Apparato cardiocircolatorio, il cuore
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Apparato cardiocircolatorio, il cuore

Caratteristiche e fisiologia del cuore e del tessuto cardiaco. L'apparato cardiocircolatorio nel suo insieme.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

L'apparato cardiovascolare è fondamentalmente formato da una pompa, una serie di vasi di differente diametro con il ruolo di distribuzione e raccolta e scambio.
All'interno del sistema circolatorio il flusso sanguigno è unidirezionale, partendo dall'aorta e distribuendosi in un sistema di vasi e capillari dove il flusso si trasforma da pulsatile a continuo. Nella fase di ritorno al cuore, il sangue sfrutta il sistema venoso, che da capillari e venule passa per vasi sempre più grandi e con struttura differente.

Il tessuto muscolare cardiaco, o miocardio, è costituito da cellule mononucleate, più piccole rispetto al tessuto striato del muscolo scheletrico. Spesso sono bifide ad una estremità e distribuite in maniera irregolare nello spazio, a formare una sorta di rete. Al pari del tessuto muscolare scheletrico, anche le membrane plasmatiche delle cellule miocardiche si invaginano connettendosi alle miofibrille. Le membrane delle cellule attigue sono connesse da particolari strutture giunzionali che consentono un rapido passaggio di ioni e la conseguente propagazione degli impulsi. Le fibre miocardiche non sono singolarmente innervate, né la loro contrazione dipende dal SN. La contrazione del miocardio insorge spontaneamente in particolari cardiociti modificati detti cellule pace-maker, indicati come miocardio specifico. Questo tessuto, distribuito nelle pareti cardiache in piccoli aggregati, nodi e fasci, costituisce il sistema di conduzione del cuore che è del tutto autonomo. Solo la frequenza è regolata dal SN simpatico.
Il cuore è situato nella cavità toracica, esattamente nel mediastino delimitato lateralmente dai polmoni ed inferiormente dal diaframma. Individuiamo due regioni la destra, con sangue non ossigenato e la sinistra, con sangue ossigenato proveniente dai polmoni. È un organo cavo formato da tessuto striato involontario che causa le contrazioni responsabili del flusso sanguigno sin nella periferia del corpo. A tale proposito è possibile distinguere la grande circolazione e la piccola circolazione. La prima porta il sangue da e verso gli organi e i tessuti, la seconda da e verso i polmoni. Il cuore ha una base ed un apice generalmente rivolto verso sinistra. È avvolto dal sacco pericardico composto da due foglietti tra i quali è presente il liquido pericardio, con funzione lubrificante sul meccanismo del cuore. Il pericardio è un sacco fibroso epitelizzato che racchiude anche la porzione cardiaca dei grossi vasi. Il pericardio è scarsamente distendibile e si oppone tenacemente ad eventuali rapidi incrementi delle dimensioni del cuore, aitando a prevenire l'improvvisa sovradistensine delle camere cardiache. Il solco coronario del cuore accoglie le vene e le arterie coronariche.

All'interno del cuore possiamo apprezzare 4 cavità, due superiori costituite da atrio destro e sinistro e due inferiori: ventricolo destro e sinistro. Le due cavità di destra comunicano fra di loro, così come le due cavità di sinistra. Le cavità destre del cuore contengono sangue venoso, le sinistre sangue arterioso. Sono definite arterie tutti i vasi nei quali il sangue scorre in maniera centrifuga rispetto al cuore. Le arterie ramificano e diminuiscono di diametro sino ad originare i capillari dai quali, accrescendosi diametralmente, originano le vene che si dirigono verso il cuore.
La grande circolazione parte dal ventricolo sinistro da dove si diparte l'aorta ed ha termine nell'atrio destro, dove si immette la vena cava superiore ed inferiore. Il sangue venoso dell'atrio destro scende nel ventricolo sottostante, da dove si diparte la piccola circolazione. La piccola circolazione ha pertanto sangue venoso nelle arterie e sangue arterioso nelle vene. Il cuore è di circa 12cm x 10,5 ed una capacità di circa mezzo litro. Il confine fra la parte del cuore spettante agli atri e quella di pertinenza dei ventricoli è segnata sulla superficie esterna dal solco coronario, che decorre circolarmente sulla superficie cardiaca. Atrio destro e ventricolo sottostante sono in comunicazione mediante l'orifizio atrio-ventricolare destro fornito di valvola tricuspide. L'atrio sinistro comunica con il ventricolo sottostante mediante l'orifizio atrio-ventricolare fornito di valvola bicuspide (o mitrale). Le cavità destre e sinistre (non comunicanti) sono separate dal tessuto cardiaco denominato setto del cuore.
L'apparato di conduzione degli eccitamenti è costituito dal miocardio specifico, formato da fibre muscolari striate involontarie, differenti da quelle del miocardio comune per la loro velocità di conduzione degli stimoli di contrazione.