Le fasi di accrescimento dell'individuo
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Le fasi di accrescimento dell'individuo

Le fasi di accrescimento ontogenico dell'individuo. L'accrescimento intra ed extra uterino.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Nel ciclo ontogenico distinguiamo due fasi principali: l'accrescimento intrauterino ed extrauterino.
L'accrescimento intrauterino si divide in due fasi: embrionale e fetale. Nella prima partiamo dalla segmentazione dell'ovulo e dalla specializzazione dei tessuti, sino a giungere fino a circa 8 settimane dopo la fecondazione. Segue l'accrescimento fetale.
L'accrescimento extrauterino può essere distinto in varie fasi neonatale, di maturazione, fase adulta e senile.

Quanto prima si instaura la pubertà (fase di maturazione caratterizzata dal differenziamento sessuale e dall'accrescimento dell'apparato muscolo scheletrico), tanto prima si avvia la decelerazione dell'accrescimento. È il programma genetico a dirigere le varie fasi. La successione delle fasi di accrescimento è differente nei due sessi e non è rigida, essendo quest'ultima fortemente influenzata da fattori climatico-sociali, igienico-sanitari e socio-economici. La regolazione genetica che porta allo sviluppo dei caratteri tipici maschili o femminili, è regolata dal rilascio ormonale e questo avviene, approssimativamente, verso gli 8-10 anni nella femmina e un paio di anni dopo nel maschio; conseguentemente si ha un ingrossamento delle gonadi e l'affermarsi dei caratteri sessuali secondari. I maggiori tratti distintivi tra uomo e donna sono: uno scheletro meno robusto nella donna, con un bacino più basso e largo, un aumento del diametro bicristale.
Nell'uomo riscontriamo invece un aumento dimensionale della gabbia toracica (per contenere polmoni più sviluppati in rapporto ad una muscolatura più robusta), caratteri del cranio più marcati, e processo mastoideo più evidente che nella donna. Anche le dimensioni degli arti distali differiscono, in rapporto al grado di potenza muscolare. La distribuzione del pannicolo adiposo e della massa muscolare sono differenti, assumendo per certi versi il significato di segnale sessuale, tipico della nostra specie è infatti il sovradimensionamento di natiche e mammelle.