Assoni e Dendriti
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Assoni e Dendriti

Assoni e dendriti: caratteristiche e funzioni. Le differenze principali tra assoni e dendriti: le catene amminoacidiche, i microtubuli assonici, fosforilati e microfilamenti, localizzazione e densità di alcune proteine

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Assoni e Dendriti

Assoni

Gli assoni sono allungate ramificazioni che singolarmente partono dal corpo neuronale, (anche più di 100 cm nei motoneuroni degli esseri viventi più grandi).

Svolgono le funzioni di trasmettere gli stimoli elettrici (potenziali d'azione) usualmente ai dendriti di altre cellule nervose che possono trovarsi anche in aree non limitrofe. Generalmente nel suo percorso l'assone è cilindrico liscio e regolare, con diametro costante.

In contiguità della sua terminazione l'assone assume una forma ramificata (chiamata terminazione pre-sinaptica) con una serie di protuberanze (globuli assonici) dove si trovano organelli che trasmettono segnali chimici a strutture extracellulari vicine chiamate vescicole sinaptiche.

Rigonfiamenti che possono trovarsi alle estremità degli assoni o lungo di essi (ma sempre nei tratti terminali): si tratta nell'ultimo caso di bulbi assonici "en passant". Moltissimi assoni sono rivestiti di mielina, una sostanza prodotta da cellule gliali che protegge ed isola l'assone per migliorare la trasmissione degli impulsi. A dispetto della loro semplicità e linearità gli assoni si presentano con svariate forme e dimensioni, come mostrato da Sheperd9.

Dendriti

I dendriti si allungano dal corpo cellulare dei neuroni con la funzione di ricevere i segnali sinaptici.

Generalmente sono molto ramificati, ma a diversamente dagli assoni non escono dal corpo neuronale per grandi distanze (raramente raggiungono il millimetro di lunghezza, e spesso molto meno). I motoneuroni hanno una costituzione levigata ed allungata, mentre altre tipologie neuronali presentano superfici irregolari e piene di piccole protuberanze sedi di contiguità sinaptiche (chiamate specializzazioni sinaptiche), soprattutto presso i tratti terminali.

Differenze tra dendriti ed assoni

In ragione della gran quantità di forme che possono essere assunte dai neuroni, è difficile localizzare l'assone e differenziarlo dagli altri dendriti.

Nei "neuroni di proiezione", costituiti da lunghi fasci nervosi che uniscono regioni tra loro lontane del sistema nervoso, identificare gli assoni è facile, per mezzo dell'osservazione della sua estensione ed altre sue caratteristiche peculiari (il monticolo assonico alla base del corpo cellulare, il diametro della sua sezione generalmente costante, eventuali rami secondari ad angolo retto).

Nelle altre tipologie neuroniche (neuroni intrinseci o interneuroni, contenuti interamente in una singola regione del sistema nervoso) l'assone può essere molto somigliante ai dendriti (o persino può non essere per nulla presente, nei neuroni anassonici): per vederlo è necessario analizzare la struttura fine delle ramificazioni, ed in special modo le parti intracellulari, le membrane o le strutture extracellulari prossime.

Talune catene amminoacidiche sono visibili in una sola delle due strutture, nei dendriti: la Map2 e la fosfochinasi; negli assoni: la Gap-43 e la Tau.

I microtubuli assonici sono con la polarità positiva verso la sua terminazione, invece nei dendriti non hanno una polarizzazione preferenziale. Neurofilamenti (fosforilati) e microfilamenti (actina) si localizzano abbondanti negli assoni, invece i dendriti mostrano solamente ribosomi e RNA messaggeri per la sintesi proteica.

Diversità sono anche nella costituzione molecolare della membrana ed in modo specifico la localizzazione e densità di certe proteine di membrana. Possono contrassegnare gli assoni dai dendriti per esempio il monticolo assonico ed i suoi segmenti non mielinizzati presentano moltissimi canali del sodio.

La costruzione extracellulare, ed in special modo la guaina mielinica (formata da cellule di Schwann e/o da oligodendrociti), è visibile solamente sugli assoni, ma unicamente in quelli più lunghi: per quelli più corti può anche non essere presente (ed in quelli molto corti non lo è mai).