Tiroide, paratiroide, timo, epifisi
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Tiroide, paratiroide, timo, epifisi

La struttura, il funzionamento e la produzione ormonale da parte di: tiroide, paratiroide, timo, epifisi.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Tiroide

Rappresenta la più grande fra le ghiandole endocrine, è posta anteriormente nel collo, fissata alla trachea, con una caratteristica forma ad "H" le cui porzioni laterali sono denominate lobi e la zona di congiunzione centrale istmo.
Nell'istmo è anche inserito un terzo lobo denominato lobo piramidale. È riccamente vascolarizzata dalle arterie tiroidee superiori ed inferiori e subisce il controllo da parte del sistema nervoso vegetativo. I follicoli che la compongono mutano aspetto in virtù dello stato di quiete o attività della tiroide, modificandosi rispettivamente da piatti a cilindrici.
La tiroide secerne ormoni tiroidei (tiroxina e triiodotironina) e calcitonina.

Gli ormoni tiroidei agiscono sui tessuti accelerando i processi di ossidazione energetica, quindi incrementando notevolmente il metabolismo, la temperatura, e l'accrescimento dei tessuti.
La calcitonina è regolata dalla percentuale di calcio nell'organismo, contrasta la formazione degli osteoclasti ed inibisce l'assorbimento renale di calcio e fosforo, nel caso in cui vi sia una grande percentuale di calcio sierico in circolo. In altri termini interviene abbassando il calcio plasmatico.

Paratiroidi

Sono due coppie di ghiandole situate posteriormente rispetto alla tiroide e irrorate da ramificazioni di una delle arterie tiroidee. Espletano la funzione di controllo sui livelli di calcio con azione opposta a quella della calcitonina. La principale opera di controllo della concentrazione plasmatica del calcio spetta proprio alle paratiroidi.
Si occupano della secrezione dell'ormone paratiroideo (PTH o paratormone) che svolge la sua azione sui reni, sul tessuto osseo, sull'intestino, promuovendo il passaggio di calcio al torrente ematico. Nei reni aumenta il riassorbimento, nell'intestino promuove l'assimilazione, nelle ossa accelera il processo di rimozione del calcio. Inoltre si occupa di agevolare l'escrezione urinaria di fosfati, contrastandone l'accumulo. Una carenza di calcio plasmatico incrementa la secrezione del paratormone.

Timo

La sede del timo è nel torace, è costituito da vari lobuli formati da timociti contenuti in un reticolo. Dalla nascita alla pubertà il timo aumenta di dimensioni, per poi terminare le sue funzioni al raggiungimento della pubertà.
Il timo regola le funzioni degli organi linfoidi, influenzando le risposte immunologiche dell'organismo.

Epifisi

È situata al centro del cervello rivestita da una capsula costituita da cellule gliali e da cellule pinealociti, queste ultime con funzione endocrina.
Attraverso la trasmissione di segnali da parte della retina, che indicano le fasi di luce e di oscurità, la ghiandola può regolare i ritmi circadiani e di crescita dell'individuo mediante la sintesi di melatonina a partire dalla serotonina.
La melatonina ha effetto inibente sugli ormoni LH e GH, ed effetti regolatori sulla fase del sonno. L'epifisi regola, fra l'altro, i livelli di sodio nel corpo.