Fisiologia dell'allenamento ad alta intensità
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Fisiologia dell'allenamento ad alta intensità

La risposta adrenergica e gli effetti dell'allenamento ad alta intensità suil cortisolo: una panoramica sulla fisiologia dell'allenamento ad alta intensità

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Fisiologia dell'allenamento ad alta intensità

L'allenamento è uno stimolo a cui sottoponiamo il corpo per ottenere delle modificazioni del metabolismo.

la risposta dell'organismo allo stimolo si sviluppa in due fasi: una fase iniziale in cui il corpo rilascia grosse quantità di adrenalina ed una fase successiva in cui l'ormone principalmente prodotto è il cortisolo.

La risposta adrenergica è un impulso per l'organismo ad utilizzare tutte le capacità che possiede per superare lo stress indotto dallo stimolo. L'adrenalina potenzia l'attività cardiovascolare, la capacità del apparato muscolare di eseguire lavoro, il sistema nervoso a dare il massimo impegno. L'adrenalina è una spinta sull'acceleratore che manda il motore su di giri. Sotto gli effetti dell'adrenalina diamo il meglio di noi per poter superare questa situazione di particolare impegno fisico. Chiaramente questo impulso è una spinta al metabolismo ad attivarsi per produrre adattamenti fisici alle necessità cui l'allenamento sottopone l'organismo e quindi a bruciare calorie. Aumentare l'efficienza fisica ha un grosso dispendio calorico e ciò si traduce poi in benefici da un punto di vista del dimagrimento. L'allenamento però deve essere dosato in modo appropriato perché l'attività intensa si può svolgere solo per periodi limitati, è come mandare un motore su di giri per troppo tempo: si cuoce.

Per questo motivo la risposta adrenergica è limitata nel tempo dato che spreme le capacità fisiche non può essere sopportata a lungo dal nostro corpo.

In caso di stress prolungato gli effetti dell'adrenalina sono controbilanciati dal cortisolo: il cosiddetto ormone dello stress che io definirei meglio come ormone dello stress cronico. Questo ormone porta a rallentare le funzioni corporee riducendo il metabolismo e placando gli effetti dell'adrenalina. È il più grande nemico del dimagrimento dato che rallenta il metabolismo e favorisce la ritenzione idrica.

Il cortisolo è un segnale per il corpo di rallentare, per impedire che l'eccessiva attività dell'organismo si trasformi in un superlavoro non più sostenibile per il corpo stesso. Pertanto abbiamo un rallentamento delle suddette facoltà fisiche con effetti deleteri per il metabolismo ed il dimagrimento.

Per queste ragioni l'allenamento deve essere breve ed intenso: breve per non stimolare la risposta cortisolemica legata appunto alla durata dell'allenamento ed intensa per stimolare al massimo la risposta adrenergica. L'unico allenamento in grado di fare ciò è l'alta intensità. Per questo possiamo definire l'allenamento ad alta intensità adrenalina pura!

Chi ha già provato metodiche di lavoro fisico simili sa perfettamente cosa significa: il corpo alla fine di un allenamento è affaticato ma caricato di energia.

Gli effetti dell'adrenalina durano per ore dopo l'allenamento anche perchè il maggior rilascio della stessa continua dopo l'allenamento. Mentre gli effetti del cortisolo possono durare giorni. Altri ormoni sono coinvolti nella risposta organica all'allenamento e come è stato precedentemente indicato queste sono le sostanze che regolano i processi metabolici, quindi modificando la loro produzione è possibile modificare il metabolismo.

Gli allenamenti aerobici eccessivi sono protratti nel tempo e pertanto promuovono il rilascio di cortisolo che non favorisce il dimagrimento.

È indispensabile portare il corpo ad esaurimento in ogni Esercizio eseguito per creare quello stimolo che consente di promuovere la risposta adattatoria supercompensativa indispensabile per attivare il metabolismo e quindi il processo di dimagrimento.

Il corpo sottoposto a sedute regolari di allenamenti ad alta intensità, che si evolvono nel tempo attraverso varie metodologie di lavoro finalizzate ad allenare qualità atletiche diverse ed attraverso un costante incremento del carico, attiva il metabolismo tramite vari processi biochimici visti precedentemente in risposta all'allenamento stesso, questa attivazione promuove il dispendio calorico ed il dimagrimento.