Deltoide, sovraspinato, infraspinato, piccolo rotondo, grande rotondo, sottoscapolare
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Deltoide, sovraspinato, infraspinato, piccolo rotondo, grande rotondo, sottoscapolare

Caratteristiche, ruolo funzionale ed innervazione dei muscoli della spalla: deltoide, sovraspinato, infraspinato, piccolo rotondo, grande rotondo, sottoscapolare.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

I muscoli della spalla sono rappresentati da: deltoide, sovraspinato, infraspinato, piccolo rotondo, grande rotondo, sottoscapolare.

Il deltoide

Il deltoide fa parte dei muscoli che hanno origine dalla cintura toracica e prendono inserzione sull'omero. Assieme al sovraspinato consente l'abduzione del braccio. Il deltoide ricopre la parte laterale della spalla, ha forma di delta con la base in alto e l'apice rivolto verso il basso, risulta essere appiattito, spesso e particolarmente robusto.

Origina dal margine anteriore della clavicola, dall'acromion, e dal labbro della spina della scapola. I suoi fasci si inseriscono tramite un robusto tendine nella tuberosità deltoidea dell'omero, posta sulla superficie laterale della diafisi. Risulta innervato dal nervo ascellare (C5 e C6) e, con la sua azione, abduce il braccio di 90°. Ricopre interamente l'articolazione scapolo omerale.

Nel deltoide, vengono considerate tre aree funzionali: anteriore, mediale e posteriore e, ad un'analisi elettromiografica, si nota come queste entrino in gioco in momenti diversi, durante il movimento. Nel dettaglio, la parte mediale è incaricata dell'abduzione del braccio, la parte anteriore flette e ruota medialmente l'omero, la parte posteriore lo estende e ruota lateralmente, e asseconda l'adduzione del braccio.

Il sovraspinato

Il sovraspinato garantisce la stabilità dell'omero nella cavità glenoidea, e avvia il movimento di abduzione del braccio, reso poi marcato e potente dalle fibre medie della muscolatura deltoidea.
Origina dalla regione mediale della fossa sovraspinata della scapola, per poi inserirsi sulla grande tuberosità dell'omero.

La sua contrazione è governata dalle radici del nervo sovrascapolare (C5), in grado di consentire un'efficace abduzione del braccio sino ad un angolo di circa 20°-30°.

Il sovraspinato è uno dei quattro componenti della cuffia dei rotatori.
La cuffia dei rotatori è un'importante struttura muscolare in grado di conferire stabilità all'articolazione della spalla, per sua natura particolarmente esposta a traumi. È rappresentata da: sovraspinato (del quale abbiamo già esposto le caratteristiche), sottoscapolare, infraspinato e piccolo rotondo.

Il sottoscapolare

Il sottoscapolare è un muscolo multipennato, origina dalla fossa sottoscapolare per poi inserirsi, con i suoi fasci, sul piccolo tubercolo dell'omero. Contrae anteriormente rapporto con il dentato anteriore e con i vasi e i nervi ascellari, posteriormente, come lo stesso nome lascia intendere, trova alloggiamento nella fossa sottoscapolare.

È innervato dal nervo sottoscapolare superiore e inferiore (C5-C6) e, sotto la sua azione, ruota medialmente il braccio e lo adduce.

L'infraspinato

L'infraspinato origina dal versante mediale della fossa infraspinata della scapola per poi convergere con un robusto tendine sulla grande tuberosità dell'omero.

Entra in rapporto con trapezio e deltoide mediante la faccia superiore, parzialmente ricoperta dai due muscoli, inferiormente entra in contatto con la fossa infraspinata.

Risulta innervato dal nervo soprascapolare (C5-C6) e, con la sua contrazione, ruota esternamente il braccio, completa l'abduzione e stabilizza l'articolazione scapolomerale quando l'arto è completamente abdotto.

Il piccolo rotondo

Il piccolo rotondo origina dalla fossa infraspinata, esattamente dal margine laterale della scapola, per poi inserirsi sul grande tubercolo dell'omero. Ha un aspetto allungato e appiattito, si rapporta con il deltoide e il grande rotondo posteriormente, con il sottoscapolare anteriormente. L'innervazione è fornita dalle radici C5 e C6 del nervo ascellare.

Contraendosi ruota lateralmente il braccio. Con l'arto abdotto è in grado di favorirne anche l'adduzione.

Il grande rotondo

È posto inferiormente al piccolo rotondo, è particolarmente spesso e robusto, origina dalla faccia dorsale della scapola, in prossimità dell'angolo inferiore e si inserisce nel solco bicipitale dell'omero.
La sua faccia posteriore è in contatto con il grande dorsale (assieme al quale compone la parete ascellare posteriore) e con il capo lungo del tricipite. Quella anteriore con i muscoli sottoscapolari, coracobrachiale, grande dorsale.

È innervato dal sottoscapolare inferiore (C6-C7) e, con la sua azione, adduce, estende e ruota l'omero.