Valutazione funzionale
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Valutazione funzionale

La valutazione funzionale si compone di diversi test (frequenza cardiaca, resistenza aerobica, test del miglio) di primaria importanza per una corretta impostazione dell'allenamento

Autore:
Ultimo aggiornamento:


Valutazione funzionale

La valutazione funzionale (o motoria) è uno dei cardini fondamentali della preparazione fisico-sportiva, infatti grazie ai vari test è possibile impostare un miglior programma di lavoro basato sull'oggettività, individuando in tal modo quali sono i carichi ottimali e specifici per il singolo soggetto che abbiamo di fronte.

Grazie alla valutazione funzionale è possibile verificare i miglioramenti avvenuti dopo periodi di allenamento e quindi stabilire se sono stati efficaci per l'aumento della prestazione, ed inoltre in questo modo risulta possibile controllare durante le varie fasi, lo stato di forma del soggetto.

Frequenza cardiaca

La valutazione della frequenza cardiaca (FC) può essere un punto di riferimento importante per impostare i vari programmi di allenamento monitorati da questo parametro, soprattutto quando si lavora sui macchinari cardiovascolari.

La rilevazione della FC può essere ricavata sia manualmente (ponendo dito indice e medio) attraverso la rilevazione del polso radiale (localizzata nella parte interna del polso), o attraverso la rilevazione del polso carotideo (localizzato tra la trachea ed il muscolo anteriore del collo).

Questa rilevazione va fatta per un minuto o anche meno (moltiplicando i secondi fino a giungere ad 1 minuto), ed in questo modo vengono stabiliti i battiti per minuto (BPM).

Inoltre la rilevazione può avvenire attraverso l'utilizzo di un cardiofrequenzimetro, che risulta di più semplice utilizzo ed applicazione durante l'allenamento.

La FC a riposo si rileva al mattino appena svegli, mentre durante l'allenamento si rileva la FC di lavoro.

In base alla percentuale di FC rispetto a quella massimale, i lavori svolti da parte del soggetto, potranno avere diversi obiettivi come illustrato nella tabella sottostante.

Tipo di lavoro % FC MAX
Allenamento anaerobico 80-100%
Allenamento cardiocircolatorio 70-80%
Attività fisica per il dimagrimento 60-70%
Attività fisica moderata 50-60%

Formula di Cooper

Attraverso la formula di Cooper, è possibile rilevare la frequenza cardiaca massima (FC Max) del soggetto, attraverso la formula:

FC Max = 220 - età

Ottenuto questo valore, è possibile rilevare in base all'obiettivo che si vuol far perseguire al soggetto, la percentuale di lavoro attraverso la seguente formula:

percentuale di lavoro = (FC Max * percentuale di lavoro) / 100

Esempio

Un soggetto di 35 anni, che deve perder peso, vuole sapere a quanto deve mantenere la propria FC quando effettua la corsa sul tapis roulant per raggiungere l'obiettivo dimagrimento.

Sapendo che la % di FC per il dimagrimento è compresa tra il 60-70% della FC Max (vedi tabella precedente), avremo:

220 - 35 (età) = 185 Bpm (FC Max)
(185 * 60 (% di lavoro)) / 100 = 111 Bpm (60% della FC Max)
(185 * 70 (% di lavoro)) / 100 = 129,5 Bpm (70% della FC Max)

Quindi il soggetto per raggiungere l'obiettivo prefissato, dovrà mantenere una FC tra 111 e 129,5 Bpm.

Formula di Karvonen

Un ulteriore metodo per rilevare la FC di lavoro, che risulta più precisa rispetto alla formula di Cooper è la formula di Karvonen.Questa formula risulta maggiormente precisa perché rispetto alla precedente, tiene in considerazione anche la FC a riposo del soggetto.

La formula di Karvonen è la seguente:

220 - età = FC Max teorica
FC Max - FC a riposo = FC riserva di lavoro
[(FC di riserva * percentuale di lavoro) / 100] + FC di riposo

Esempio

Un soggetto di 20 anni, vuole effettuare un allenamento cardiocircolatorio (70-80% della FC Max), la sua FC a riposo è di 70 Bpm, quindi avremo:

220 – 20 (età) = 200 Bpm (FC Max teorica)
200 (FC Max) – 70 (FC a riposo) = 130 Bpm (FC di riserva di lavoro)
((130 (FC di riserva) X 70 (% di lavoro)) / 100) + 70 (FC di riposo)
=
161 BPM (Fc di lavoro al 70%)
((130 (FC di riserva) X 80 (% di lavoro)) / 100) + 70 (FC di riposo)
=
174 BPM (Fc di lavoro al 80%)

Quindi il soggetto per raggiungere l'obiettivo prefissato, dovrà mantenere una FC tra i 161 e i 174 Bpm.