Ontogenesi
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Ontogenesi

Il processo di formazione ed accrescimento embrionale. La legge dell'ontogenesi e lo sviluppo dell'embrione.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Nel punto di giunzione fra endoderma e membrana esocelomica, il mesoderma extraembrionale si accresce comprimendo il sacco vitellino sino a che la membrana esocelomica viene staccata, si raggrinzisce e scompare all'interno del mesoderma.

Il mesoderma, in tale momento, si lamina creando delle cavità che si uniscono tra di loro creando un'unica grande cavità. Il foglietto più esterno di questa cavità, denominato parietale, si assembla al citotrofoblasto, si crea un altro annesso embrionale (il corion) che andrà a costituire, assieme alla mucosa uterina, la placenta.

Il foglietto viscerale più interno si lega all'endoderma modificando il sacco vitellino primario che, a questo punto, diverrà di tipo secondario, con 2 pareti e con la capacità di generare parte dei vasi sanguigni dell'embrione.
Il corion consentirà gli scambi di ossigeno tra embrione e madre. Nella porzione di magma non delaminato si crea il peduncolo d'attacco che diverrà in seguito il cordone ombelicale.

L'allantoide costituisce una evaginazione del sacco vitellino che cresce e si lega al peduncolo d'attacco. Su tutta la superficie del corion si creano una serie di sporgenze definite villi d'attacco. Intanto la blastocisti, accresciutasi, tende ad uscire dalla mucosa uterina occupando il lume dell'utero. Il corion inizia a perdere i villi in una delle sue due porzioni che verrà definita "liscia", nell'altra estremità invece, i villi si ramificano ancora di più originando la porzione "frondosa".
Il germe, espanso solo in superficie e formato da ectoderma e endoderma, si evolve, origina una sporgenza nella zona anteriore denominata tubercolo precordale, e si forma un solco per effetto dello scivolamento di alcune cellule dell'ectoderma che scivolano sotto le altre moltiplicandosi sino a creare un terzo strato: il terzo foglietto embrionale o mesoderma dal quale si svilupperanno i tessuti connettivi e muscolari.
Il mesoderma si sviluppa prevalentemente lungo i lati, originando le ali mesodermiche che si accrescono sino a saldarsi col mesoderma extraembrionale. Infine si uniscono tra di loro davanti alla placca precordale e, dal punto di unione, prenderà vita l'area cardiogenica sede di sviluppo del cuore.
La zona centrale delle ali mesodermiche tenderà ad ispessirsi originando la corda dorsale destinata a divenire la colonna vertebrale del feto.
L'ammios continua ad espandersi velocemente giungendo a "risucchiare" parte del sacco vitellino secondario. Questa porzione costituirà l'intestino medio (canale alimentare).
Quando l'embrione è ancora laminare il canale alimentare è composto da tre parti: cefalica, media e claucale. Area cefalica e claucale prima della nascita sono chiuse. Con l'inizio del ripiegamento dell'embrione l'area cardiaca inizierà a migrare in zona ventrale.
L'abbozzo del sistema nervoso centrale nasce dal tubo neurale e, alla sua evoluzione, seguirà la formazione dell'encefalo e del midollo spinale. Il tubo neurale origina dall'ectoderma.
Durante lo sviluppo embrionale (ontogenesi) ogni embrione ripercorre per sommi capi l'evoluzione della specie (filogenesi).