VO<sub>2</sub>Max
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

VO2Max

Cos'è il VO2Max? Si tratta della quantità massima di ossigeno che un soggetto è in grado di consumare in un determinato tempo, svolgendo un'attività fisica di elevata e crescente intensità e protratta fino all'esaurimento

Autore:
Ultimo aggiornamento:

2Max? Si tratta della quantità massima di ossigeno che un soggetto è in grado di consumare in un determinato tempo, svolgendo un'attività fisica di elevata e crescente intensità e protratta fino all'esaurimento' data-link='http://www.nonsolofitness.it/allenamento/sport-dimagrimento/vo2max.html'>

VO<sub>2</sub>Max

Per VO2Max (massimo consumo di ossigeno) si intende la quantità massima di ossigeno che un soggetto è in grado di consumare in un determinato tempo, svolgendo un'attività fisica di elevata e crescente intensità  e protratta fino all'esaurimento.

Il VO2Max rappresenta la massima quantità di ossigeno che può essere ceduta ai muscoli in azione durante lo svolgimento di un esercizio.

Fattori genetici quali sesso, età, malattie e ambiente atmosferico rappresentano delle variabili che possono incidere ed influenzare il valore del VO2Max.

È stato stimato che nelle donne i valori del VO2Max scendono fino al 15% in meno rispetto ai valori degli uomini.

Con l'avanzare degli anni, ma soprattutto con le modifiche a cui spesso va incontro il corpo umano, diminuiscono anche i valori del VO2Max, scendendo all'incirca dell'1% annuo.

Questo calo è dovuto soprattutto alle modifiche fisiche che subisce un soggetto nel corso degli anni: inattività fisica e aumento di peso sono fra le costanti più comuni che si riscontrano nei soggetti in età avanzata e proprio questi fattori sono tra le principali cause di diminuzione del massimo consumo di ossigeno.

È stato riscontrato, infatti, che a parità di età, i valori del VO2Max in persone fisicamente attive e in normopeso fossero più alti rispetto a coetanei con uno stile di vita sedentario e in sovrappeso.

L'ambiente nel quale si vive o si svolge l'allenamento è un'altra delle caratteristiche peculiari per l'andamento del VO2Max.

Certo è che maggiore è l'altitudine a cui ci si trova minore sarà la quantità di VO2Max prodotta.

Altro fattore che incide sulla diminuzione del VO2Max è rappresentato dalla presenza di malattie a livello cardiovascolare e respiratorio.

In questi casi, essendo ridotto l'afflusso di ossigeno dall'esterno al sangue con conseguente deficit a livello muscolare è comune un riscontro dei  più bassi livelli di VO2Max.

È stato però dimostrato che questo valore è anche molto sensibile a variazioni positive a seguito di un adeguato allenamento alla resistenza con notevole aumento del VO2Max.

La formula per il calcolo del VO2Max è:

VO2Max = FC x GS x DIFFERENZA ARTERO-VENOSA DI OSSIGENO

Nella quale FC (frequenza cardiaca) rappresenta il numero di pulsazioni al minuto, GS (gittata sistolica) la quantità di sangue che esce dal ventricolo sinistro ad ogni sistole e la differeza artero-venosa di ossigeno indica la quantità di ossigeno estratta a livello del circolo sanguigno nel passaggio da parte del sangue ai capillari.

Esiste una metodologia diretta, svolta in laboratorio, la quale prevede di misurare l'esatta quantità di ossigeno prodotta da un soggetto nell'esecuzione di uno sforzo massimale e, quindi a esaurimento, o sub massimale, nel quale all'aumento del carico di lavoro non corrisponde più l'aumento del consumo di ossigeno.

L'altra metodologia prevede una valutazione indiretta del VO2Max effettuando dei test che prendono in esame l'aumento del consumo d'ossigeno in relazione con l'incremento della frequenza cardiaca fino al raggiungimento della soglia anaerobica.

È importante tener conto di alcune variabili che potrebbero influenzare il risultato del test, quali l'età, il sesso, la presenza di disturbi cardiovascolari, l'altitudine, lo stress.

I parametri di cui tengono conto i test per la misurazione del VO2Max sono:

  • Frequenza cardiaca
  • Apporto di ossigeno
  • Intensità di lavoro muscolare

Test da campo

Test di camminata

prevede di camminare coprendo la distanza di un miglio a velocità sostenuta, senza pendenze ne ostacoli.

Al termine del test, si rileveranno tempo di percorrenza e frequenza cardiaca, applicati con la seguente formula:

VO2Max = 132,853 – (0,17089 x peso in Kg) – (0,3877 x età) + (6,3150 x S) – (3,2649 x tempo impiegato a realizzare il miglio) – (0,1565 x FC rilevata a fine test)

In cui S = 1 se il soggetto è un uomo, S = 0 se è donna. Il tempo deve essere espresso al centesimo di minuto (13'14'' va scritto 13,14).

Test di Cooper

Attraverso la distanza percorsa in metri (d) si può risalire al VO2Max attraverso la formula:

VO2Max = (d – 505) / 45

Inoltre è stato osservato come indicato nella tabella sottostante, che esiste una correlazione tra frequenza cardiaca e massimo consumo di ossigeno:

VO2Max %FcMax
35 50
48 60
60 70
73 80
86 90
100 100
2Max? Si tratta della quantità massima di ossigeno che un soggetto è in grado di consumare in un determinato tempo, svolgendo un'attività fisica di elevata e crescente intensità e protratta fino all'esaurimento'>