Valutazione attraverso FMS
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Valutazione attraverso FMS

A seguito di un esame del movimento, un individuo sarà posto in uno dei tre gruppi. Rischio accettabile, Esame inaccettabile, Dolore con screening.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Valutazione attraverso FMS

La FMS è una tecnica di valutazione che mira ad identificare nella mobilità e stabilità durante prove fondamentali di movimento. Questo strumento di valutazione è stato studiato per individuare i movimenti disfunzionali, ossia individuare facilmente quei movimenti che possono condurre all'insuccesso nel sistema di catene cinetiche e potrebbero così causare inefficienza e quindi micro traumi durante l'attività (McDougall et al., 2012). (94)

Questo sistema risulta ideale come test d'ingresso per determinare la presenza di deficit che potrebbero essere sfuggiti in sede di visita medica. Molto spesso la flessibilità dei muscoli e gli squilibri di forza, insieme a precedenti infortuni, possono non essere stati identificati, specialmente quando il dolore è scomparso. Questi diventano fattori di rischio, che però possono essere valutati e scoperti attraverso l'FMS. Attraverso questo sistema di valutazione, quindi, vengono individuati con precisione quelli che possono essere deficit funzionali relativi a parametri come la stabilità e la mobilità. Individuando questi deficit attraverso l'FMS porterebbe ad una diminuzione di infortuni, oltre che ad un miglioramento della prestazione. L'F.M.S., inoltre, è già stato reputato in grado di prevedere lesioni in giocatori di football professionisti. Precedenti ricerche hanno dimostrato che i giocatori che ottenevano punteggi dell'FMS inferiori a 14 avevano più probabilità di infortunarsi rispetto a quelli con punteggi superiori a 14 (95) (Kiesel et al., 2007).

Uno studio di approfondimento, svolto in seguito a questa prima indagine, ha convalidato la constatazione precedente e ha inoltre osservato che i giocatori con una qualsiasi asimmetria nell'FMS, a prescindere dal punteggio totale, presentavano un rischio di 2,3 volte maggiore di predisposizione agli infortuni (96) (Kiesel et al., 2008). "Gli squilibri e le limitazioni all'interno di schemi del movimento sono marcatori che noi valutiamo per identificare il rischio di infortunio, che è maggiore coinvolti nell'attività fisica. Si tratta, inoltre, di identificare potenziali rischi ai soggetti valutati, anche se non riportano più sintomi. A seguito di un esame del movimento, un individuo sarà posto in uno dei tre gruppi (Clark et al., 2010):
  • Rischio accettabile : abilitato per essere attivo, senza aumento del rischio;
  • Esame inaccettabile : a rischio lesioni a meno che non siano migliorati gli schemi di movimento;
  • Dolore con screening : attualmente infortunato, richiede movimenti più specifici ed una valutazione fisiatrica-fisioterapica. (97)

Il F.M.S. è un sistema di valutazione standardizzato con regole ben definite che permette di analizzare la qualità del movimento e di identificare lo schema di movimento disfunzionale primario che metterebbe a rischio di infortunio il soggetto. "La limitazione ad una serie di movimenti di base e l'asimmetria sono considerati elementi di ridurre gli effetti ed i benefici dell'allenamento funzionale e del condizionamento fisico. Dati recenti suggeriscono che questi fattori possono essere correlati a lesioni nello sport." (98) È proprio questo uno degli obiettivi del metodo di valutazione F.M.S. ideato da Gray Cook e Lee Burton, in altre parole individuare le limitazioni dei pattern di movimento per programmare in modo strettamente individualizzato esercizi "compensativi" per normalizzare il movimento prima di incrementare le richieste condizionali dell'allenamento. L'esame F.M.S. è un sistema innovativo strutturato per valutare selezionati pattern di movimento per chiunque non sia affetto da sindrome dolorosa per atleti e non. Questo sistema di valutazione fornisce una lingua comune che permette di oltrepassare gli ostacoli che soventemente impediscono una corretta ed efficace comunicazione tra i professionisti del movimento. Questo metodo di valutazione scopre il "movimento disfunzionale"; l'F.M.S., difatti, non mira a diagnosticare problemi di natura ortopedica, ma dimostra limitazioni o simmetrie di mobilità e stabilità in soggetti sani. Esso analizza il pattern o modello di movimento, ovvero un insieme di singoli movimenti utilizzati per una specifica funzione. I modelli, difatti, sono gruppi di movimenti singoli collegati nel cervello come unico segmento di informazioni.

"La memorizzazione di un pattern motorio determina l'efficienza del sistema e riduce il tempo di elaborazione nel cervello, così come un computer archivia più documenti che presentano contenuti correlati tra loro in un unico file per organizzare e gestire meglio le informazioni." (99) I movimenti fondamentali sono memorizzati nei pattern di base, il cervello poi riconosce le sequenze e le utilizza per generare movimenti per una vera funzione. "L'esame F.M.S. consiste nell'esecuzione di sette diversi movimenti, ad ognuno dei quali è attribuito un punteggio che va da zero a tre." (100) Questi sette movimenti richiedono sia stabilità che mobilità e sono stati ideati per dimostrare il comportamento motorio di base. Questo esame pone il soggetto in posizioni estreme per evidenziare debolezze e mancanza di equilibrio. Molti atleti di elitè sono spesso incapaci di eseguire questi semplici movimenti.

Bisogna considerare che questi soggetti, utilizzando movimenti compensatori nelle loro attività, sacrificano gesti efficienti per quelli inefficienti, con lo scopo di svolgere attività ad alti livelli. Se queste scompensazioni perdurassero, i movimenti errati saranno rinforzati e causeranno movimenti biomeccanicamente scadenti. "In quest'analisi dobbiamo considerare che il singolo movimento può determinare la funzione, come la funzione può determinare e modificare il movimento." (101)

  • 94Cfr. A. McDougall & Tommaso Santucci (Gennaio 2012), "FMS – Functional Movement Screen"
  • 9595Kiesel K, Plisky P, Voight M. Can serious injury in professional football be predicted by a preseason functional movement screen? North Am J Sports Phys Ther 2007
  • 96Kiesel K, Plisky P, Kersey P. Functional movement test score as a predictor of time-loss during a professional football team's pre-season American college of sports medicine annual conference. Indianapolis, IN, 2008.
  • 97Cfr. Clark A.M., Lucett S.C., Sports performance training, Lippincott W.& W., Baltimore. 2010
  • 98Cfr. Clark A.M., Lucett S.C., Sports performance training, Lippincott W.& W., Baltimore. 2010.
  • 99Cfr. Clark A.M., Lucett S.C., Sports performance training, Lippincott W.& W., Baltimore. 2010.
  • 100http://www.functionalmovement.com
  • 101Cfr. A. McDougall & Tommaso Santucci (Gennaio 2012), "FMS – Functional Movement Screen"