Osso sfenoide, osso etmoide
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Osso sfenoide, osso etmoide

Analisi delle ossa della scatola cranica, conformazione, rapporti anatomici e caratteristiche. L'osso sfenoide, l'osso etmoide.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

È un osso impari e mediano. La sua conformazione lo rende parte costituente del pavimento della cavità cranica (cui partecipa il corpo dello sfenoide), delle cavità nasali ed orbitarie. All'esame visivo è possibile individuare un corpo centrale, dal quale si dipartono lateralmente due coppie di lamine ossee, denominate piccole e grandi ali dello sfenoide. Sul lato frontale si distinguono anche i due processi pterigoidei.

osso sfenoide Il corpo dello sfenoide contrae rapporto con l'osso occipitale (sul versante posteriore) e con l'osso etmoide (sul versante anteriore). Forma la parte posteriore della volta delle cavità nasali e la parte posteriore delle cavità orbitarie.
Nella concavità che caratterizza la faccia superiore del corpo, trova alloggiamento l'ipofisi, esattamente nella fossetta ipofisaria, parte terminale della sella turcica dello sfenoide.

In posizione mediana, sulla faccia anteriore del corpo dello sfenoide ritroviamo la cresta sferoidale, costituita da una sporgenza verticale, che si continua nel rostro sferoidale. La cresta prende contatto con la lamina dell'etmoide, partecipando alla formazione del setto nasale.
Dalla formazione delle piccole ali origina il foro ottico, nello spazio compreso fra queste ultime e l'area anterosuperiore del corpo dello sfenoide. La faccia superiore delle piccole ali, partecipa alla costituzione del pavimento della fossa cranica anteriore. La faccia endocranica delle grandi ali partecipa alla formazione della fossa cranica media.

Il foro rotondo, posto alla base della grande ala, consente il passaggio del nervo mascellare, il foro ovale è il canale di comunicazione per il nervo mandibolare e l'arteria piccola meningea.
Tra gli altri componenti dello sfenoide ritroviamo i processi pterigoidei la cui base, attraversata da un canale, fornisce il passaggio al nervo ed ai vasi vidiani.

L'osso etmoide

osso etmoide È posto anteriormente rispetto allo sfenoide, sotto l'osso frontale. È marginalmente coinvolto nella formazione della fossa cranica anteriore, mentre in larga misura partecipa alla costituzione delle cavità nasali ed orbitarie.
Sulla faccia superiore è riconoscibile la lamina orizzontale (cribrosa), caratterizzata dalla presenza di numerosi fori di piccole dimensioni che offrono passaggio ai filamenti del nervo olfattivo.

Sempre sulla faccia superiore notiamo una ulteriore escrescenza ossea a decorso sagittale che divide in due porzioni la faccia dell'etmoide (e la fossa cranica anteriore), denominata crista galli, punto di ancoraggio dell'apice della grande falce encefalica.

Inferiormente alla lamina cribrosa, scorgiamo la lamina perpendicolare, che costituisce la parte superiore del setto nasale.
L'osso etmoide ospita le cellule etmoidali, che trovano alloggiamento nelle cavità delle due masse laterali denominate anche labirinti etmoidali.