Tipologie di lavoro e tensione muscolare
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Tipologie di lavoro e tensione muscolare

Definizione e descrizione delle tipologie di lavoro muscolare (concentrico, eccentrico, isometrico, combinato. Definizione e descrizione delle tipologie di tensione muscolare: isotonica, isometrica, auxotonica

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Tipologie di lavoro e tensione muscolare

Tipologie di lavoro muscolare

Si distinguono queste tipologie di lavoro muscolare:

  • Lavoro muscolare superante (concentrico): prevale nella maggior parte dei processi motori dello sport; grazie all’accorciamento del muscolo permette di spostare il proprio peso corporeo o quello del corpo di altri atleti o di vincere resistenze al movimento
  • Lavoro muscolare cedente (eccentrico): serve all’ammortizzazione dei salti o ai movimenti di caricamento (contromovimenti), è caratterizzato dall’aumento di lunghezza del muscolo, in una contro-contrazione attiva
  • Lavoro muscolare statico (isometrico): serve a fissare determinate posizioni del corpo o delle estremità. È caratterizzato dalla contrazione, ma senza accorciamento del muscolo
  • Lavoro muscolare combinato: è caratterizzato dalla combinazione di elementi di tipo superante, cedente o statico

Tipologie di tensione muscolare

Si distinguono tre diverse tipologie di tensione muscolare: isotonica, isometrica e auxotonica.

Come si può vedere dalla figura, il muscolo è composto da elementi elastici e da elementi contrattili. Secondo il tipo di tensione muscolare che si produce, abbiamo un comportamento differente di accorciamento, contrazione o di allungamento degli elementi interessati.

tensione muscolare

Nella tensione muscolare isotonica gli elementi contrattili del muscolo si contraggono, quelli elastici invece non cambiano di lunghezza. Si produce quindi, un accorciamento del muscolo.

Anche nella tensione muscolare isometrica si produce una contrazione degli elementi contrattili, però gli elementi elastici sono allungati, per cui esternamente non osserviamo un accorciamento visibile del muscolo.

La tensione muscolare auxotonica rappresenta una combinazione tra sollecitazioni isometriche e isotonica. Il sistema neuromuscolare, attraverso un continuo inserimento e disinserimento di unità neuromuscolari, si adegua al cambiamento dei momenti di forza del peso e alle variazioni di velocità specifiche del movimento. È la forma più frequente di tensione che si riscontra nella pratica dello sport.