Sport e dimagrimento
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Sport e dimagrimento

La maggior parte delle persone approccia lo sport con la finalità di ottenere una diminuzione del peso corporao. Ma non tutte le modalità sono corrette

Cerca tra i nostri articoli

Allenamento per il dimagrimento

Quando si parla di allenamento mirato al dimagrimento, l'obiettivo da raggiungere sarà focalizzato sulla diminuzione della massa grassa . Per diminuire il tessuto adiposo in eccesso, sarà dunque necessario attuare ed adattare un piano operativo adeguato. Esso si articolerà nella pianificazione del programma allenante, nonché nella richiesta da parte dell'operatore di aumen

I principi fondamentali dell'allenamento

Principio del sovraccarico Secondo questo principio il carico deve essere tale da creare uno stress o un'intensità di allenamento maggiore rispetto a quella cui l'organismo è abituato. Esempio Se il soggetto deve eseguire 8 ripetizioni di curl con bilanciere all'80% del suo massimale (30 Kg), se le esegue con 5 Kg, mantenendo lo stesso numero di ripetizioni, non sarà

Benefici e obiettivi dell'attività fisica

Altro aspetto fondamentale da non trascurare, sono i benefici che l'attività fisica apporta all'organismo, ai vari distretti: cuore : maggiore efficienza contrattile, bradicardia a riposo, diminuzione della pressione min e max polmoni : maggiore funzionalità respiratoria, maggiore tolleranza allo sforzo, maggiore VO 2 max composizione corporea: diminuzione

Obiettivo dimagrimento: il lavoro in team

Nel processo di dimagrimento, sono svariate le variabili implicate per la riuscita di questo obiettivo. Infatti, ci sono molte componenti di cui bisogna tenere conto per far si che i risultati raggiunti siano duraturi nel tempo. Nelle persone in sovrappeso e negli obesi, intervengono fattori molto più profondi della semplice alimentazione non corretta; esistono spesso dei

Il metabolismo

Quando si parla di perdita di peso o di dieta, la parola che viene in primo luogo citata è metabolismo . Ma di cosa si tratta esattamente? Il termine metabolismo deriva dal greco e significa "cambiamento" , "trasformazione" . In relazione all'organismo umano, il metabolismo indica la quantità di energia che il nostro corpo consuma per mantenere attive le funzion

Tessuto adiposo e grasso viscerale

Tessuto adiposo bianco Il tessuto adiposo bianco possiede tre funzioni principali : isolamento termico : situato direttamente sotto la pelle, è un isolante termico particolarmente importante nel corpo, poiché esso conduce calore, infatti il grado di isolamento termico dipenderà dallo spessore dello strato di grasso, più spesso è, maggiore isolamento verrà perc

Cellulite

Al di sotto dello strato cutaneo si trova il pannicolo adiposo , un particolare tessuto formato da cellule adipose e sostenuto da tessuto reticolare. È composto principalmente da collagene ed irrorato da una microcircolazione. Proprio per mezzo di quest'ultima viene apportata energia da parte del tessuto adiposo che viene trasferita all'organismo, il quale la accumula

Meccanismi energetici

Il corpo umano è una macchina perfetta. E proprio come una macchina per produrre l'energia necessaria al suo movimento necessita di "carburante". Questo carburante che ci fa muovere (attraverso la contrazione dei vari distretti muscolari) ci viene fornito dall'adenosintrifosfato (ATP). L' ATP costituisce dunque la base energetica della contrazione muscolare che fornisce

Sovrappeso ed obesità

Negli ultimi anni il problema dell'obesità si è dimostrato come un problema di grande importanza sia per i paesi più sviluppati che per quelli più poveri, dando vita ad un aumento di problemi sociali, sanitari e incrementando il tasso di mortalità. La sua diffusione ha portato l'OMS a definirla come un' epidemia di carattere mondiale . Da uno studio effettuato dalla NHANES

Il ruolo della leptina

La leptina è un piccolo ormone di natura proteica coinvolto nel consumo energetico e nella regolazione del metabolismo lipidico, che viene codificato dal gene dell'obesità chiamato OB. Questo ormone viene prodotto dal tessuto adiposo bianco ed i suoi recettori sono localizzati nell'ipotalamo. L' ipotalamo è deputato al controllo del peso, della temperatura

Obesità infantile

L' obesità infantile secondo i più esperti nutrizionisti, è il risultato di un bilancio energetico positivo prolungato nel tempo. Questo significa che il bambino introduce all'interno del proprio organismo più calorie di quanto ne consuma. Un bambino può definirsi obeso, quando il suo peso supera del 20% quello ideale per sesso, età, peso ed altezza. Un dato allarmant

Rischi dell'apparato locomotore

L'obesità e il sovrappeso rappresentano un rischio importante per lo sviluppo di molte patologie a livello metabolico e cardiovascolare, ma non solo. Infatti, l'eccesso di peso comporta una serie di problematiche che possono facilmente degenerare anche a carico dell'apparato locomotore. Maggiore è il carico che ci si porta dietro, maggiori sono anche le situazioni di risch

Rischi cardiometabolici

Tra le varie problematiche legate all'eccesso di peso che aumentano il rischio di mortalità , troviamo nel breve termine la sindrome metabolica , mentre nel lungo-medio termine il diabete mellito e le problematiche riguardanti l'apparato cardiovascolare. Sindrome metabolica La sindrome metabolica è un insieme di vari fattori di rischio metabolici , che promuovono lo

Diabete

Il diabete mellito rappresenta un gruppo di disordini metabolici diversi tra loro caratterizzati da difetti nella secrezione di insulina, della sua azione o di entrambi. Distinguiamo due tipi diversi di diabete: diabete di tipo 1 (diabete giovanile) diabete di tipo 2 (diabete senile) Diabete di tipo 1 È caratterizzato dalla mancanza di

Problematiche cardiovascolari

Nei soggetti in sovrappeso è frequente osservare problematiche cardiovascolari, che comportano disabilità. La cardiopatia che colpisce con maggior frequenza questi individui è la cardiopatia ischemica , che consiste in un deficit temporaneo o persistente del flusso coronarico, che priva di ossigeno il tessuto muscolare cardiaco e può provocarne la morte per necrosi tissuta

Intervista conoscitiva

Il primo passo da compiere nella valutazione è la cosiddetta intervista, erroneamente chiamata anamnesi (dato che può essere fatta solo da personale medico). Compito di questa prima fase è dunque raccogliere il maggior numero di informazioni necessarie a stilare il programma di lavoro. Premettendo che la valutazione fatta da parte dell'istruttore non sostituisce il parere med

Valutazione antropometrica

Compito della valutazione antropometrica, è quella di valutare la costituzione dell'organismo , nonché quella di avere dei punti di riferimento e dei parametri di confronto nel tempo. Sapendo che il corpo umano è formato da massa magra (scheletro, muscoli ed organi interni), massa grassa (tessuto adiposo) e acqua, effettuare la valutazione antropometrica serve a valutare la

Schede di allenamento per biotipo endomorfo

L'allenamento consigliato per i soggetti che classificati come biotipi endomorfi secondo la classificazione di Sheldon consiste nel lavorare sul volume di lavoro a discapito dell'intensità, dove il lavoro aerobico risulterà fondamentale, come risulterà importante allenare anche la forza muscolare, preferendo esercizi di isolamento per via della scarsa visibilità muscolare. Q

Plicometria

La plicometria invece utilizza il plicometro, uno strumento costituito da una pinza e da una scala graduata che misura la distanza fra le due punte. Attraverso la plicometria, vengono rilevate le pliche cutanee in diversi punti del corpo, che attraverso determinate formule (in base al protocollo utilizzato), danno come risultato la percentuale di grasso corporeo, attrav

Obesità di tipo androide: schede di allenamento

Il soggetto affetto da obesità di tipo androide necessita di un allenamento a circuito per il tronco , mentre per gli arti inferiori è indicato un lavoro di tipo ipertrofico, preferendo gli esercizi che coinvolgono più gruppi muscolari congiuntamente. Questo tipo di obesità prevale negli uomini dove la circonferenza vita è superiore rispetto a quella dei fianchi ( WHR < 0,

Bioimpedenziometria, calorimetria, dexa

La bioimpedenziometria (BIA) rappresenta una semplice metodica utilizzata per valutare la quantità d'acqua totale presente nel corpo. È la misurazione della impedenza bioelettrica , un metodo rapido e non invasivo, basato sul fatto che nei tessuti nei quali è presente un elevato contenuto d'acqua viene opposta minor resistenza al passaggio della corrente elettri

Obesità di tipo ginoide: schede di allenamento

Soggetto affetto da obesità di tipo ginoide: esempio di lavoro numero 1 Soggetto affetto da obesità di tipo ginoide: esempio di lavoro numero 2 Nell'obesità di tipo ginoide il training consigliato consiste nell'eseguire lavoro aerobico o a circuito per gli arti inferiori, mentre, per la parte superiore del corpo, è necessario un lavoro mirato ad armonizzare i v

Valutazione funzionale

La valutazione funzionale (o motoria) è uno dei cardini fondamentali della preparazione fisico-sportiva, infatti grazie ai vari test è possibile impostare un miglior programma di lavoro basato sull'oggettività, individuando in tal modo quali sono i carichi ottimali e specifici per il singolo soggetto che abbiamo di fronte. Grazie alla valutazione funzionale è possibile verif

Programma di allenamento per dimagrire

Quando si inizia a preparare un programma di allenamento la cosa principale da fare è quella di costruire un piano di lavoro appropriato , soprattutto in vista dell'obiettivo finale che si vuol perseguire. Il primo passo da compiere per riuscire a raggiungere un determinato risultato, sarà riflettere e decidere su quali siano gli obiettivi da voler raggiungere. Ovviamente

Resistenza aerobica

Per valutare la resistenza aerobica, esistono svariati test, sia da campo che da laboratorio. Nel presente testo verranno analizzati i test più pratici e comuni da poter far svolgere al soggetto per valutare questa capacità. Test di Cooper Questo semplice e pratico test viene utilizzato sia per misurare il massimo consumo di ossigeno (VO 2 Max) che vedremo successivamente,

Test del miglio

Questo test, a differenza del precedente, trova maggior riscontro nei soggetti poco allenati. Svolgimento del test Dopo un iniziale riscaldamento a ritmo moderato, viene chiesto al soggetto di percorrere la distanza per l'appunto di un miglio (1609 metri) nel minor tempo possibile. Durante lo svolgimento del test, occorre monitorare il tempo di percorrenza della prova

VO2Max

Per VO 2 Max (massimo consumo di ossigeno) si intende la quantità massima di ossigeno che un soggetto è in grado di consumare in un determinato tempo, svolgendo un'attività fisica di elevata e crescente intensità  e protratta fino all'esaurimento. Il VO 2 Max rappresenta la massima quantità di ossigeno che può essere ceduta ai muscoli in azione durante lo svolgimento di

La scala di Borg e la percezione dello sforzo

La scala di Borg prende il nome dal suo inventore, Gunnar Borg , un medico danese che negli anni '50 ideò questa scala per quantificare la percezione dello sforzo, rapportandola d una seri di livelli. Nello specifico, Borg mise a punto due scale: Scala di Borg RPE (rating of perceived exertion) Con la quale si valuta la percezione dello sforzo in base all'aumento del

Test dell'1-RM

Il test dell'1-RM è il più affidabile test da utilizzare per stabilire il massimale del soggetto. I limiti di questo test risiedono nel fatto che necessita di molta assistenza, ed è rischioso in alcuni esercizi come, ad esempio, lo squat, dove il soggetto se non seguito correttamente e non in possesso della capacità lasciar cadere il bilanciere in caso di fallimento della prova

Valutazione dello stato di salute

È necessario conoscere lo stato di salute a chi si avvicina per la prima volta ad intraprendere dell'attività fisica, in maniera tale da renderla partecipe, alle varie problematiche legate all'eccesso di peso, nonché ai rischi annessi e connessi al suo problema. Le valutazioni dello stato di salute principalmente utilizzate sono il calcolo del BMI (body mass index) in

Test per il calcolo del rischio di patologie cardiache

Il test proposto da McArdle, Katch e Katch, è di semplice esecuzione e dà un quadro abbastanza preciso sul rischio connesso allo stato attuale del soggetto di andare incontro a patologie cardiache. Per eseguire il test, sarà necessario calcolare i punti della tabella di figura 2.10, ed una volta sommati, basterà confrontare il valore ottenuto con la tabella qui di seguito per

Biotipo endomorfo e training consigliato

Ogni essere umano presenta delle caratteristiche proprie legate al suo patrimonio genetico ed alle influenze provenienti dall'ambiente esterno. Lo studio del biotipo umano , valuta l'insieme di tutte le caratteristiche ereditarie, dei caratteri morfologici, funzionali, intellettuali, morali e psichici. Nello sport queste indicazioni possono indirizzare il giovane atleta, ve

Attività sportive e dispendio calorico

Qualunque attività venga svolta dagli esseri viventi richiede un consumo energetico: dormire, respirare, leggere, parlare fino allo svolgimento di attività fisiche più intense, tutto richiede energia per funzionare . Ovviamente, la quantità di energia richiesta per ogni tipo di attività varia in base alla consistenza della stessa e così il suo utilizzo. È importante

MET

Il termine MET deriva da " M etabolic E quivalen T " e definisce un'unità per esprimere il costo di un esercizio in termini di energia ed ossigeno. Il suo valore corrisponde al metabolismo energetico in condizioni di riposo. Quindi, un MET equivale ad un consumo di ossigeno di 3,5 ml per kg di peso corporeo per minuto: 1 MET = 3,5 ml / (kg * min) Il MET può

Allenamento aerobico e dimagrimento

L'esercizio aerobico è un'attività che attraverso l'utilizzo di grosse masse muscolari, può essere mantenuta in maniera costante nel tempo. Attraverso l'attività aerobica, si allenano cuore e polmoni , rendendo la muscolatura cardiaca più efficiente, con effetti benefici sulla FC a riposo e con conseguente diminuzione dell'insorgere della fatica durante e dopo lo sforzo fisi

Allenamento aerobico-anaerobico alternato e dimagrimento

Dagli ultimi studi è stato dimostrato che si hanno maggiori possibilità di perdere grasso corporeo e aumentare la massa muscolare alternando un lavoro aerobico ad un lavoro anaerobico anche nella stessa seduta di allenamento. Si parla di lavoro anaerobico quando viene effettuato un allenamento in assenza di ossigeno, al contrario dell' allenamento aerobico che ne richiede

HIIT, EPOC AND FAT LOSS

Negli ultimi anni tra le nuove metodiche di allenamento, sempre più spesso si sente parlare di allenamento intermittente ad alta intensità , il cosiddetto HIIT (high-intensity intermittent training). Secondo i pionieri del metodo, l'HIIT per via dell'elevata intensità di lavoro, aumenta il metabolismo basale per le 24 ore successive l'allenamento, a causa dell'eccessiv

EPOC

Durante l'allenamento, quando l'energia viene fornita attraverso i meccanismi anaerobici, all'interno dell'organismo si crea un deficit di ossigeno. Nel post training dunque la captazione di O 2 rimane sopra ai livelli iniziali la seduta di training, con una durata che varia in base all'intensità ed alla durata dell'esercizio stesso. Questo debito di ossigeno, prende il nom