Fitness in acqua
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Fitness in acqua

La ginnastica in acqua apporta enormi benefici alla salute ed inoltre è un eccellente strumento per combattere gli inestetismi, dimagrire ed ottenere la tanto agognata tonificazione

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Fitness in acqua

La ricerca spasmodica di prodotti eccezionali che possano risolvere i problemi estetici, talvolta conduce a articoli che non sempre hanno i requisiti ottimali per non influire anche sulla salute a lungo termine.

Abbiamo a disposizione prodotti naturali che più di ogni altro, da sempre, si proiettano in maniera positiva sulla sfera fisica e psichica del nostro "cerchio" vitale.

L'acqua è uno di questi.

Il mondo delle piscine ha avuto come corrispondente immediato quello del nuoto, ma è ormai da molti anni consolidata la nuova realtà della ginnastica in acqua.

Non è difficile fare pubblicità ad un prodotto che funziona, ma è molto difficile far realmente comprendere che tali benefici esistono quando chi talvolta ne usufruisce o addestra le persone perde di vista le proprietà benefiche dell'elemento in cui agisce.

Vediamo rapidamente quali siano tali possibilità che fin da subito, anche solo entrando in acqua, si verificano inequivocabilmente e, fortunatamente, in maniera positiva.

Il primo gioiello dell'acqua è la pressione idrostatica, cioè la pressione che l'acqua esercita su ogni parte del corpo, che ha una caratteristica importante e salutare: decresce dal basso verso l'alto.

Sembra poca cosa, forse, ma ha un effetto drenante favorevole alla circolazione di notevole importanza per l'apparato circolatorio linfatico e vascolare.

"Tradotto" significa che le nostre gambe traggono un benefico giovamento dall'immersione in acqua grazie al fatto che la pressione spinge dal basso verso l'alto e consente quindi di migliorare sia l'aspetto estetico, limitando il gonfiore delle gambe stesse, sia quello fisico, stimolando l'organismo a smaltire più facilmente le sostanze nocive.

È l'effetto benefico che è dato dalle calze cosiddette "compressive" senza però la compressione reale e la traspirazione è libera e non bloccata dai tessuti.

Non è importante solo per le donne, ma anche per gli uomini che possono trarne giovamento ritrovando una sensazione di maggiore rilassamento dopo l'attività.

Già, l'attività, o meglio, il movimento in acqua è la seconda parte importante legata al benefico aspetto del mondo fluido.

Se si associa al fattore pressorio un gesto qualsiasi, ad esempio la corsa, i benefici precedenti si potenziano, in quanto lo stimolo muscolare agisce da ulteriore agente propulsivo degli stimoli vascolari.

Inoltre, i tessuti muscolari sollecitati traggono un beneficio dall'azione motoria sviluppando un moderato aumento di tensione che si traduce poi, nel medio periodo, in un aspetto fisico ed estetico più tonico e salutare.

Questi aspetti sono indipendenti dall'attività in senso stretto: è importante sapere che l'immersione in acqua è già di per sé un aspetto di "training" sia cardiaco che vascolare, e questi effetti si verificano anche se non si "volesse" semplicemente muovendosi in acqua.

Se però a questi effetti associamo altri aspetti positivi quali quelli della ginnastica in acqua e quelli del nuoto, allora possiamo ben credere che l'acqua torni ad avere quel valore ancestrale di beneficio che tutti le riconosciamo.

Ginnastica in acqua: i 3 movimenti principali

  • corsa
  • oscillazioni delle gambe
  • movimenti alternati delle braccia

Le tre azioni, svolte in maniera coordinata, svolgono un'azione completa e formidabile per l'aumento della "tonificazione" (termine improprio e non corretto che però rappresenta, convenzionalmente, un rassodamento generale) dei tessuti e della muscolatura in genere.

Attenzione: non esiste rischio di diventare "gonfi"! Non si aumenta così facilmente di dimensioni in acqua, anzi.

Dimagrire con il fitness in acqua

Quando si affronta un'attività fisica e sportiva, almeno in acqua, dal punto di vista estetico il parametro da considerare non deve mai essere il peso, ma le taglie e gli abiti che si indossano.

Infatti, il muscolo pesa molto più del grasso e all'apparenza, dopo un po' di pratica fisica, può sembrare di pesare sempre uguali se non di più, ma non è importante, potremmo aver variato la nostra composizione corporea, aver perso grasso e guadagnato in tono.

Uno dei test "estetici" più interessanti che si può svolgere legato al mondo acquatico è quello dei vestiti.

Prima di andare in piscina a fare una lezione di Acquagym o di nuoto, indossate degli abiti che vi vadano un po' stretti o giusti.

Dopo l'attività vi accorgerete che si saranno" magicamente" allargati.

È un effetto transitorio positivo del movimento in acqua, e dopo un po' si ristabilirà l'equilibrio precedente.

Ma, se l'attività si ripeterà in maniera ciclica tali modificazioni influiranno in maniera più costante sul vostro aspetto estetico.

Non è la panacea di tutti gli inestetismi né vi renderà i capelli, se siete calvi, ma l'acqua è quanto di meglio la natura ci abbia regalato e noi siamo composti d'acqua.

"Tornarci" dentro, almeno ogni tanto, consapevoli dei benefici che può regalarci deve essere un importante stimolo a volersi coccolare da soli.

La salute è anche regalarsi qualcosa, e l'acqua è sempre lì che aspetta…