Articolazione del ginocchio
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Articolazione del ginocchio

L'articolazione del ginocchio è assai complessa, sia in relazione alla classificazione che dal punto di vista funzionale. Analisi dei compartimenti: anteriore, posteriore, mediale, laterale, centrale

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Articolazione del ginocchio

Il ginocchio è l'articolazione intermedia dell'arto inferiore. È un'articolazione molto complessa, costituita due sistemi articolari: l'articolazione femoro-tibiale e l'articolazione femoro-rotulea (vedi anche De Pascalis Articolazione del ginocchio, articolazione tibiofibulare).

Questa complessità deriva dalla necessità di consentire ampia motilità tra femore e tibia durante la marcia, garantendo al contempo la stabilità durante il carico.

L'articolazione femoro-tibiale è formata dall'estremità distale del femore che è costituito da due condili, laterale e mediale, la fossa intercondiloidea. I due condili femorali si articolano con la tibia a livello del piatto tibiale, dove si trovano due cavità, una interna ed una esterna, saparate dalle spine tibiali. Tra queste suferfici articolari, non perfettamente congruenti, s'interpongono i menischi, due formazioni fibro-cartilaginee semilunari il cui spessore diminuisce procedendo dall'esterno verso l'interno.

L'articolazione femoro-rotulea è costituita della troclea femorale, cavità situata anteriormente tra i due condili e dalla faccia posteriore della rotula.

L'articolazione del ginocchio è ricoperta interamente dalla capsula articolare, che insieme ai muscoli e ai legamenti ne assicura la stabilità.

Tale sistema è suddiviso in 5 compartimenti.

Compartimento anteriore

Il compartimento anteriore è costituito dalla capsula anteriore, dalla rotula e dal tendine rotuleo che rappresentano l'espansione distale del muscolo quadricipite (costituito dal muscolo vasto laterale, vasto intermedio, vasto mediale e dal retto anteriore). Tale muscolo permette l'estensione del ginocchio, limita lo scivolamento posteriore del piatto tibiale, centra la rotula nella troclea femorale e stabilizza l'estensione completa.

Compartimento posteriore

Il compartimento posteriore è costituito dalla capsula posteriore che assicura la stabilità del ginocchio in estensione e dal muscolo gastrocnemio con le due espansioni tendinee del muscolo gemello mediale e laterale, che flettono il ginocchio e contrastano lo scivolamento anteriore del piatto tibiale. 1.1.4 Compartimento mediale Il compartimento mediale è costituito dalla capsula interna, dal legamento collaterale mediale, e dalla zampa d'oca, costituita dai tendini dei muscoli semitendinoso, gracile e sartorio. Tali muscoli agiscono come flessori ed intrarotatori del ginocchio. Tale sistema controlla il valgismo del ginocchio.

Compartimento laterale

Il compartimento laterale è costituito dalla capsula esterna, dal legamento collaterale laterale, dal tendine del muscolo popliteo, e dal tendine del muscolo bicipite femorale. Il tendine del muscolo popliteo determina una debole flessione del ginocchio e un'intrarotazione della gamba, mentre il tendine del muscolo bicipite femorale flette e ruota esternamente la gamba e con il suo capo breve permette l'extrarotazione del ginocchio ad anca estesa. Tale sistema controlla il varismo del ginocchio.

Compartimento centrale

Il compartimento centrale o pivot centrale rappresenta il fulcro del movimento del ginocchio ed è costituito dai legamenti crociati, che s'incrociano nei piani trasverso, frontale e sagittale. Tale compartimento stabilizza il ginocchio in senso antero-posteriore e limita la rotazione tibiale interna ed esterna. In particolare il legamento crociato anteriore (LCA) si oppone all'iperestensione del ginocchio e allo scivolamento anteriore del piatto tibiale, mentre il legamento crociato posteriore (LCP) ha come funzione principale il controllo dello scivolamento posteriore del piatto tibiale. Il LCA origina dall'eminenza intercondiloidea della tibia e si estende verso l'alto e indietro fino alla parte posteriore della faccia mediale del condilo femorale laterale. Il LCP origina da dietro l'eminenza intercondiloidea della tibia e decorre fino alla faccia laterale del condilo femorale mediale.