Crampo muscolare
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Crampo muscolare

I crampi muscolari: le cause scatenanti e caratteristiche delle contrazioni involontarie.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Il crampo muscolare è una manifestazione dolorosa frutto di una contrazione involontaria del muscolo, spesso violenta ed improvvisa.

Le cause di un crampo muscolare possono essere diverse. Se consideriamo soggetti sedentari possono originare da problemi circolatori, anche determinati da atteggiamenti o posture che ostacolino il flusso sanguigno. Alcune terapie farmacologiche, in particolare l'uso di diuretici, possono favorire la comparsa, al pari di una sudorazione copiosa o squilibri biochimici.

In soggetti sportivi, anche agonisti, l'insorgere di crampi muscolari è quasi sempre assoggettabile ad un marcato affaticamento psicofisico, ed in misura più modesta a carenze o squilibri elettrolitici, determinati quasi sempre da sudorazione eccessiva e/o errato reintegro idrosalino.

Sodio e potassio sono gli elettroliti una cui carenza maggiormente espone a crampi muscolari. È tuttavia da sottolineare come è assai improbabile che si verifichi una carenza di sodio in un soggetto che si alimenta normalmente.
Pertanto la migliore azione preventiva è una corretta calibrazione del carico di lavoro, salvo non vi sia la certezza che il problema è imputabile ad errori di reidratazione.

La pratica sportiva in prossimità di pasti importanti è un'altra delle possibili ragioni per le quali insorgono i crampi. In questi casi infatti il sangue viene richiamato nella regione addominale ed il limitato afflusso nella muscolatura periferica è una condizione favorente l'insorgere dei crampi muscolari. Situazioni analoghe si verificano con l'uso di abbigliamento o accessori (calzature, fasce, elastici ecc.) che ostacolano la corretta circolazione.

Naturalmente i crampi possono avere cause anche più gravi e di difficile diagnosi, come ad esempio un deficit energetico derivante da malattie mitocondriali, che provocano scompensi differenti a seconda dell'organo coinvolto. Nel caso del muscolo inducono intolleranza alla fatica e crampi muscolari.