Vitamina A
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Vitamina A

Cosa sono le vitamine? Definizione di "vitamina". Distinzione tra liposolubili ed idrosolubili. La Vitamina A, integrazione e dosaggio per lo sportivo.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Vitamina A

Le vitamine sono sostanze organiche, assunte con gli alimenti, indispensabili all'organismo in quanto necessarie alla vita, ma non sintetizzabili dal corpo da altre sostanze. Esse sono micronutrienti in quanto devono essere assunti in quantità inferiori al grammo, sono sostanze non utilizzate per la produzione di energia, ma partecipano alla formazione di enzimi (coenzimi) oppure hanno attività antiossidante. Il termine vitamina viene dal tedesco "Vitamin", ovvero amina della vita.

Le vitamine presentano strutture chimiche molto diverse tra loro per cui, al momento, l'unica classificazione operativamente valida è quella che le distingue in due gruppi: quello delle vitamine idrosolubili (vitamine del gruppo B e vitamina C) e quello delle vitamine liposolubili (vitamine A, E, D, K). Le prime sono solubili in acqua, non vengono accumulate nell'organismo e devono essere introdotte quotidianamente. Le liposolubili sono invece veicolate dai grassi e formano delle riserve nel fegato e nel tessuto adiposo, da dove vengono mobilitate in caso di necessità.

Riassumendo, classificando le vitamine per la loro solubilità si distinguono in:

  • vitamine liposolubili cioè solubili nei grassi: sono le vitamine A, D,E K
  • vitamine idrosolubili cioè solubili in acqua: sono le vitamine C, B1, B2, B3, B5, B6, B8, B9, B12.

All'interno dell'organismo queste sostanze svolgono innumerevoli funzioni:

  • partecipano al metabolismo dei macronutrienti a fini energetici
  • costituiscono parte degli enzimi responsabili della sintesi proteica e delle funzioni plastiche più in generale
  • agiscono come antiossidanti antagonizzando gli effetti negativi dei radicali liberi

Lo sportivo necessita di queste sostanze in quantità maggiore della persona sedentaria per avere la massima efficienza metabolica con lo scopo di migliorare la performance e per migliorare le capacità di recupero a causa dell'utilizzo da parte del corpo nella produzione degli enzimi destinati al metabolismo energetico ed alla sintesi di macromolecole.

Vitamine liposolubili

Le vitamine liposolubili sono solubili nei lipidi e nei solventi organici perché presentato poca o nessuna polarità.  Questa loro caratteristiche permette loro di attraversare le membrane cellulari e di depositarsi nei tessuti del fegato ed adiposo che ne fanno da magazzino. Potenzialmente si possono accumulare nell'organismo quindi bisogna evitare megadosi anche se casi di sovradosaggio a livello tossico sono veramente rari.

L'assorbimento di queste vitamine è facilitato dalla presenza di grassi quindi è utile assumerle durante un pasto o tramite integratori a base oleosa.

Vitamina A (retinolo)

Con il termine vitamina A si intende un gruppo di sostanze esistenti in natura con l'attività biologica del retinolo.

La vitamina A nell'organismo è importante per le sue funzioni:

  • nella visione
  • nella crescita e differenziazione cellulare
  • nella spermatogenesi
  • nella crescita di pelle, ossa e denti
  • nel mantenimento delle difese immunitarie
  • come antiossidante.

Integrazione nello sport

Non sono stati evidenziati particolari effetti legati ad una supplementazione di retinolo negli sportivi a parte l'attività antiossidante. Generalmente viene associata a complessi multivitaminici oppure a complessi antiossidanti con le vitamine C ed E per beneficiare appunto delle sue proprietà antiossidanti sinergiche a quelle delle suddette vitamine. Alcuni studi mostrano come queste 3 vitamine in associazione siano più efficaci nel contrastare i radicali liberi rispetto alle stesse sostanze prese singolarmente.

L'azione antiossidante del retinolo è particolarmente importante per gli atleti di sport di endurance più soggetti a danni indotti da radicali liberi.

Dosaggio

5000 / 20000 UI al giorno da suddividere in una o più somministrazioni durante un pasto.