L'adattamento umano all'ambiente
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

L'adattamento umano all'ambiente

La variazione umana in risposta al processo di adattabilità all'ambiente. Le variazioni geografiche dei caratteri misurabili.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Una statura maggiore conferisce all'individuo una migliore capacità di disperdere il calore, ciò farebbe pensare quindi che questa sia una caratteristica tipica degli abitanti delle regioni calde, invece ritroviamo popolazioni dalla statura rilevante anche presso gli scandinavi (ad esempio). Questo dato ci aiuta a comprendere che, in realtà, la correlazione tra latitudine e statura non è poi così diretta. Il peso è una misura combinata della massa dello scheletro più la massa muscolare, il pannicolo adiposo ed i visceri. Ciò rende evidente quanto la sua espressione fenotipica sia influenzata da fattori ambientali e, in particolar modo, alimentari. Nella popolazione di un dato sesso, della stesa età e geneticamente omogenea, la distribuzione del peso è continua ma la curva non è simmetrica per un eccesso di valori estremi.

La selezione naturale agisce attraverso la mortalità perinatale sui nati il cui peso differisce molto dai valori medi. Anche la variazione del peso alla nascita ha subìto, negli ultimi trent'anni, un incremento, al pari della statura. Ma, anche questo elemento non potrà essere ulteriormente integrato dovendo fare i conti con le dimensioni del bacino. Anche la varianza del peso alla nascita è diminuita. Nei paesi a forte industrializzazione poi, bisogna sottolineare quanto ormai la selezione naturale sia scarsamente rilevante, soprattutto nella fase perinatale. Nascere con un peso relativamente basso significa essere avvantaggiati nei luoghi dove le condizioni di ossigenazione non sono buone, una massa piccola, infatti, richiede una minor quantità di ossigeno ed una minore energia calorica, rispetto ad una massa più grande.
È invece motivo di dibattito se le dimensioni ridotte siano di valido aiuto nelle regioni tipicamente sottoalimentate. In definitiva piccole dimensioni corporee in queste regioni, apparirebbero più come un adeguamento fenotipico che non come un adattamento genotipico. Anche le variazioni del rapporto statura/peso possono essere considerate variazioni geografiche. Infatti le popolazioni tropicali sono caratterizzate da statura alta e peso basso, mentre quelle che abitano le regioni fredde presentano statura bassa e peso elevato.Nel bilancio termico dell'organismo, la superficie cutanea è il mezzo disperdente il calore prodotto dalla massa. Tenendo presenti questi elementi, possiamo facilmente considerare la morfologia corporea degli abitanti le regioni fredde, come riferimento per verificare il rispetto delle sopraccitate regole. Infatti queste popolazioni sono caratterizzate da dimensioni degli arti piuttosto ridotte rispetto al corpo e da una massa maggiore rispetto alla superficie corporea. Tutti elementi protesi alla limitazione della dispersione calorica.