Macronutrienti: lipidi
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Macronutrienti: lipidi

Cosa sono e a cosa servono i lipidi. Suddivisione dei lipidi in base alla funzione nell'organismo. Acidi grassi: componenti fondamentali dei lipidi. Analisi degli acidi grassi: saturi, insaturi, essenziali

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Macronutrienti: lipidi

Oltre ad essere i costituenti degli oli e del burro, i lipidi si trovano in quantità variabile in numerosi alimenti tra cui la carne, i pesci, i salumi, i formaggi e la frutta secca.

Dal punto di vista della funzione nell'organismo, possono essere classificati in:

  • lipidi di deposito o trigliceridi (98%), che fungono da riserva energetica
  • lipidi cellulari (2%), hanno una funzione strutturale (fosfolipidi, glicolipidi e colesterolo)
  • lipidi con specifiche attività biologiche, gruppo eterogeneo di composti (terpeni, steroidi, eicosanoidi) che rivestono ruoli fisiologici di grande importanza come ormoni, messaggeri intracellulari.

I componenti fondamentali dei lipidi complessi sono gli acidi grassi, catene monocarbossiliche con più di 10 atomi di carbonio. Questi possono essere suddivisi in:

  • acidi grassi saturi, prevalgono nel mondo animale (lardo, burro, strutto)
  • acidi grassi insaturi, si ritrovano prevalentemente nel mondo vegetale e negli animali che vivono a basse temperature (pesci dei mari freddi)
  • acidi grassi essenziali (AGE o EFA), non possono essere biosintetizzati dall'organismo e devono venire introdotti con l'alimentazione (l'acidoalfa-linolenico, ?3, e l'acido linoleico ?6)

Nella dieta e nell'organismo i lipidi svolgono numerose e importanti funzioni.

Funzioni dei lipidi nella dieta

  • rappresentano una fonte di energia "concentrata" (9kcal/g)
  • veicolano le vitamine liposolubili e apportano AGE
  • rendono i cibi più appetibili e conferiscono senso di sazietà.

Funzioni dei lipidi nell'organismo

  • rappresentano la più cospicua forma di riserva energetica, circa 90000 kcal (10Kg) nell'uomo magro, accumulate sotto forma di trigliceridi nel tessuto adiposo
  • costituiscono le membrane cellulari e subcellulari (fosfolipidi) e le guaine mieliniche (glicofosfolipidi)
  • sono precursori di ormoni e vitamine (colesterolo) e delleprostaglandine (PG)
  • agiscono come isolanti termici, proteggono e sostengono gli organi

L'apporto lipidico raccomandato (LARN - Livelli di Assunzione giornalieri Raccomandati di energia e Nutrienti per la popolazioneitaliana) ammonta al 30% delle calorie totali nell'adolescente e diminuisce col progredire dell'età fino al 20 – 25% (2/3 di origine vegetale e 1/3 di origine animale).

Secondo i LARN i lipidi dovrebbero rappresentare meno del 30% delle calorie totali; tale 30% dovrebbe essere distribuito in acidi grassi saturi (< 8%) monoinsaturi (max 20%) polinsaturi (7 - 10%). I LARN consigliano inoltre di non consumare più di 300 mg di colesterolo giornalieri, limitando l'assunzione a 100 mg ogni 1000 Kcal ingerite (ancora meglio per la salute sarebbe l'assunzione di colesterolo tra i 150 e 200 mg giornalieri).