Ossa dell' arto inferiore: le ossa dell' anca
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Ossa dell' arto inferiore: le ossa dell' anca

Anatomia delle ossa dell'arto inferiore: le ossa dell'anca, il bacino nel suo insieme, la cavità pelvica.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

È strutturalmente simile a quella dell'arto superiore, essendo costituito da un'anca, da una coscia, dalla gamba e dal piede. L'anca rappresenta il dispositivo di attacco dell'arto al tronco. Lo scheletro dell'arto inferiore è dato dalla cintura pelvica e dalla parte libera dell'arto. La cintura pelvica è a sua volta formata dalle due ossa dell'anca, fra loro articolate, nelle quale si articola a sua volta il femore e, procedendo in direzione prossimodistale, la tibia e la fibula e, ultimo, il piede.

Osso dell'anca

È un osso piatto, pari e simmetrico che origina dalla fusione di tre ossa che, nel neonato sono ben distinte sino alla fase pre-adolescenziale, vale a dire: l'ileo, l'ischio e il pube. L'osso dell'anca ha forma irregolarmente quadrilatera, offrendo due facce e quattro margini. La faccia esterna presenta una cavità denominata acetabolo delimitata dal margine dell'acetabolo, di natura ossea. Una parte della superficie dell'acetabolo, liscia e periferica, detta faccia semilunare, assolve alla funzione articolare, mentre più in profondità, la fossa dell'acetabolo, offre inserzione ad un legamento.

Superiormente all'acetabolo, sulla faccia esterna dell'osso dell'anca, è situata la faccia glutea, divisa in tre zone di origine dei tre muscoli glutei da due linee rugose ad andamento semilunare.
Denominate linee glutee anteriore e posteriore. Inferiormente all'acetabolo è presente il forame otturatorio, chiuso da una membrana fibrosa, punto di attacco per i muscoli. Nella faccia interna è presente la linea arcuata che la divide obliquamente in due territori e, al di sopra di essa, in corrispondenza della parte inferiore della cavità addominale, si estende una superficie piana, la fossa iliaca, punto di origine dell'omonimo muscolo. La faccetta auricolare del sacro, punto articolare per l'osso dell'anca, è posto immediatamente dietro l'origine della linea arcuata e al davanti rispetto alla tuberosità iliaca, area accidentata che offre inserzione ai legamenti sacroiliaci posteriori. Il margine anteriore dell'osso può scomporsi in due porzioni, una verticale ed una mediale che, con la prima, forma un angolo di circa 140°.
Le spine iliache anteriori sono poste una sopra l'altra, sempre sul margine anteriore, separate da un incisura che offre passaggio al muscolo ileopsoas. Il margine posteriore è molto più accidentato, nella sua parte superiore si trovano le spine iliache posteriori e, a seguire verso il basso, la grande incisura ischiatica delimitata dalla spina ischiatica che, a sua volta, forma il margine superiore della piccola incisura ischiatica Il margine superiore, denominato cresta iliaca, è leggermente incurvato ad S e delimitato da due labbri, interno ed esterno. Il margine inferiore inizia con la tuberosità ischiatica e termina con una faccetta ovalare: la faccetta della sinfisi pubica, punto di articolazione con la corrispondente faccetta del alto opposto.

anca

Il bacino nel suo insieme

È un complesso osseo formato dalle due ossa dell'anca, dal sacro e dal coccige. Ha approssimativamente forma di tronco di cono con l'apice rivolto verso la regione perianale. La cavità pelvica ha forma ad imbuto, suddivisa in due zone: la grande e la piccola pelvi, la prima facente parte della cavità addominale, la seconda della cavità pelvica. Il limite fra questo due zone è dato stretto superiore, costituito dall'eminenza ileopettinea anteriormente e dalle ali del sacro posteriormente.

La grande pelvi è delimitata posteriormente dalla colonna vertebrale e dall'ileo, lateralmente dalle ali iliache e, anteriormente, dalla parete addominale anteriore. La piccola pelvi presenta un'apertura superiore, una inferiore, e una cavità. Le dimensioni della cavità pelvica e lo studio dei suoi diametri, sono rilevanti sia in ambito anatomo-antropologico che pratico, in ostetricia.