Gli attrezzi non convenzionali
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Gli attrezzi non convenzionali

Gli attrezzi per l'allenamento funzionale: il bilanciere, manubri e molto altro. I vantaggi ed il loro reale utilizzo.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Gli attrezzi non convenzionali

Gli attrezzi proposti in queste pagine come è già stato detto sono oggetti che si muovono liberamente nello spazio. Sono ciò che serve al corpo per migliorare la propria abilità di gestire movimenti e sovraccarichi. Non sono le classiche macchine da palestra, ma oggetti rudimentali con caratteristiche diverse da sfruttare a seconda del tipo di stimolo che si vuole dare al corpo. Non presentano guide o strumenti che ne controllano il moto. Il termine non convenzionale indica proprio che non sono i comuni strumenti che si trovano in una palestra moderna. In pratica sono gli attrezzi che si trovavano nelle palestre del passato quando il fitness ed il body building non esistevano ancora.

Per garantire un reale miglioramento nelle capacità fisiche è indispensabile usare attrezzi semplici, per effettuare gesti complessi. Più è complesso lo strumento meno possibilità ha il corpo di sviluppare movimenti articolati. Per questo motivo è indispensabile utilizzare attrezzi che sono sottoposti solamente alla forza di gravità ed alle forze esercitate su di esso dall'atleta. L'abilità nell'usare questi attrezzi è data da un reale miglioramento delle capacità atletiche dell'atleta.

Utilizzare questi oggetti obbliga il corpo a gestire autonomamente il movimento durante gli esercizi e ciò permette di sviluppare tutte quelle capacità fisiche necessarie per migliorare globalmente.

Bilanciere

Il bilanciere è un attrezzo ampiamente utilizzato anche nelle palestre tradizionali dove si pratica fitness e body building ed ovviamente nelle palestre di sollevamento pesi e di powerlifting. È sicuramente l'attrezzo più conosciuto fra quelli che vengono utilizzati nell'allenamento funzionale e non si può certo definire attrezzo non convenzionale, tuttavia l'uso che ne viene fatto nel nostro contesto è sicuramente diverso da quello dei centri fitness.

Si tratta di una barra di acciaio, di lunghezza (180 / 220 cm) e peso in funzione dei modelli e della tipologia d'esercizio da effettuare, caricabile alle sue estremità da dischi di ghisa che fungono da pesi.

I dischi per l'allenamento funzionale devono essere gommati come quelli per il weightlifting, in quanto vengono eseguiti esercizi in cui il bilanciere può cadere a terra, o viene rapidamente accompagnato al pavimento, di conseguenza l'involucro serve per ammortizzarne la caduta o la discesa.

Il bilanciere è l'attrezzo di base per l'allenamento della forza in tutti i suoi aspetti. In particolare la sua principale caratteristica è data dal fatto che si può caricare enormemente e di conseguenza permette di stimolare al meglio quelle componenti nervose responsabili della contrazione muscolare che vengono attivate solo dalle elevate tensioni a cui vengono sottoposti i muscoli in presenza di carichi massimali.

Utilizzo

Allenamento della forza in tutte le sue forme (assoluta, esplosiva, resistente, veloce ecc), ovviamente è anche l'attrezzo d'eccellenza per chi cerca la crescita muscolare.

Vantaggi

Il bilanciere può essere caricato enormemente e pertanto permette di eseguire gli esercizi con carichi massimali e sub massimali indispensabili per attivare le componenti nervose responsabili dell'allenamento della forza.

Il fatto di afferrare con entrambe le mani l'attrezzo, generando una maggiore stabilità, permette di utilizzare carichi maggiori rispetto ad attrezzi tenuti da un singolo arto, favorendo anche in questo caso le capacità di generare forza e di conseguenza di allenare meglio la forza assoluta ed esplosiva.

Manubri

Anche i manubri sono barre in acciaio con peso laterale, però di lunghezza inferiore rispetto al bilanciere e vengono generalmente utilizzati tenendone uno per ciascuna mano. Questo attrezzo è presente anche nei centri fitness ed è il primo strumento che si utilizza per allenare gli arti separatamente, non si può definire anche in questo caso attrezzo non convenzionale, ma sicuramente l'uso che se ne fa è sicuramente differente da quello tradizionale delle palestre.

L'uso dei manubri, rispetto al bilanciere, consente un ROM maggiore (ampiezza del movimento) ed una minore stabilità per effetto della gestione del movimento con un unico arto. Tutto ciò consente un maggior utilizzo di muscoli stabilizzatori e permette di conseguenza di allenare maggiormente la forza e la stabilità delle articolazioni garantita appunto dalla tensione dei muscoli minori stabilizzatori coinvolti maggiormente a causa della maggiore libertà dell'arto.

Utilizzo

Allenamento ad arti separati, forza e controllo articolare.

Il manubrio permette di creare un infinito numero di esercizi e di simulare gesti tecnici sportivi con sovraccarico.

Ovviamente il manubrio rimane uno strumento per l'allenamento della forza da utilizzare insieme al bilanciere.

Vantaggi

Il poco ingombro ed il baricentro del carico centrato nell'impugnatura permettono a questo attrezzo di essere utilizzato per movimenti molto articolati come per esempio tirare pugni. La possibilità di lavorare i due arti separatamente allena maggiormente i muscoli stabilizzatori che devono garantire l'equilibrio e regolare la traiettoria nel movimento senza vincoli. Ciò permette anche una maggiore escursione articolare ed una maggiore varietà di movimenti rispetto al bilanciere.