Sette movimenti del FMS
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Sette movimenti del FMS

Lo Squat dinamico è classificato un esercizio a catena cinetica chiusa. Un medico deve eseguire una valutazione approfondita della zona dolorosa.Test del Passo ad ostacolo, Squat profondo, In-line.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Sette movimenti del FMS

Come detto nel paragrafo precedente il metodo Cook-Burton prevede l'esecuzione di 7 test. Ogni test deve tener conto di determinati criteri, necessari per ottenere una valutazione alta. I punteggi si dividono in 4 categorie base (102) :

  • Punteggio 3 : all'individuo che riesce a fare il movimento senza nessuna compensazione secondo i criteri stabiliti;
  • Punteggio 2 : all'individuo che può fare movimenti, ma deve utilizzare semplici modelli meccanici o di compensazione per effettuare il movimento;
  • Punteggio 1 : per l'individuo che non riesce a fare i movimenti senza modelli di compensazione;
  • Punteggio 0 : per l'individuo che sente dolore durante qualsiasi movimento in esame (nel caso in cui il soggetto presenta dolori, la F.M.S. viene terminata e verrà valutato da un fisiatra).

Sul risultato di due votazioni, verrà considerato il volto più basso sul totale. Per quanto concerne i test che vengono eseguiti, solo 5 richiedono movimenti bilaterali ed allo scopo di analizzare l'asimmetria è necessario registrare i voto per entrambi i lati. L'affidabilità del sistema F.M.S. è stata confermata da un recente studio (Minick et al.,2009) (103), che ha dichiarato i valori di kappa che vanno da 0,80 a 1,00. (104)

Dopo aver definito i punteggi, passiamo all'analisi dei sette movimenti (105).

Test dello Squat Profondo (Deep Squat) :

Squat

"Lo Squat dinamico è classificato un esercizio a catena cinetica chiusa" (106) (Escamilla, 2000). da questa definizione possiamo ben capire la difficoltà dell'esercizio, perché viene definito ‘catena cinetica' che in fisica non è altro che ‘un sistema composto da segmenti rigidi uniti tramite giunzioni mobili definite snodi' o come un metro a stecche. Il nostro organismo è composto da tante catene cinetiche, i segmenti sono rappresentati dalle ossa mentre le articolazioni rappresentano i giunti. I muscoli sono il "motore" della catena cinetica. Proprio per questo motivo il corpo umano non può essere paragonato ad un sistema meccanico rigido, ma ad un sistema molto flessibile. Per quanto riguarda il concetto di catena cinetica "chiusa", possiamo affermare che deriva del fatto che 'estremità distale della catena motoria è fissa, cioè non libera di muoversi durante l'esecuzione del gesto. Lo Squat, inoltre, coinvolge più articolazioni, partendo dalle prossimali abbiamo il coinvolgimento della colonna vertebrale, le anche, le ginocchia, le caviglie e per finire le articolazioni del piede: intertarsali, tarsometatarsali e intermetatarsali, metatarso-falangee e per finire interfalangee. A livello muscolare vengono coinvolti i glutei a livello coxo-femorale, gli adduttori, il quadricipite, gli hamstring, i peronei ed il tricipite della sura. Lo squat profondo è un test che mette alla prova la biomeccanica dell'intero corpo. Esso è utilizzato per valutare la mobilità bilaterale, simmetrica e funzionale di anche, ginocchia e caviglie. Il bastone valuta la mobilità bilaterale e simmetrica delle spalle e della colonna vertebrale a livello toracico. La capacità di effettuare lo squat profondo richiede un adeguato ritmo pelvico, flessione delle ginocchia e delle anche, nonché flessione e abduzione delle spalle.

Questi sono i criteri di valutazione per il deep squat:

Punteggio 3 : parte superiore del tronco è parallela con la tibia o in direzione verticale / femore sotto la linea orizzontale / ginocchia allineate con le punte dei piedi / bastone allineato con i piedi;

Squat punteggio tre

Punteggio 2 : parte superiore del tronco è parallela con la tibia o in direzione verticale / femore è sotto la linea orizzontale / ginocchia allineate con le punte dei piedi / bastone allineato con i piedi / i talloni sono elevati;

Squat punteggio due

Punteggio 1 : tibia e parte superiore del tronco non sono parallele / il femore non è sotto la linea orizzontale / le ginocchia non sono allineate con i piedi / si nota una flessione lombare;

Squat punteggio uno

Punteggio 0 : L'atleta riceve un punteggio pari a zero se il dolore è associato a qualsiasi parte di questo test. Un medico deve eseguire una valutazione approfondita della zona dolorosa.

01) Test del Passo ad ostacolo (Hurdle Step):

Squat punteggio uno

Questo test è stato progettato per valutare la corretta meccanica della falcata. Il movimento richiede un'adeguata coordinazione e la stabilità tra le anche e il tronco durante il passaggio dell'ostacolo e stabilità nel momento in cui ci si trova su una sola gamba. Esso valuta la mobilità funzionale bilaterale e la stabilità di anche, ginocchia e caviglie. Inoltre, il soggetto deve mantenere anche un adeguato equilibrio perché il test impone una stabilità dinamica. L'elastico deve essere posizionato in corrispondenza della tuberosità della tibia.

Questi sono i criteri di valutazione per l'hurdle step:

Punteggio 3 : Fianchi, le ginocchia e le caviglie rimangono allineati sul piano sagittale / non si notano movimenti a livello della zona lombare del rachide / bastone e ostacolo rimangono paralleli;

Passo punteggio tre

Punteggio 2 : L'allineamento si perde tra fianchi, ginocchia e caviglie / si verificano movimenti a livello lombare / bastone e ostacolo non rimangono paralleli;

Passo punteggio due

Punteggio 1 : si verifica un contatto tra piede e ostacolo / si nota una perdita dell'equilibrio;

Passo punteggio uno

Punteggio 0 : L'atleta riceve un punteggio pari a zero se il dolore è associato a qualsiasi parte di questo test. Un medico deve eseguire una valutazione approfondita della zona dolorosa.

03) Test dell'affondo in linea (In-line lunge test) :

Test affondo

Questo test cerca di mettere il corpo in una posizione tale da evidenziare le tensioni simulate durante movimenti di rotazione, decelerazione e di tipo laterale. L'affondo in linea pone gli arti inferiori a forbice, sfidando il tronco e le estremità del corpo a mantenere l'allineamento, resistendo alla rotazione. Questo test valuta la mobilità e la stabilità di tronco, spalla, anca e caviglia, la flessibilità del quadricipite e la stabilità del ginocchio. Questo affondo richiede la stabilità di caviglie, ginocchia e anche. Il soggetto deve inoltre mostrare un'adeguata stabilità dovuta allo stress di rotazione imposto dall'esecuzione.

Questi sono i criteri di valutazione per l'In-line lunge test:

Punteggio 3 : Bastone mantenuto dal soggetto ed in posizione verticale / nessun movimento rilevato a livello del tronco / bastone e piedi rimangono sul piano sagittale / il ginocchio tocca la parte posteriore del tallone del piede anteriore;

Test affondo tre

Punteggio 2 : Bastone non mantiene il contatto e non rimane verticale / si osserva un movimento del tronco / basto e piedi non rimangono sul piano sagittale / ginocchio non tocca la parte il tallone del piede anteriore;

Test affondo due

Punteggio 1 : si nota una perdita dell'equilibrio;

Test affondo uno

Punteggio 0 : L'atleta riceve un punteggio pari a zero se il dolore è associato a qualsiasi parte di questo test. Un medico deve eseguire una valutazione approfondita della zona dolorosa.

04) Test della mobilità delle spalle (Shoulder mobility):

Mobilita spalle

Questo test valuta il ROM bilaterale della spalla, combinando una rotazione interna con l'adduzione e la rotazione esterna con l'abduzione. Richiede inoltre una normale mobilità scapolare e l'estensione del rachide a livello toracico.

Questi sono i criteri di valutazione per lo Shoulder mobility test:

Punteggio 3 : i pugni sono ad una mano di distanza;

Mobilita spalle tre

Punteggio 2 : i pugni si trovano ad una mano e mezza di distanza;

Mobilita spalle due

Punteggio 1 : i pugni sono ad una distanza maggiore di una mano e mezza;

Mobilita spalle uno

Punteggio 0 : L'atleta riceve un punteggio pari a zero se il dolore è associato a qualsiasi parte di questo test. Un medico deve eseguire una valutazione approfondita della zona dolorosa.

05) Test Alzata attiva della gamba tesa (Active straight-leg raise):

Alzata gamba

Questo test valuta l'abilità di dissociare gli arti inferiori mantenendo la stabilità del tronco; inoltre valuta la flessibilità dei flessori e del tricipite della sura pur mantenendo il bacino stabile e l'estensione attiva dell'arto contro laterale. L'abilità di eseguire questo test prevede una flessibilità funzionale degli hamstring, ovvero quella flessibilità che è disponibile durante l'allenamento e la competizione. Il soggetto è anche tenuto a dimostrare un'adeguata mobilità dell'anca della gamba opposta.

Questi sono i criteri di valutazione per l'active straight-leg raise:

Punteggio 3 : la linea verticale del malleolo risiede tra la metà della coscia e la spina iliaca antero-superiore / l'arto contro-laterale rimane in posizione neutra;

Alzata gamba tre

Punteggio 2 : la linea verticale del malleolo risiede tra la metà della coscia e la rima articolare / l'arto contro-laterale rimane in posizione neutra;

Alzata gamba due

Punteggio 1 : la linea verticale del malleolo risiede sotto la linea dell'articolazione / l'arto contro-laterale rimane in posizione neutra;

Alzata gamba uno

Punteggio 0 : L'atleta riceve un punteggio pari a zero se il dolore è associato a qualsiasi parte di questo test. Un medico deve eseguire una valutazione approfondita della zona dolorosa.

6) Test della Stabilità del tronco (Trunk stability push-up):

Stabilita tronco

Questo test valuta la capacità di stabilizzare la colonna vertebrale in un piano anteriore e posteriore durante un movimento della parte superiore del corpo a catena cinetica chiusa. Si valuta la stabilità del tronco sul piano sagittale mentre viene eseguito un movimento simmetrico degli arti superiori. L'abilità di eseguire il test richiede una simmetrica stabilità del tronco sul piano sagittale durante un movimento simmetrico delle estremità superiori. Molte attività funzionali richiedono la stabilità del tronco per trasferire la forza simmetricamente dalle estremità superiori delle estremità inferiori e viceversa. Questo avviene per esempio nel basket nel salto per il rimbalzo dove si verifica questo tipo di trasferimento di energia. Se il tronco non ha sufficiente stabilità durante queste attività, l'energia cinetica viene dispersa, causando uno scarso rendimento funzionale e un potenziale aumento di microlesioni traumatiche.

Questi sono i criteri di valutazione per il trunk stability push-up:

Punteggio 3 : Il corpo si solleva come un'unità senza ritardo della spina dorsale; gli uomini eseguire una ripetizione con i pollici allineati con la parte superiore della testa, le donne svolgono una ripetizione con i pollici in linea con il mento;

Stabilita tronco tre

Punteggio 2 : Il corpo si solleva come un'unità senza ritardo della spina dorsale; Gli uomini eseguono una ripetizione con i pollici in linea con il mento, le donne con i pollici in linea con la clavicola;

Stabilita tronco due

Punteggio 1 : gli uomini non sono in grado di eseguire una ripetizione con le mani allineate con il mento; le donne non sono in grado di eseguire una ripetizione con i pollici allineati con la clavicola;

Stabilita tronco uno

Punteggio 0 : L'atleta riceve un punteggio pari a zero se il dolore è associato a qualsiasi parte di questo test. Un medico deve eseguire una valutazione approfondita della zona dolorosa.

7) Test della Stabilità rotatoria (Rotary stability):

Rotazione

Questo test riguarda un movimento complesso che richiede un adeguato coordinazione neuromuscolare e il trasferimento di energia da un segmento del corpo ad un altro attraverso il tronco. Esso valuta la stabilità multi-planare del tronco durante un'azione combinata tra arti superiori ed arti inferiori. L'abilità di eseguire questo test richiede una stabilità asimmetrica del tronco sul piano sagittale e trasversale durante un movimento asimmetrico tra gli arti superiori ed inferiori. Molte attività funzionali richiedono la stabilizzazione del tronco per trasferire la forza asimmetricamente dalle estremità inferiori alle estremità superiori e viceversa. Se il tronco non è sufficientemente stabile durante queste attività, l'energia cinetica viene dispersa, con conseguenti scarse prestazioni e maggiori possibilità di lesioni.

Questi sono i criteri di valutazione per il Rotary stability:

Punteggio 3 : Esegue una corretta ripetizione unilaterale;

Rotazione tre

Punteggio 2 : Esegue una corretta ripetizione diagonale;

Rotazione due

Punteggio 1 : Incapacità di eseguire una ripetizione diagonale;

Rotazione uno

Punteggio 0 : L'atleta riceve un punteggio pari a zero se il dolore è associato a qualsiasi parte di questo test. Un medico deve eseguire una valutazione approfondita della zona dolorosa.

Grazie a questo programma di valutazione ideato da G. Cook e L. Burton è possibile individuare i movimenti carenti e le disfunzioni motorie. "L'origine di un movimento carente o di una disfunzione di rado è un evento singolare o ha una singola causa in ogni persona. Per comprendere i fattori ed i fondamenti di una unità carente o della disfunzione in un soggetto è meglio indicare categorie generali. Le categorie stabiliscono una piattaforma per comprendere come evitare un infortunio alla matrice del movimento per tutta la durata della vita." (107) Le categorie di movimenti disfunzionali sono:

Sviluppo: da non confondere con i problemi evolutivi, che si originano quando le possibilità motorie vengono negate o nel caso in cui attività inappropriate vengono introdotte in un sistema normale. Alla nascita il sistema richiede una sequenza di opportunità di movimento per lo sviluppo e la funzione. Questi stadi di avanzamento del movimento risultano fondamentali per un corretto sviluppo. Il bambino prima di passare al rotolamento, dovrà sviluppare il controllo del capo e solo alla fine di questo processo raggiungerà la postura eretta attraverso determinate strategie, ognuna delle quali avrà una propria fase sensibile e nel caso non si dovessero rispettare questi tempi, ci saranno dei ritardi motori.

Traumantiche : il trauma molto spesso può causare alterazioni del movimento. I segni di flogosi, versamenti ed altri fattori possono compromettere il controllo motorio e la coordinazione neuromuscolare.

Acquisite :

  • Da attività innaturale ripetuta su una base di movimento naturale: gli stili di vita sempre più sedentari portano ad intraprende determinate posture che portano a squilibri e disfunzioni. Un esempio tipico è la predominanza inflessione del rachide rispetto ad atteggiamenti in estensione;
  • Da attività naturale ripetuto su una base di movimento innaturale: riguardano disfunzioni che derivano da attività che sembrano essere naturali e nei limiti funzionali. I problemi sorgono quando limitazioni nei movimenti fondamentali ed asimmetrie preesistono e causano compensazioni quando viene eseguito un compito di base. Queste carenze vengono causate dalla carenza di mobilità e stabilità e non derivanti dall'attività. Ripetute attività funzionali su un movimento di base errato può portare a cambiamenti posturali, squilibri muscolo-scheletrici ed a overuse.

Infine, aggiungiamo che, 5 delle 7 prove che compongono l'FMS (passo ad ostacolo, affondo in linea, mobilità della spalla, alzata attiva gamba tesa e stabilità rotatoria) sono eseguite e valutate separatamente per i lati destro e sinistro del corpo. A causa della relazione tra l'asimmetria neuromuscolare (differenze fra destra e sinistra) e il rischio di infortunio, è pratica comune il monitoraggio delle differenze fra i lati destro e sinistro nell'FMS. (108)

  • 102Cfr. A. McDougall & Tommaso Santucci (Gennaio 2012), "FMS – Functional Movement Screen", in KETTLEBELL MAG
  • 103Minick K, Burton L, Butler R, Kiesel K. A reliability study of the functional movement screen. Natl J Strength Cond Res 2009
  • 104Kiesel K, Plisky P, Butler R. Functional movement test scores improve following a standardizedoff-season intervention program in professional football players. Scand J Med Sci Sports 2011
  • 105Cfr. G.Cook (2010), Movement: Functional Movement Systems—Screening, Assessment, Corrective Strategies.
  • 106Escamilla R.F.; Knee biomechanics of the dynamic Squat exercise. Medicine & Science in Sports & Exercise
  • 107fr. Clark A.M., Lucett S.C., Sports performance training, Lippincott W.& W., Baltimore. 2010
  • 108K. Kiesel, P. Plisky, R. Butler. Functional movement test scores improve following a standardized off-season intervention program in professional football players. Scand J Med Sci Sports 2011