Sali minerali: il calcio
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Sali minerali: il calcio

Il ruolo del calcio nell'organismo, effetti da eccesso e carenza di calcio, le fonti alimentari.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Sali minerali: il calcio

Il calcio è il minerale più rappresentato nel corpo umano. Assieme al fosforo è il principale costituente delle ossa e, proprio in queste sedi, è reperibile la quasi totalità del calcio contenuto in un individuo (valore prossimo al 99%). La restante quota di calcio è presente nei tessuti e nel liquido extracellulare dove assolve ad importanti funzioni di controllo della contrazione muscolare e della trasmissione nervosa.
Nel corpo è deputato a numerosi incarichi, dall'attivazione enzimatica alla regolazione della permeabilità della membrana cellulare, è implicato anche nella coagulazione del sangue, ecc. Le ossa sono il naturale deposito di calcio, che diviene disponibile a livello plasmatico in caso di carenza. Fissazione e liberazione di calcio sono sotto il controllo ormonale.

Fabbisogno di calcio

Il fabbisogno giornaliero varia con l'età e con l'eventuale stato di gravidanza. Nella fase adolescenziale si attesta intorno ai 1200 mg, per poi calare intorno ai 900 mg al giorno nell'età adulta. In gravidanza e durante l'allattamento la necessità di calcio aumenta, poiché è in corso l'accrescimento osseo del feto, in questo periodo sarebbe opportuno fornire 300-400mg di calcio in più rispetto alla norma.

Una carenza nell'apporto dietetico di calcio determina la demineralizzazione ossea che, a lungo andare, può portare a situazioni osteoporotiche, soprattutto nel sesso femminile che, a causa della menopausa, vanno incontro ad una carenza di estrogeni che sono implicati nel fenomeno di fissazione ossea del calcio. La riduzione drastica nel rilascio di estrogeni influenza negativamente anche il rilascio di calcitonina, con ulteriori conseguenza nefaste sulla struttura ossea. Il processo è particolarmente cospicuo, tanto da causare frequenti traumi ossei post menopausa.
Sovrappeso e sedentarietà, abuso di alcol e fumo, squilibri alimentari sono tra le principali concause che aggravano o portano all'osteoporosi. Per contro una regolare attività fisica, con carichi di lavoro progressivi, tendono a contrastare l'insorgere del problema. La situazione diviene particolarmente preoccupante in quegli individui che, in giovane età, hanno avuto un'alimentazione povera di calcio, poiché è proprio durante la fase dello sviluppo che si ha la massima deposizione di tessuto osseo. Il calcio è altamente presente nel latte e nei derivati, che costituiscono una delle fonti maggiormente biodisponibili del minerale poiché, sia la vitamina D che il lattosio (entrambi presenti nel latte) favoriscono l'assimilazione del calcio(1) .

Eccesso di calcio

Un'eccessiva introduzione di calcio può arrecare problematiche renali o malassorbimento di altri oligoelementi, è tuttavia una situazione infrequente.

Carenza di calcio

Una carenza di calcio, oltre ad esporre al pericolo di osteoporosi, può comportare difficoltà nell'accrescimento osseo e rachitismo, gravi problemi nella trasmissione degli impulsi nervosi e della contrazione muscolare con conseguenti crisi tetaniche.

In merito al calcio e agli alimenti che lo contengono, in primo luogo il latte e i suoi derivati, è in corso una campagna dai toni apocalittici in particolar modo sui social network, promossa e rinfocolata soprattutto da seguaci ed estimatori di regimi alimentari particolarmente rigidi che segnalano come il latte possa determinare un effetto opposto sui processi ossei, ossia favorirne la decalcificazione.

Questo tipo di messaggio parte da valutazioni teoricamente corrette, ma all'atto pratico strumentalizzate con semplificazioni estreme che è facile smentire ricollocando il latte e i suoi derivati fra quegli alimenti certamente utili, e probabilmente indispensabili, per l'apporto di calcio. Maggiori approfondimenti su questo tema sono presenti al seguente link: Il latte fa male alle ossa? Si, ma solo se sei iscritto a Facebook.