picco nell'azotemia.
In commercio sono reperibili sia sottoforma di capsule sia in bustine che contengono un granulato solubile. Quest'ultima formulazione accelera il processo di assimilazione non richiedendo la disgregazione delle capsule.

Particolare attenzione deve essere posta per quanti si allenano in tarda serata ed assumono successivamente BCAA per migliorare il loro recupero.
Abbiamo chiarito come, i BCAA contrastano di fatto il rilascio di importanti quantitativi di serotonina.
Quello che occorre sottolineare però, è che alti livelli di serotonina inducono un aumento nel rilascio di GH. Pertanto, assumere aminoacidi ramificati poco prima di andare a dormire, può avere ripercussioni negative sul rilascio di GH.
Non a caso l'assunzione di triptofano (precursore della serotonina) è in grado di agire favorendo il rilascio di GH(2);(3), ed è per questo impiegato come integratore in alcuni sportivi. Che naturalmente lo assumono poco prima di andare a dormire.