Pancreas
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Pancreas

La struttura, il funzionamento e la produzione ormonale da parte del Pancreas. La produzione ed il significato funzionale dell'insulina.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Il pancreas è suddivisibile in tre macroporzioni: testa, corpo e coda. Ha dimensioni prossime ai 15 cm in lunghezza ed un peso di 70-80 grammi.
È riccamente vascolarizzato dalle arterie pancreatico-duodenali, dalle arterie pancreatiche inferiori, da un ramo dell'arteria splenica, e dalla vena porta.
I tessuti pancreatici sono differenziati e possono svolgere azione endocrina ed esocrina.
Da un punto di vista esocrino secerne e libera nell'intestino i succhi pancreatici con funzione digestiva.
Da un punto di vista endocrino secerne, nell'area delle isole di Langherans (disperse in tutto il parenchima), insulina e glucagone.

L'insulina è uno degli ormoni deputati a regolare la concentrazione di zuccheri nel sangue. Non a caso la sua secrezione è influenzata proprio da tali livelli ematici. Il suo ruolo nell'organismo è dunque quello di agevolare l'immagazzinamento delle scorte energetiche. Un rilascio abbassa la quota di glucosio circolante e contrasta la liberazione di acidi grassi e aminoacidi ramificati.

Una grande produzione di insulina provoca ipoglicemia, con gravi alterazioni del sistema nervoso. Per contro una sua mancata secrezione, o una resistenza all'insulina, provano la comparsa del diabete. Che sarà rispettivamente definito diabete insulino dipendente o diabete insulino indipendente (più comune).
Sul muscolo, l'insulina, ha un effetto anabolico duplice. Sia come stimolazione del metabolismo proteico sia come effetto anticatabolico.

Il glucagone, al pari dell'insulina, regola i livelli di zucchero nel sangue, ma in maniera diametralmente opposta. La sua sintesi è stimolata dai bassi livelli di glucosio ematico, e il rilascio nell'organismo favorisce la liberazione di glicogeno epatico. Un controllo analogo a quello del glucosio lo hanno gli acidi grassi circolanti. Anch'essi in grado di stimolare o inibire il rilascio di glucagone.