I benefici del treadmill
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

I benefici del treadmill

Treadmill o corsa all'aria aperta, quali sono i vantaggi e i punti a sfavore di una corsa sul tapis roulant rispetto a quella praticata in pista o in strada?

Autore:
Ultimo aggiornamento:

I benefici del treadmill

Il treadmill è un attrezzo ben conosciuto dai frequentatori delle palestre; è semplicemente il tapis roulant sul quale possiamo praticare una corsa sul posto, scegliendo ritmi, andature, carichi e pendenze varie.

A primo acchito il tappeto può apparire come una comoda alternativa alla corsa all'aperto; a tal riguardo si assiste ad una disparità tra sportivi, ovvero tra l'80%, che condivide tale pensiero, e il restante 20% che ne rappresenta l'opinione opposto. Infatti è possibile distinguere i pregi e i difetti di questo strumento.

Analizziamo quindi i pro e i contro: correre sul tapis roulant è semplice dopo aver trovato il giusto equilibrio ed aver preso confidenza. Grazie all'elasticità di ritorno, il nastro che scorre ha una velocità maggiore rispetto a quella reale effettuata su terreno; va aggiunta anche l'assenza di resistenza dell'aria che contrasta la velocità della corsa. Si deduce quindi che a pari velocità si spende energicamente di meno. Può tornare utile inclinare la pedana, aumentando la pendenza del 2-3% affinchè il consumo a confronto risulti pari. Ovviamente viene modificato lo stile della corsa.

È prevedibile pensare, inoltre, che la corsa sul tappeto manca della spinta in avanti che invece si ha con la corsa normale: sul treadmill il soggetto ha solo da opporsi alla direzione del nastro; se da un lato il primo difetta della spinta, dall'altro aumenta il lavoro del tibiale anteriore: il carico dell'apparato cardiovascolare è minore e ciò è dovuto al fatto che se manca la spinta in avanti lavorano maggiormente i quadricipiti e, proprio per sottrarsi al contatto col nastro, si solleverà in maggior misura il piede, sforzando il tibiale anteriore. Si arriva perciò alla conclusione che, nonostante l'apparato cardiocircolatorio lavori di meno a confronto di una corsa normale, si avverte una maggiore fatica che scompare una volta presa una certa dimestichezza col tappeto.

Un punto a sfavore del tapis roulant riguarda l'eccessiva elasticità che provoca l'aumento dei rischi di danni al tendine d'Achille e alle ginocchia, strutture eccezionalmente sollecitate nelle corse; ciò coinvolge in particolare chi si avvicina all'attrezzo con un approccio sbagliato, portandosi dietro per qualche giorno dei fastidiosi indolenzimenti. È improduttivo utilizzare il tappeto con l'intenzione di superare i 20km/ora perchè si vanificherebbero gli sforzi in quanto questo attrezzo non è adatto a chi svolge un allenamento veloce o in lungo.

Il tappeto è uno strumento che se usato bene si rivelerà molto efficace per raggiungere i propri obiettivi di forma fisica; infatti un impiego regolare migliora la qualità della vita in relazione alla perdita di peso, al miglioramento del tono muscolare e dell'efficienza cardiaca e alla riduzione dello stress quotidiano. Ricordo che a ciò si giunge sempre e comunque sostenendo un allenamento costante.

La frequenza ideale di allenamento che punti a migliorare l'apparato cardiovascolare sono sufficienti 3-4 sedute alla settimana da 20-30 minuti, mentre se vogliamo perdere peso o grassi è bene aumentare la frequenza degli esercizi; è sottointeso precedere la corsa da un riscaldamento e terminarla con degli esercizi di stretching.

Sfortunatamente come la maggior parte degli altri attrezzi ginnici, il tapis roulant presenta delle controindicazioni: forte sovrappeso, problemi osteo- articolari/ muscolare a carico di ginocchia, caviglie, piedi, problematiche a carico della colonna vertebrale e gravi problemi di equilibrio.

Parlando di errori invece, quello più comune si riferisce all'appoggio podalico: nella corsa normale il piede partecipa al passo iniziando dal tallone per poi concludere con lo stacco del piede da terra; purtroppo il passo effettuato male, sul tappeto può riportare delle modifiche che si ripercuotono sull'andatura, creando eventi traumatici alla schiena. L'errore che riguarda l'eccessivo appoggio sul tallone è proprio delle persone pesanti o con piedi piatti, mentre un altro errore, quello dell'eccessivo appoggio sull'avampiede, interessa soggetti con piedi cavi o i ragazzi in fase di crescita che riportano spesso la tendenza a correre sulle punte.
Ora che vi ho presentato pregi e difetti del treadmill, non vi resta che iniziare a correre!