Femore e rotula
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Femore e rotula

Anatomia, caratteristiche e ruolo funzionale del femore e della rotula. I rapporti anatomici e le aree di inserzione muscolare.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Il femore

È un osso lungo che forma lo scheletro della coscia, e si pone obliquamente nella stazione eretta, atteggiamento più pronunciato nella femmina per le maggiori dimensioni del bacino. Nel femore distinguiamo un corpo e due estremità.

femore

Il corpo non è esattamente rettilineo ma presenta una concavità posteriore. È prismatico e ci si possono dunque considerare tre facce e tre margini. Le facce sono lisce e leggermente convesse i margini, ad eccezione di quello posteriore denominato linea aspra, sono smussi. Lungo il suo decorso è presente il foro nutritizio. In basso la linea aspra si biforca e, ciascuno dei suoi due rami, termina in corrispondenza di un condilo, delimitando il triangolo popliteo. In alto, la linea aspra, è tripartita, originando la linea pettinea, punto di inserzione del muscolo pettineo, e la linea del muscolo vasto mediale, da cui prende origine l'omonimo capo del quadricipite femorale. Sull'estremità superiore riscontriamo due rilievi, denominati trocanteri, ed una testa sferica, diretta in alto, in avanti e medialmente, destinata ad articolarsi con l'acetabolo. La testa è sostenuta dal collo anatomico, alla cui base originano due robuste eminenze: il grande e il piccolo trocantere, uniti da una cresta intertrocanterica.
Immediatamente al di sotto del piccolo trocantere, si trova il collo chirurgico, che segna la fine tra dialisi ed epifisi e, medialmente al grande trocantere, è evidente la fossa trocanterica. L'estremità inferiore del femore presenta anteroinferiormente una vasta superficie articolare per tibia e patella.È strutturata con due masse ossee laterali: i condili, separati da un'incisura denominata intercondiloidea, diretta continuazione della gola della troclea. La fascia dei condili da attacco ai legamenti crociati. Superiormente e al di dietro dell'epicondilo mediale, si trova il tubercolo del grande adduttore, punto di inserzione dell'omonimo muscolo. La dialisi femorale è formata da un astuccio di tessuto osseo compatto, all'interno del quale è presente un canale midollare. Le epifisi sono invece costituite da una lamina superficiale compatta che avvolge un trabecolato spugnoso.

La rotula

È un osso sesamoide compreso nello spessore del tendine di inserzione del quadricipite. È breve, appiattito e sommariamente triangolare. La faccia anteriore, o cutanea, è convessa in ogni direzione con irregolari striature verticali, la faccia posteriore è divisa in una porzione superiore, liscia corrispondente al femore, ed una inferiore rugosa e corrispondente alla massa adiposa del ginocchio. Fra le due superfici è interposta una cresta trasversale. La base è volta verso l'alto e offre inserzione al tendine del muscolo quadricipite, l'apice è volto distalmente e si continua nel legamento patellare. La sua conformazione interna è tipica delle ossa brevi.