Zinco
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Zinco

Ruolo e funzione dello zinco, fabbisogno giornaliero, fonti di zinco, sintomi da eccesso e da carenza.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Zinco

Lo zinco è un minerale presente nelle carni, nel pesce, nelle uova e in alimenti di origine vegetale, dove però è in forma meno biodisponibile.
La sua assimilazione è ulteriormente contrastata se assunto assieme a grandi quantità di ferro e rame, che vengono assorbiti mediante il medesimo trasportatore (che risulterebbe potenzialmente saturato).

Lo zinco è coinvolto nella struttura di molti enzimi, nel metabolismo proteico, nella regolazione tiroidea e fa parte delle sostanze antiossidanti.
Una carenza determina problemi nella fase di accrescimento in generale e delle gonadi. Un eccesso può portare alla comparsa di stati febbrili, nausea e vomito.
Le quantità giornaliere consigliate per soggetti adulti, sono pari a 3mg.
Soggetti sportivi ed atleti hanno un fabbisogno maggiore, giustificato dalle perdite mediante la sudorazione, dall'interazione tra zinco e ferro, per effetto dell'incremento nella produzione di eritrociti, per la maggiore perdita mediante le urine, tipica di chi pratica attività di resistenza(1) (anche su brevi distanze).

Sembrerebbe che buoni quantitativi di zinco limitino la necessità di integrare il ferro.