Modificazioni ormonali attraverso cibo ed esercizio fisico
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Modificazioni ormonali attraverso cibo ed esercizio fisico

Il ruolo dell'ipotalamo nei processi di regolazione e rilascio ormonale.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Basi teoriche e applicazioni pratiche

In questo lavoro ho cercato di dimostrare come sia possibile mantenere e incrementare alcuni ormoni fondamentali che per diversi motivi, tra cui l'età, tendono a ridursi provocando diversi squilibri organici.
La manipolazione ormonale si ottiene: sia attraverso farmaci che, sotto controllo medico, riequilibrano le disfunzioni; sia utilizzando gli steroidi che modificano i livelli degli ormoni anabolizzanti come il Testosterone e il GH, o mediante una manipolazione naturale che si avvale di due straordinari "stimolatori": il CIBO e L'ESERCIZIO FISICO. Vediamo come è possibile attraverso il supporto dei tre grafici, Ipotalamo - Carboidrati - Testosterone.

Analisi del 1° grafico "Ipotalamo"

 Tutto il traffico degli ormoni endocrini è controllato dall'ipotalamo, vero e proprio regista, che ricevendo continuamente, dai vari sensori del sistema nervoso centrale,informazioni relative a temperatura corporea, pressione sanguigna, livelli di glucosio e livelli ormonali in toto, trasmette un "fattore di rilascio" Rh, appropriato all'ormone da secernere, che viene inviato, attraverso un canale preferenziale, alla vicina Ipofisi, anch'essa situata nel cervello ma a stretto contatto con il circolo sanguigno. Questa piccola ghiandola produce 10 diversi ormoni, in dosaggi regolati dalla quantità dell'Rh specifico ricevuto dall'Ipotalamo.
Se osserviamo il grafico e ci spostiamo verso sinistra seguendo la freccia ci avviamo a comprendere la strada che deve compiere il GH per giungere alla cellula e consentire l'effetto anabolico. Il GH ,l'ormone della crescita, anche conosciuto come Somatotropina(STH), è una proteina anabolizzante che promuove la crescita somatica, stimola la sintesi proteica e regola il metabolismo dei carboidrati e dei lipidi. Il GH segue dei ritmi circadiani, ha dei momenti in cui la produzione è maggiore, per questo ormone è circa il 75% di notte .La natura pulsante del rilascio di GH dipende da due ormoni antagonisti rilasciati dall'Ipotalamo: il GHrf e la Somatostatina (SSrf).
Il primo stimola la formazione del cAMP, il secondo lo inibisce. Prima di continuare il percorso grafico ritengo necessario spiegare cos'è il cAMP e la sua funzione. Il cAMP è una molecola chiamata "secondo messaggero"che ha la funzione di trasmettere il messaggio ormonale all'interno della cellula.Uno dei più noti è l'AMP ciclico appunto il cAMP,che viene prodotto a partire dall'ATP grazie all'azione dell'enzima adenilatociclasi.
Quando si riducono i livelli del secondo messaggero la risposta ormonale della ghiandola è bassa o nulla. Questo particolare è di estrema importanza poiché quando una sostanza contrasta l'azione del cAMP la produzione dell'ormone,in questo caso del GH, è minima o inesistente.

Se osserviamo il grafico, affianco al cAMP ho messo un asterisco che indica come un aumento dell'Insulina riduce la risposta del secondo messaggero. Al contrario un incremento di un Eicosanoide "buono"come la PGE3,la prostaglandina di tipo 3,aumenta i segnali del cAMP. Approfondirò l'argomento degli Eicosanoidi nel secondo grafico,quello riguardante i "Carboidrati".
Una volta ricevuto il segnale, l'Ipofisi secerne ormone della crescita e lo manda in circolo.Come molti ormoni proteici il GH non ha lunga vita nel flusso sanguigno. Il suo tempo di dimezzamento (il periodo necessario perché la quantità diminuisca della metà)è di 5-6 min.