Materiali e metodi
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Materiali e metodi

Campione, materiali, test, single hop, side hop, triple hop, cross over, cinque metri, dieci metri, venti metri.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Campione

Il campione è costituito da giovani calciatori (n = 26), tutti di genere maschile. La tabella 1 riassume le caratteristiche del campione utilizzato.

Tabella uno
Valori medi del campione utilizzato.

Hanno completato tutte le valutazioni 19 giovani calciatori

Mappa campione
Mappa del campione

I soggetti valutati sono atleti del settore giovanile tesserati per l'ASD Nick Calcio Bari. Tutti i partecipanti allo studio sono stati informati circa obiettivi della valutazione ed eventuali rischi connessi alla stessa.

Materiali

Nella ricerca effettuata sono state utilizzate varie attrezzature sia per testare i giovani calciatori che per proporre il lavoro da svolgere. Per le misurazioni antropometriche sono state utilizzate una bilancia ed uno stati metro. Per i test funzionali è stato utilizzato il Functional Movement Screen Test Kit. Per quanto riguarda gli altri test motori, l'attrezzatura utilizzata era composta da un cronometro, conetti, una rotella metrica ed un nastro. Durante svolgimento dei test, inoltre, sono state utilizzate una fotocamera ed una videocamera.
FMS Kit
Functional Movement Screen Test Kit.

Descrizione dei test

SINGLE HOP TEST FOR DISTANCE :

Hop test
Reid A et al. PHYS THER 2007;87:337-349.

Protocollo : l'atleta si posiziona su una sola gamba, con la punta dei piedi in corrispondenza della punta di partenza ed esegue un hop massimo orizzontale, con l'atterraggio sulla stessa gamba; le braccia possono oscillare liberamente per assistere; la distanza viene misurata dalla linea di partenza alla posizione della parte posteriore tallone dopo l'atterraggio; la posizione di atterraggio deve essere mantenuta per 2", senza perdita di equilibrio. (132)

SIDE HOP TEST FOR DISTANCE :

Hop distance
Reid A et al. PHYS THER 2007;87:337-349.

Protocollo : l'atleta si posiziona su una sola gamba, con il margine interno del piede lungo la linea di partenza ed esegue un hop massimo laterale, con atterraggio sulla stessa gamba; le braccia possono oscillare liberamente per assistere; la distanza viene misurata dalla linea di partenza alla posizione del margine esterno del tallone dopo l'atterraggio; la posizione di atterraggio deve essere mantenuta per 2", senza perdita di equilibrio. (133)

TRIPLE HOP FOR DISTANCE TEST:

Hop triple
Reid A et al. PHYS THER 2007;87:337-349.

Protocollo : l'atleta si posiziona su una sola gamba, con la punta del piede in corrispondenza della linea di partenza; egli esegue tre salti in avanti con il massimo sforzo; la distanza finale viene misurata dalla linea di partenza fino alla parte posteriore del tallone, alla fine del terzo hop. (134)

CROSS-OVER HOP FOR DISTANCE TEST :

Cross over
Reid A et al. PHYS THER 2007;87:337-349.

Protocollo : viene posizionata per terra una striscia di nastro di 15 cm di larghezza; l'atleta deve eseguire 3 salti consecutivi ad una sola gamba, attraversando di volta in volta la linea centrale; egli non può eseguire pause tra un hop e l'altro; la distanza massima viene misurata dalla linea di partenza fino alla parte posteriore del tallone, alla fine del terzo salto. (135)

TEST DEI 5 METRI

Test cinque metri

Protocollo : il soggetto si pone in piedi davanti alla linea di partenza ed esegue uno sprint fino al termine dei 5 metri. Con un cronometro viene misurato il tempo di percorrenza del tratto.

TEST DEI 10 METRI

Test dieci metri

Protocollo : il soggetto il soggetto si pone in piedi davanti alla linea di partenza ed esegue una corsa veloce fino al termine dei 10 metri. Con un cronometro viene misurato il tempo di percorrenza del tratto (136)

TEST DEI 20 METRI

Test venti metri

Protocollo : il soggetto il soggetto si pone in piedi davanti alla linea di partenza ed esegue una corsa veloce fino al termine dei 20 metri. Con un cronometro viene misurato il tempo di percorrenza del tratto. (137)

Protocollo

Le valutazioni sono state svolte in un arco temporale di 10 giorni e sono state realizzate secondo il seguente ordine:

Prima giornata: Single Hop test, Side hop test, Triple hop test

Seconda giornata: Cross over test, Test dei 5 metri, Test dei 10 metri, Test dei 20 metri

Terza giornata: Deep Squat test, Hurdle Step test

Quarta giornata: In-line Lunge test, Leg raise test

Prima di ogni seduta di valutazione ogni soggetto ha eseguito un condizionamento inziale della durata di circa 15 minuti, comprendente corsa lenta, stretching e preatletismi.

Analisi statistica

Per ogni test presentato è stata eseguita la statistica descrittiva (media±ds).

Per l'analisi delle correlazioni è stato eseguito il test di Pearson tramite software SPSS.12. Il livello di significatività è stato posto a p 0.05.

Risultati

Tutti i risultati sono stai sintetizzati nelle tabelle n. 1, 2 e 3.

Tabella risultati uno
Tabella risultati due
Tabella risultati tre

Tra le variabili (test motori e test funzionali) sono state riscontrate le seguenti correlazioni:

Test 5 metri con squat (r= -0,470, N=19, p 0,05), step hurdle sx (r= -0,490 N=19, p 0,05), step hurdle dx (r=-0,41 ; N=19 ; p 0,05), somma (r= -0,473, N=19, p 0,05)

correlazione uno
correlazione due
correlazione tre

Test 10 m con 20m (r= 0,766, N=19, p 0,01)

correlazione quattro

Test 20 m con Step Hurdle sx (r=0,54 ; N=19 ; p 0,01), Step Hurdle dx (r=0,53 ; N=19 ; p 0,01)

correlazione cinque
correlazione sei

Test squat con 10 m (r= -0,470, N=19, p 0,05, step hurdle sx (r= 0,690 N=19, p 0,01), step hurdle dx (r= 0,697 N=19, p 0,01), affondo sx (r= 0, 534, N=19, p 0,05), somma (r= 0, 0,796, N=19, p 0,01)

Test step hurdle sx con 5 metri (r= -0,490 N=19, p 0,05), squat (r= 0,690 N=19, p 0,01)step hurdle dx (r= 0,899, N=19, p 0,01), affondo sx (r= 0,554 N=19, p 0,05), affondo dx (r= 0,524N=19, p 0,05), somma (r= 0,634, N=19, p 0,01)

Test step hurdle dx con squat(r= 0,697 N=19, p 0,01), step hurdle sx (r= 0,899, N=19, p 0,01), affondo sx (r= 0, 616, N=19, p 0,01), affondo dx (r= 0,497, N=19, p 0,05), somma (r= 0, 667, N=19, p 0,01)>

Test affondo sx con 20 m (r= -0,544, N=19, p 0,05), squat (r= 0, 534, N=19, p 0,05), step hurdle sx (r= 0,554 N=19, p 0,05), step hurdle dx (r= -0,616, N=19, p 0,01), affondo dx (r= -0, 843, N=19, p 0,01), somma (r=0,777, N=19, p 0,01)

correlazione sette
correlazione otto

Test affondo dx con 20 m(r=-0,537, N=19, p 0,05), step hurdle sx (r= 0,554 N=19, p 0,05), step hurdle dx (r= 0,497, N=19, p 0,05), affondo sx (r= -0, 843, N=19, p 0,01), somma (r= 0,773, 843, N=19, p 0,01)

correlazione nove

Test leg raise sx con leg raise dx (r= 0,896, N=19, p 0,01) somma (r=0,510, N=19, p 0,05)

correlazione dieci

Somma con 5 metri (r= -0,473, N=19, p 0,05), squat (r= 0,796, N=19, p 0,01), step hurdle sx (r= 0,634, N=19, p 0,01), step hurdle dx (r= 0, 667, N=19, p 0,01), affondo sx (r=0,777, N=19, p 0,01), affondo dx (r= 0,773, 843, N=19, p 0,01), leg raise dx (r=0,510, N=19, p 0,05)

Test step hurdle e leg raise con arto sinistro (r=0.55, p 0.05) e step hurdle e leg raise con arto destro (r=0.49, p 0.05).

correlazione undici
correlazione dodici
  • 132Reid A., Birmingham T., Stratford P., Alcock G., Giffin R. Hop Testing Provides a Reliable and Valid Outcome Measure During Rehabilitation After Anterior Cruciate Ligament Reconstruction.
  • 133Reid A., Birmingham T., Stratford P., Alcock G., Giffin R. Hop Testing Provides a Reliable and Valid Outcome Measure During Rehabilitation After Anterior Cruciate Ligament Reconstruction.
  • 134Reid A., Birmingham T., Stratford P., Alcock G., Giffin R. Hop Testing Provides a Reliable and Valid Outcome Measure During Rehabilitation After Anterior Cruciate Ligament Reconstruction.
  • 135135Reid A., Birmingham T., Stratford P., Alcock G., Giffin R. Hop Testing Provides a Reliable and Valid Outcome Measure During Rehabilitation After Anterior Cruciate Ligament Reconstruction.
  • 136Cfr. I. Sannicandro (2004), Metodi della valutazione motoria ed attitudinale. Edizioni Pensa MultiMedia. Lecce (2004)
  • 137Cfr. I. Sannicandro (2004), Metodi della valutazione motoria ed attitudinale. Edizioni Pensa MultiMedia. Lecce (2004)