Storia della Ghiria
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Storia della Ghiria

L'attrezzo, oggi meglio conosciuto come kettlbell, ha una storia antichissima, che parte dall'antica Grecia. La diffusione in epoca moderna è avvenuta a partire dalla Russia e poi dall'Unione Sovietiva

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Storia della Ghiria

L'analisi retrospettiva del materiale d'archivio e dei contenuti del Museo della Letteratura, dimostra che la ghiria (un dispositivo costituito di un corpo massiccio con un manico, che ha forma di un arco chiuso) è, in realtà, utilizzata da molti secoli: inizialmente nella forma di blocchi di pietra, (vagamente rassomiglianti i pesi moderni) le ghirie erano utilizzate per lo sviluppo muscolare e le dimostrazioni di forza olimpioniche della Grecia antica.

Tale utilizzo si è protratto per tutto il Medioevo, fino allo sviluppo delle tratte commerciali e all'utilizzo del metallo proprio come "peso". È proprio in questo periodo che vide la sua origine il "pud" (16 kg) come unità di misura: in quei tempi, viaggiare a cavallo era un lusso per pochi, e molto spesso le persone erano costrette a percorrere a piedi lunghissime distanze. L'esperienza dei viaggiatori ha fatto sì che, con il tempo, si rendessero conto che il peso giusto da trasportare in un viaggio (senza né arrivare stravolti alla fine né con la sensazione di aver trasportato troppo poco peso) fosse proprio un pud! Così il pud come unità di misura trovò sempre più impiego, anche nelle trattative dei mercanti, dove veniva usato come contrappeso per le merci da vendere. Possiamo dire che, nel corso dei secoli, il pud (e la ghiria) è passato dall'essere il contrappeso delle bilance nelle azioni dei venditori all'essere il controbilanciamento del ghirevik in ogni suo movimento!

La forma di naturale contrappeso della ghiria, infatti, si può ritrovare in tantissimi artefatti in ogni parte del mondo: per citare solo un esempio, a noi molto vicino, basta pensare che nel 1800 circa, degli attrezzi con forma assolutamente simile a quella delle ghirie venivano utilizzati come bilanciamento delle sbarre dei passaggi a livello delle ferrovie italiane!

L'accezione di "ghiria" che conosciamo oggi, comunque, è menzionata, nei dizionari russi, a partire dal 1704 (P. A. Cherkih, 1994), ed è "presa in prestito" dal persiano (Gera – peso, pesare, difficile). In quel periodo si assistette alla prima grande diffusione del loro utilizzo, un'espansione che ha coinvolto tutta la parte europea della Russia pre-rivoluzionaria: per molti anni, le ghirie si sono inserite come costante nelle esibizioni di moltissime feste popolari, diventando parte integrante della cultura delle persone che abitano quei territori.

Per poter ammirare le gare di sollevamento come possiamo fare oggi, però, la strada è ancora lunga: alla fine del XIX secolo (1885), il medico Krajewski di San Pietroburgo iniziò ad introdurre l'uso della ghiria a livello sportivo-professionistico nella scuola medico-sportiva. Un suo allievo, il dottor Garnich-Garnitsky, ha seguito le sue orme, aprendo a Kiev (Ucraina), 10 anni dopo, una scuola sportiva in cui le ghirie erano utilizzate per la preparazione delle discipline ginniche e di lotta.

Da quel momento, la diffusione delle ghirie nell'Unione Sovietica fu rapidissima: dalle zone rurali alle fabbriche, dai cadetti dell'Esercito alla Marina. Durante tutto il XIX secolo, infatti, le ghirie sono anche servite come strumento allenante per i militari che dovevano spostare velocemente le palle di cannone sul campo di battaglia. 1948: anno della prima grande gara di sollevamento di ghirie della storia: 200000 persone tra pubblico e atleti presero parte, e i concorrenti cercarono di sollevare sopra la loro testa, con una mano, una ghiria, senza limiti di tempo. La gara fu vinta da un marinaio del Mar Nero, tale Protopopov, che riuscì a sollevarla 1002 volte!

Quella competizione aprì la strada a molte altre gare: nel 1962, in Russia, si organizzavano delle competizioni di triathlon: distensione sopra la testa con una ghiria, senza limiti di tempo e con un solo cambio di mano ammesso, Slancio con due ghirie senza limiti di tempo e Strappo, senza limiti di tempo e potendo appoggiare per terra la ghiria per riposarsi, ma senza staccare la mano dall'impugnatura.

Finalmente, nel 1970, in Ucraina vennero approvate le prime regole di gara simili a quelle odierne, introducendo il titolo di "Master Sport" (1974), per il quale gli atleti gareggiavano suddivisi in quattro categorie di peso: 60 kg, 70 kg, 82,5 kg, oltre 82,5 kg.

Un impulso importante per lo sviluppo del Ghiri Sport moderno è stato l'adozione, nel 1985, delle regole ucraine in tutta l'Unione Sovietica (modificandole leggermente): gli esercizi consistevano nell'effettuare Slanci con due ghirie o Strappi prima con un braccio e poi con l'altro, suddividendo gli atleti in cinque categorie di peso: 60 kg, 70 kg, 80 kg, 90 kg, oltre 90 kg. Dal 1986, l'Ucraina ospita regolarmente i Campionati URSS "Spartachiada Narodov URSS", giochi che riuniscono diverse discipline sportive, olimpioniche e non.

Con la caduta dell'Unione Sovietica (1992) nasce, infine, la "International Gira Sport Federation", che, riunendo oggi 30 Paesi in tutto il mondo, permette di tramandare la stupenda tradizione sportiva (parte fondamentale del patrimonio culturale ucraino) del Ghiri Sport, adattando le regole allo sviluppo della disciplina stessa.