Confronto elettromiografico tra kettlebell e pesistica
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Confronto elettromiografico tra kettlebell e pesistica

Analisi delle differenze di lavoro meccanico ed elettromiografico tra il lavoro con i kettlebell ed il lavoro con i pesi

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Confronto elettromiografico tra kettlebell e pesistica

In queste pagine verranno analizzate le differenze di lavoro meccanico ed elettromiografico esistenti nei diversi esercizi per l'allenamento del corpo con esercizi multiarticolari.

Infatti l'allenamento del corpo nel modello prestativo di un atleta viene considerato come un aspetto molto importante, ma la ricerca dell'incremento delle capacità funzionali riveste ancora maggiore importanza nel non atleta.

Per i dati elettromiografici è stato utilizzato il Muscle Lab Bosco System con l'applicazione degli elettrodi sui seguenti distretti muscolari:

  • Vasto mediale
  • Vasto laterale
  • Bicipite femorale
  • Muscolo lombare
  • Trapezio
elettrodi applicati sul vasto mediale
elettrodi applicati sul vasto mediale

Nello studio si è cercato di individuare delle differenze esistenti nei valori meccanici ed elettromiografici in tre diversi esercizi per l'allenamento degli arti inferiori rappresentati da:

Esercizio
squat libero Squat libero
elettrodi applicati sul vasto mediale Squat al multipower
elettrodi applicati sul vasto mediale Kettlebell swing

Sfruttando l'analisi elettromiografica sono state analizzate le fasi concentriche di ogni esercizio con sovraccarichi pari al 65% e all'85% del massimale (1RM) di ogni soggetto.

Le percentuali dei massimali di ogni soggetto sono stati calcolati aggiungendo al peso corporeo il sovraccarico utilizzato.

Di fatto nell'esecuzione dello squat oltre a spostare il sovraccarico è necessario spostare anche il peso corporeo di chi lo esegue.

Risultati dei valori meccanici

Nel confronto della forza media nei tre esercizi, è emerso attraverso i test che nello swing si esprime più forza rispetto allo squat libero ed al multipower.

Esercizio Forza media (N) 65% Forza media (N) 85%
Squat libero 1306 1573
Squat al multipower 1359 1515
Kettlebell swing 1402 1569

La forza media con la percentuale di carico del 65% rispetto all'1-RM tra swing e squat libero è molto significativa, infatti è maggiore del 7,5% (p<0,02) nello squat libero.

Velocità media espressa negli esercizi

La velocità media più elevata è registrata nello squat libero in entrambi i test sia con carichi del 65% che con carichi dell'85% rispetto all'1-RM.

Quindi nello swing e nello squat al multipower si esprimono velocità medie minori rispetto allo squat libero.

Al 65% del massimale nello swing si esprime una velocità media minore pari al -6% (p<0,02) rispetto allo squat tradizionale.

Rendimento

Il rendimento indica in percentuale (%) la quantità di energia prodotta dal soggetto  che viene effettivamente trasformata in lavoro meccanico esterno.

Di ogni esercizio conosciamo sia la durata che il carico totale utilizzato ed è dunque possibile risalire all'accelerazione della velocità e all'accelerazione della forza attraverso le formule:

ACC. VEL. (encoder)= V med (m/s) / durata (s)
ACC. FORZA = ∆F (Fmed - m)(N) / m(kg)

Rapportando i due valori risaliamo al rendimento di ogni esercizio.