Vitamina D, vitamina E, vitamina K
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Vitamina D, vitamina E, vitamina K

Integrazione e dosaggio della Vitamina D, della Vitamina D e della Vitamina K. Definizione biochimica e ruolo nel corpo umano in generale e nello sportivo nello specifico.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Vitamina D, vitamina E, vitamina K

Vitamina D

Anche ne caso della vitamina D parliamo di un gruppo di sostanze (D1,2,3,4 e 5), le due forme più importanti sono la D2 (ergocalciferolo) e la D3 (colecalciferolo). La vitamina D si può ottenere sia con l'esposizione ai raggi UV che attraverso l'alimentazione. All'interno dell'organismo questa vitamina deve subire due reazioni di idrossilazione per divenire calcitriolo: la forma attiva.

Le funzioni della vitamina D riguardano il metabolismo del calcio:

  • il riassorbimento renale del calcio
  • l'assorbimento intestinale di calcio e fosforo
  • la mineralizzazione delle ossa

Integrazione nello sport

Un adeguato apporto di vitamina D è fondamentale per avere un apparato osseo sano e ridurre il rischio di infortuni. Essendo però sintetizzata anche tramite l'esposizione al sole è difficile stabilirne le reali necessità alimentari dato che queste cambiano a seconda del clima e della possibilità o meno di esporsi agli UV da parte dell'atleta, comunque è essendo inoltre presente in molti alimenti è difficile riscontrarne deficienze, pertanto la supplementazione di vitamina D da parte di un atleta sano deve comunque essere fatta senza esagerare. Diverso è il caso di un atleta convalescente da una frattura che può utilizzare supplementi di vitamina D per favorire la mineralizzazione ossea e la guarigione.

Dosaggio

400 / 1000 UI una volta al giorno durante il pasto.

Vitamina E

(tocoferoli)

I tocoferoli sono diverse sostanze naturali con struttura chimica simile: presentano un anello comune (cromanolo) e differiscono per i sostituenti di tale anello e per la catena laterale. In totale sono 8 composti con attività biologica differente fra loro.

Essendo una sostanza lipofila viene depositata nell'organismo nel fegato e nel tessuto adiposo.

La vitamina E svolge la funzione di antiossidante prevenendo i danni indotti dai radicali liberi alle macromolecole proteiche, agli acidi grassi delle membrane cellulari ed ad agli acidi nucleici. Grazie alle sue proprietà liposolubili si inserisce a livello delle membrane cellulari dove agisce come antiossidante fondamentale per prevenire danni da tossine ambientali, invecchiamento e carcinogenesi. La supplementazione di vitamina E ha dimostrato di ridurre i rischi d'insorgenza di patologie coronariche.

Oltre ad essere un importantissimo antiossidante la vitamina E svolge alcune altre funzioni:

  • partecipa alla formazione dei globuli rossi
  • regola la produzione di prostanoidi

Integrazione nello sport

La vitamina E risulta importante nel contrastare gli effetti negativi indotti dai radicali liberi prodotti durante attività fisica intensa, in particolare indotti dalle sostanze reattive dell'ossigeno (ROS), inoltre si è dimostrata un valido aiuto nel ridurre i danni cellulari prodotti dalle contrazioni muscolari e nel favorire il recupero dopo l'allenamento.

Risulta particolarmente importante negli sport di endurance ma è utile anche negli sport di forza.

Essendo una sostanza liposolubile si accumula nel corpo e pertanto non è necessaria una sua integrazione in concomitanza di un evento sportivo e sempre a causa delle elevate capacità di accumulo da parte dell'organismo un sovradosaggio è sconsigliato anche se non sembra pericoloso.

Dosaggio

20 / 600 UI al giorno da suddividere in una o più somministrazioni durante i pasti.

Vitamina K

Anche nel caso della vitamina K parliamo di diversi composti con azione simile, caratterizzati dalla presenza del nucleo 2-metil-1, 4-naftochinone che differiscono per una diversa catena laterale.

La vitamina K è un fattore necessario alla coagulazione sanguigna perché viene utilizzata dall'organismo per produrre la protrombina.

Integrazione nello sport

Non esistono studi che dimostrino una qualsiasi utilità di supplementazione di vitamina K nella pratica sportiva, pertanto non se ne consiglia l'assunzione al di fuori della normale alimentazione.