Anatomia I - Strutture ossee e articolazioni
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Anatomia I - Strutture ossee e articolazioni

Gli aspetti scientifici connessi col fitness e la pratica sportiva. Dall'anatomia umana alla fisiologia applicata all'allenamento. Un'area di elevato interesse ed approfondimento per professionisti e appassionati di alto livello.

Cerca tra i nostri articoli

Introduzione all'anatomia

La cellula è la più piccola unità vivente di ciascun organismo, specializzata nel compiere una o poche funzioni (differenziamento cellulare), capace di rigenerare le sue strutture (biogenesi) e, nella maggior parte dei casi, capace di produrre anche nuova vita, ovvero di riprodursi . Negli organismi pluricellulari si aggrega con altre cellule contigue, per mezzo di strutture

I piani anatomici di riferimento ed altra terminologia

Nella descrizione delle varie parti del corpo diviene indispensabile avvalersi di una precisa terminologia. Con riferimento alla posizione e al movimento dei segmenti corporei ci si avvale di tre piani di riferimento, fra loro perpendicolari: il piano sagittale, il piano frontale, il piano trasverso. Il piano sagittale , sfruttando la bilateralità del corpo

Le ossa: caratteristiche e classificazione

Le ossa hanno varia forma e volume, e sono tutte dotate di solida resistenza meccanica. Ciascun essere umano ne possiede oltre duecento e, mediante tali strutture, gli è consentito il movimento. La loro struttura è atta ad ospitare le inserzioni muscolari deputate alla trasmissione del movimento pertanto, ciascun osso, è modellato in funzione delle necessità meccaniche che dovrà as

Le articolazioni

Tutte le ossa sono fra loro unite dalle articolazioni. Individuiamo due macro categorie di articolazioni: le sinartrosi e le diartrosi . Le sinartrosi sono articolazioni immobili o semimobili, con scarso o nullo spazio fra le ossa contigue, che si continuano le une nelle altre per mezzo di tessuto cartilagineo o fibroso. Le diartrosi sono adeguatamente mobili, prevedono il con

Menischi e capsula articolare

I menischi Anche se, tendenzialmente, le superfici articolari concordano armonicamente per tutta la loro estensione, in alcuni casi si nota una grande sproporzione nell'ampiezza delle superfici. In tali situazioni, la superficie articolare meno estesa, è completata da dispositivi fibrocartilaginei che ne aumentano virtualmente la concavità. Le formazioni fibrocartilaginee c

La testa

Il cranio , nel suo insieme, rappresenta la struttura ossea della testa. È costituito da due subunità fra loro unite: la scatola cranica (o neurocranio) e il massiccio frontale (o splancnocranio). Nella cavità offerta dalla scatola cranica è accolto l'encefalo. Le ossa che la costituiscono sono in massima parte ossa piatte. Quasi tutte le articolazioni del cranio so

Osso sfenoide, osso etmoide

È un osso impari e mediano. La sua conformazione lo rende parte costituente del pavimento della cavità cranica (cui partecipa il corpo dello sfenoide), delle cavità nasali ed orbitarie. All'esame visivo è possibile individuare un corpo centrale, dal quale si dipartono lateralmente due coppie di lamine ossee, denominate piccole e grandi ali dello sfenoide. Sul lato frontale s

Osso frontale, osso temporale, osso parietale

Osso frontale Rappresenta la parte anteriore della cavità cranica. È localizzabile con l'area della front,e ed è fra le ossa che costituiscono la volta e la base cranica, oltre a determinare la struttura dell'arcata superiore delle cavità orbitarie, completate nella porzione inferiore dall'osso zigomatico e, medialmente, dall'osso mascellare. La squama del frontale, pre

Osso nasale, lacrimale, palatino, cornetto inferiore, vomere, osso zigomatico

Osso nasale È un osso pari formato dall'unione delle due ossa nasali, medialmente articolate. È possibile individuare due facce (anteriore e posteriore) e quattro margini. La faccia anteriore presenta nel mezzo il foro nasale con significato vascolare. La faccia posteriore concorre col margine anteriore a costituire la cavità nasale. Il margine superore contrae ra

Mandibola, osso ioide

La mandibola È un osso impari, simmetricamente posto in posizione mediana ad accogliere i denti dell'arcata dentale inferiore. È rappresentato da un corpo a forma di lettera "U" e da due rami che si prolungano dalle estremità posteriori del corpo dirigendosi verso l'alto, a contrarre rapporto articolare con l'osso temporale. Il corpo è il frutto della fusione

Il cranio: ruolo funzionale e articolazioni

Il cranio assolve alla principale (e vitale) funzione di contenere e proteggere l'encefalo ed altri apparati di senso: visivo, olfattivo e acustico ecc. Al contempo rappresenta la struttura di supporto per l'apparato respiratorio e masticatorio. Nel corso del processo evolutivo, il cranio ha subìto notevoli trasformazioni anche in funzione del suo rapporto con gli organi che

Scapola e clavicola

L'arto superiore consta di 4 segmenti, procedendo dalla regione di ancoraggio dell'arto con il tronco (cingolo superiore), sino a raggiungere l'estremità distale dell'arto, possiamo individuare: la spalla , il braccio , l' avambraccio , e la mano . È un'area di estrema importanza funzionale, non a caso riccamente innervata e vascolarizzata. Ossa della spalla La struttur

Articolazione sternoclavicolare, articolazione acromioclavicolare

Con riferimento alle strutture ossee proprie della spalla, ossia scapola e clavicola, individuiamo due articolazioni principali: la sternoclavicolare e la acromioclavicolare . Naturalmente, tra ossa della spalla e ossa del braccio si realizza una ulteriore articolazione, l'articolazione scapolomerale . Tale articolazione sarà trattata a seguire, affrontando le ossa del braccio.

Deltoide, sovraspinato, infraspinato, piccolo rotondo, grande rotondo, sottoscapolare

I muscoli della spalla sono rappresentati da: deltoide, sovraspinato, infraspinato, piccolo rotondo, grande rotondo, sottoscapolare. Il deltoide Il deltoide fa parte dei muscoli che hanno origine dalla cintura toracica e prendono inserzione sull'omero. Assieme al sovraspinato consente l'abduzione del braccio. Il deltoide ricopre la parte laterale della spalla, ha forma di delta c

Omero

Appartiene alla categoria delle ossa lunghe ed è il segmento osseo più voluminoso fra quelli dell'arto superiore, ha un corpo (diafisi) vagamente cilindrico e due estremità (epifisi) che si articolano prossimalmente con la superficie glenoidea della scapola, originando l'articolazione scapolomerale, e distalmente con ulna e radio, nell'articolazione del gomito. Sul corpo dell'omer

Articolazione scapolomerale

È una articolazione appartenente alla categoria delle enartrosi, costituita dal rapporto della superficie articolare della testa dell'omero e la fossa glenoidea della scapola. Fa parte delle articolazioni della spalla. La testa dell'omero, come accennato, è rappresentata da una struttura ossea di forma tendenzialmente sferica, rivestita di cartilagine ialina, con dimensioni

Bicipite brachiale, coracobrachiale, brachiale, tricipite

Nell'esaminare la muscolatura del braccio distinguiamo 2 gruppi di muscoli. I muscoli della regione anteriore, ossia i flessori del gomito (bicipite brachiale, coracobrachiale e brachiale) e i muscoli della regione posteriore, ossia gli estensori del gomito (tricipite brachiale). Bicipite brachiale Il bicipite brachiale fa parte dei muscoli anteriori del braccio assieme al brachi

Ossa dell' avambraccio: radio, ulna

Il radio Assieme all'ulna costituisce la struttura ossea dell' avambraccio , è posto lateralmente rispetto all'ulna e, come l'omero, con il quale si articola prossimalmente, appartiene al gruppo delle ossa lunghe. Distalmente si articola con le ossa del carpo. Con l'ulna contrae rapporto sia medialmente che distalmente. Individuiamo un corpo di forma triangolare prismatica,

Articolazione del gomito, radioulnare, interfalangee

Articolazione del gomito Nel concreto è una compessa articolazione, costituita da 3 differenti giunzioni: l' articolazione omeroulnare ; l' articolazione omeroradiale ; l' articolazione radioulnare prossimale , contenute e stabilizzate dalla medesima capsula articolare. Le superfici articolari del gomito sono localizzabile a livello dell'estremità distale dell'omero e di quella p

Ossa della mano

Il carpo È un complesso osseo costituito da due fila di ossa brevi, ciascuna delle quali rappresentata da 4 ossa, per un totale di 8 ossa carpali che costituiscono la struttura ossea del segmento distale della mano. Nell'insieme ha aspetto quadrangolare, si articola prossimalmente con le ossa dell'avambraccio, distalmente con le ossa metacarpali. Procedendo dall

Ossa del tronco: la colonna vertebrale

Il tronco è costituito da diverse porzioni, individualmente esaminabili in rapporto alle loro caratteristiche. A sorreggere ed unire il tutto abbiamo una formazione osteoartromuscolare, presente in posizione ventrale e composta principalmente dalla colonna vertebrale e da tutti i sui annessi muscolo-nervosi. Stiamo parlando del rachide. Le parti di tronco esaminabili sono: il coll

Ossa del tronco: vertebre cervicali e toraciche, atlante, epistrofeo

Le vertebre cervicali Le vertebre cervicali hanno caratteristiche comuni per le quali è possibile distinguerle dalle altre vertebre. Ulteriormente la 1° (atlante), la 2° (epistrofeo) e la 7° (prominente), sono facilmente distinguibili dalle restanti vertebre cervicali e quindi individualmente riconoscibili. Le vertebre cervicali tendono ad aumentare gradualmente di vo

Vertebre lombari, l' osso sacro, il coccige

Le vertebre lombari Le principali caratteristiche di queste vertebre sono date dal notevole volume del corpo e dalla caratteristica forma del processo spinoso. Il corpo ha il diametro trasverso che prevale su quello anteroposteriore; i peduncoli sono voluminosi con incisure inferiori più accentuate di quelle superiori; i processi articolari sono verticali e, le faccette articola

Ossa del torace torace: le coste, lo sterno

Il torace è posto fra collo e addome, formato da un complesso osteoartromuscolare, rappresenta una gabbia protettiva per numerosi organi, la gabbia toracica. È aperta superiormente ed inferiormente ed è composta da un'impalcatura scheletrica sulla quale trovano insersione numerosi muscoli e da una formazione articolare. Lo scheletro della gabbia toracica è dorsalmente format

Articolazioni del torace

Possono essere divise in due gruppi principali, quelle anteriori, tra le parti dello sterno, tra le cartilagini costali e lo sterno e tra le diverse cartilagini costali; e quelle posteriori, delle articolazioni costovertebrali. Articolazioni costovertebrali Le articolazioni costovertebrali sfruttano due punti, uno fra la testa della costa e i corpi delle vertebre, l'altro fra il

Ossa dell' arto inferiore: le ossa dell' anca

È strutturalmente simile a quella dell'arto superiore, essendo costituito da un'anca, da una coscia, dalla gamba e dal piede. L'anca rappresenta il dispositivo di attacco dell'arto al tronco. Lo scheletro dell'arto inferiore è dato dalla cintura pelvica e dalla parte libera dell'arto. La cintura pelvica è a sua volta formata dalle due ossa dell'anca, fra loro articolate, nel

Femore e rotula

Il femore È un osso lungo che forma lo scheletro della coscia, e si pone obliquamente nella stazione eretta, atteggiamento più pronunciato nella femmina per le maggiori dimensioni del bacino. Nel femore distinguiamo un corpo e due estremità. Il corpo non è esattamente rettilineo ma presenta una concavità posteriore. È prismatico e ci si possono dunque consid

Tibia e perone (fibula)

La tibia È un osso lungo e voluminoso, posto nella parte anteromediale della gamba. Non è rettilinea e presenta delle concavità che le conferiscono una forma simile ad una S. Presenta inoltre una torsione intorno al proprio asse. Ha un corpo e due estremità. Il corpo è prismatico triangolare, offre pertanto a considerare tre facce e tre margini. La faccia mediale, in rapp

Ossa del piede

Il tarso È un complesso osseo organizzato in due file: prossimale e distale. Le ossa che lo compongono rientrano tutte fra le ossa brevi, e sono: L'astragalo È un osso cuboide interposto fra le ossa della gamba, il calcagno e lo scafoide. Si distinguono un corpo, una testa ed un collo e sei facce. La faccia superiore è interamente occupata da una troclea, la faccia

Articolazioni dell' arto inferiore

Le articolazioni dell'arto inferiore comprendono quelle della cintura pelvica e quelle della parte libera. Articolazione sacroiliaca Le superfici articolari che la determinano sono le faccette articolari dell'osso dell'anca e del sacro. Queste faccette non sono piane ma presentano una doppia curvatura che limita le possibilità di reciproco scorrimento fra le ossa. I mezzi d'unio

Articolazione del ginocchio, articolazione tibiofibulare

L' articolazione del ginocchio è assai complessa, sia sotto il profilo della classificazione che dal punto di vista funzionale. Le superfici articolari del ginocchio, infatti, lascerebbero supporre un'ampia escursione di movimento, al contrario questo si scontra con i limiti posti dall'apparato legamentoso che li riduce alla sola flessoestensione. A livello del ginocchio si veri

Articolazione tibiotarsica

È un'articolazione a troclea fra tibia, fibula e astragalo. Tibia e fibula formano un incastro che, per la sua peculiarità, è definito mortaio tibiofibulare. È composto, posteriormente, dalla faccia inferiore della tibia, lateralmente dalle superfici mediali dei malleoli fibulare e tibiale. Per quel che riguarda il tarso, la superficie articolare è resa disponibile

Le ossa

Le ossa sono i punti di inserzione muscolare, e costituiscono l'impalcatura corporea. Nell'uomo adulto si contano circa 208 ossa fra loro unite dalle articolazioni. Ossa e muscoli costituiscono l'apparato locomotore. Le ossa, oltre a costituire la parte passiva dell'apparato locomotore svolgono funzioni di sostegno e protezione per gli organi vitali, costituendo anche una riserva

La struttura anatomica del perineo

Per perineo s'intende il complesso delle parti molli che chiudono l'apertura inferiore del bacino, formando una specie di diaframma, il quale è attraversato dalla parte terminale del tubo digerente all'indietro, dalle vie urogenitali innanzi. Molti autori adoperano la denominazione di perineo anogenitale , per mezzo d'una linea che unisce le due tuberosità ischiatiche (muscolo

Il disco intervertebrale

I dischi intervertebrali si interpongono anteriormente tra due vertebre sovrapposte, sono di spessore proporzionalmente diverso a seconda del segmento di appartenenza: 3 mm circa nel tratto cervicale 5 mm circa nel tratto dorsale 9 mm circa nel tratto lombare I dischi sono formazioni fibro-cartilaginee dall'aspetto anulare perifericamente (anulus

Articolazione del ginocchio

Il ginocchio è l'articolazione intermedia dell'arto inferiore. È un'articolazione molto complessa, costituita due sistemi articolari: l'articolazione femoro-tibiale e l'articolazione femoro-rotulea (vedi anche De Pascalis Articolazione del ginocchio, articolazione tibiofibulare ). Questa complessità deriva dalla necessità di consentire ampia motilità tra femore e ti

Rachide: anatomia e biomeccanica

La colonna vertebrale è un vero e proprio pilastro centrale del nostro tronco ed è in grado di conciliare due parametri meccanici in netta contrapposizione tra loro: la rigidità e l'elasticità. Il rachide infatti è in grado di sostenere il cingolo scapolare e gli arti ma allo stesso tempo è abbastanza mobile da permettere un gran numero di movimenti. Oltre alla funzione di

Legamento crociato anteriore

I legamenti hanno un ruolo fondamentale nel funzionamento del sistema articolare. Macroscopicamente i legamenti sono organizzati in codoni o fasci di fibre con diametro, orientamento spaziale ed inserzione ossea diversi gli uni dagli altri. Microscopicamente i legamenti sono costituiti da cellule (fibroblasti, fibrociti), fibre collagene ed elastiche, GAG, enzimi, glicopreine

Anatomia e fisiologia articolare del piede

Il piede è costituito da 26 ossa, 7 tarsali, 5 metatarsali e 14 falangee. Per struttura e funzione, è utile dividere il piede in "avampiede" costituito dai metatarsi e dalle falangi, in "mesopiede" formato da 5 ossa tarsali: Cuboide Scafoide (o navicolare) Cuneiforme laterale Medio Mediale e infine in "retropiede" rappresentato da