Taurina, taurina etil-estere
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Taurina, taurina etil-estere

Amminoacido sintetizzato dal corpo umano non codificato dal DNA. Analisi della taurina etil-estere. Ruolo nell'integrazione dello sportivo.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Taurina, taurina etil-estere

Taurina

La taurina è un amminoacido sintetizzato dal corpo umano non codificato dal DNA.

La sintesi della taurina nei mammiferi avviene nel fegato a partire dalla cisteina.

Questo amminoacido viene utilizzato dal corpo nella sintesi degli acidi biliari ed è particolarmente concentrata a nei globuli bianchi, nei muscoli scheletrici, nel cuore e del sistema nervoso centrale  dove svolge un ruolo importante nella regolazione della trasmissione degli impulsi nervosi. Grazie alla sua azione antiossidante contrasta gli effetti dei radicali liberi ed è considerata utile anche per contrastare i processi di invecchiamento cellulare.

Nello sport la taurina sembra stimolare l'efficienza e la contrattilità cardiaca aumentando l'apporto di sangue al miocardio.

In campo estetico viene utilizzata per ridare forza e vitalità ai capelli.

La taurina è in grado di attraversare la barriera emato-encefalica e svolge diverse azioni nel sistema nervoso centrale dove agisce come inibitore della neurotrasmissione, stabilizza le membrane e pare potenzi l'attività a lungo termine di particolari aree del cervello, viene inoltre utilizzata nel trattamento dell'epilessie per le sue azioni sedative.

In alcuni studi ha dimostrato di avere un ruolo non ancora chiarito nella regolazione del tessuto adiposo e sono in fase di studio delle possibili applicazioni di questa sostanza nella prevenzione dell'obesità. In uno studio del 2003 hanno dimostrato che l'integrazione con taurina ha abbassato la colesterolemia e ridotto il peso in un gruppo di adulti in sovrappeso. Inoltre sembra coinvolta nel processo di regolazione della glicemia in quanto, interagendo con l'insulina, sembra contribuire all'assimilazione del glucosio da parte delle cellule muscolari.

Agendo come antiossidante ha mostrato effetti protettivi contro la tossicità di varie sostanze quali metalli pesanti come piombo e cadmio. Inoltre, la supplementazione con taurina ha dimostrato di prevenire stress ossidativo indotto da esercizio fisico.

A livello clinico attualmente la taurina viene studiata per  un suo possibile impiego nel trattamento delle patologie cardiovascolari, per le quali ha già mostrato di essere in grado di ridurre il rischio di incidenza, delle ipercolesterolemie, dell'Alzheimer e delle patologie epatiche.

Integrazione nello sport

La taurina viene usata dagli atleti di endurance per migliorare la performance, in quanto in alcuni studi ha mostrato aumenti significativi del VO2 max e del tempo di esaurimento sotto sforzo. Anche se non è ancora chiaro l'effetto di questo amminoacido sotto sforzo è stata evidenziata una sua maggiore escrezione in seguito ad attività prolungata e pertanto si ritiene plausibile che venga utilizzato in misura elevata dall'organismo durante questo tipo di esercizio, per questo la supplementazione potrebbe risultare utile. In realtà non essendo ancora chiaro il suo ruolo non si può parlare di risultati certi e definitivi anche perché altri studi hanno ottenuto risultati contrastanti.

Per la capacità della taurina di interagire con la secrezione di insulina e l'assimilazione dei nutrienti da parte delle cellule muscolari, questo amminoacido viene spesso inserito nei supplementi di proteine, carboidrati, creatina e nei mass gainer in genere per aumentare l'assimilazione delle altre sostanze.

Dosaggio

500 / 100 mg prima di allenamento o competizione  per aumentare la performance in caso di sport di endurance.

100 / 500 mg durante i pasti per favorire l'assimilazione dei macronutrienti.

Nota: in entrambi gli utilizzi non esistono dati certi riguardo la reale utilità della taurina.

Taurina etil-estere

Nella vasta gamma di amminoacidi  esterificati che vengono immessi sul mercato rientra anche la taurina. Ormai l'etil-esterificazione è divenuta una moda dell'industria degli integratori.

La taurina etil-estere è una particolare formulazione derivante dalla taurina in cui il gruppo sulfonico particolarmente reattivo viene esterificato con etanolo in presenza di un catalizzatore acido. Questo processo produce un estere di taurina che viene poi riconvertito in taurina all'interno del corpo. L'esterificazione viene eseguita per migliorare l'assorbimento e la stabilità dell'amminoacido.

Non esistendo studio scientifico in grado di valutare benefici, rischi o migliorie rispetto alla semplice taurina non è possibile affermare con certezza che questa sostanza sia realmente più efficace dell'amminoacido in forma libera. La teoria è sicuramente corretta ed i buoni risultati in termini di stabilità e assorbimento ottenuti esterificando altre sostanze sono sicuramente un buon punto di partenza, ma questo non significa che anche la taurina in questa forma sia assolutamente migliore.

Integrazione nello sport

La taurina etil-estere viene utilizzata in campo sportivo esattamente come la teurina semplice, l'ipotetico vantaggio dell'utilizzo di questa formulazione consiste nella possibile maggiore assimilazione, ma nulla è stato dimostrato da studi scientifici.

Dosaggio

200 / 500 mg prima di allenamento o competizione  per aumentare la performance in caso di sport di endurance.

50 / 200 mg durante i pasti per favorire l'assimilazione dei macronutrienti.

Nota: in entrambi gli utilizzi non esistono dati certi riguardo la reale utilità della taurina.