Integratori di maltodestrine
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Integratori di maltodestrine

Ruolo, caratteristiche organiche e modalità di assunzione degli integratori di maltodestrine. Gli integratori di maltodestrine negli sport di endurance: funzione

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Integratori di maltodestrine

Le maltodestrine appartengono alla categoria degli integratori energetici. Sono polimeri del glucosio ottenuti dall'amido.

Due molecole di glucosio generano una molecola di maltosio. L'amido, nell'organismo, è trasformato in destrine, quindi in maltosio e poi in glucosio.

Le maltodestrine hanno scarsa tendenza ad indurre rilascio di insulina, pertanto forniscono energia per lunghi periodi, anche in considerazione della loro lenta assimilazione.

Nella pratica sportiva di lunga durata contrastano l'utilizzo di glicogeno muscolare consentendo un adeguato protrarsi della prestazione. Gli integratori di maltodestrine possono contenere anche una piccola quota di glucosio e fruttosio che, essendo prontamente disponibili, rallentano ulteriormente l'uso delle maltodestrine.

La somministrazione di maltodestrine, in vista di una prova di resistenza, deve essere idoneamente modulata sia nella fase preparatoria sia durante la gara vera e propria. In particolare si consiglia di non superare i 45-55 grammi si maltodestrine (diluite in mezzo litro d'acqua) per ciascuna ora di attività. Fermo restando che l'assunzione sarà graduale e non avverrà in un'unica soluzione.

Anche al termine di pratiche sportive particolarmente intense può essere utile ricorrere a tali integratori poiché, le depauperate scorte di glicogeno, tendono ad essere compensate più rapidamente se si rendono disponibili fonti di carboidrati non troppo lontani dal termine della prestazione.

Per allenamenti o competizioni di lunga durata, il consiglio è di somministrare 50-100 grammi di carboidrati entro la mezz'ora successiva allo sforzo, in modo da incrementare sino al 100% la capacità di rigenerazione delle scorte di glicogeno(1).