Effetti della deprivazione socio-sensoriale
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Effetti della deprivazione socio-sensoriale

Le più recenti ricerche dimostrano sembra ombra di dubbio che le condizioni ambientali nei primi giorni di vita possono influire sulla morfologia dei neuroni dei granuli del giro dentato. Come e perchè

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Effetti della deprivazione socio-sensoriale

È noto che le condizioni ambientali dei primi giorni di vita possono influire anche molto negativamente sulla morfologia dei neuroni dei granuli del giro dentato e dei neuroni piramidali nei campi CA1 e CA3 dell'ippocampo Bartesaghi e collaboratori21 22 23. Bartesaghi e collaboratori24 hanno condotto uno studio volto a determinare se l'isolamento precoce colpisca la morfologia dei neuroni nello strato II della corteccia entorinale, dalla quale nasce la via perforante per giungere al giro dentato e al campo CA3 dell'ippocampo.

le misurazioni delle cellule stellate
Le misurazioni delle cellule stellate. (A) disegno a camera lucida di una sezione parasagittale (L 6.0) in tutta la regione dell'ippocampo con indicato i due terzi dorsali (asterischi) della corteccia entorinale da cui le cellule stellate di questo studio sono state provate. (B) Numero di intersezioni dendritiche con anelli concentrici a intervalli di 20 nm centrati sul soma, il numero di punti di ramificazione dendritica all'interno di ogni anello concentrico e l'ordine di ogni ramo dendritico. (C) disegno a camera lucida dei due tipi di cellule osservate nello strato II della corteccia entorinale. Scala bar= 50 nm. Dallo studio Bartesaghi e colleghi24
atlante di neuroanatomia Netter
Una bella tavola tratta dall'atlante di neuroanatomia Netter, dove si vedono in alto una veduta superiore del cervello, e in basso una visione laterale del corpo della fornice e dell'ippocampo con la fimbria e una sezione frontale dell'ippocampo.

Cavie di sesso maschile e femminile sono state messe a 6-7 giorni di età in due gruppi: un gruppo di controllo dove le cavie avevano vita sociale e una parte in gabbie isolate individuali dove sono rimaste per 80-90 giorni.

I risultati hanno mostrato che i maschi isolati avevano cellule stellate con meno rami dendritici, una lunghezza dendritica più breve e una densità inferiore delle spine dendritiche rispetto ai maschi del gruppo di controllo.

Al contrario, le femmine isolate avevano più rami dendritici delle femmine di controllo, anche se questa differenza è stata di piccolissima entità. Mentre i maschi isolati hanno le cellule stellate con un soma più piccolo rispetto al soma dei maschi di controllo, le femmine isolate avevano un soma più grande delle femmine di controllo. In entrambi gli ambienti le differenze di sesso sono state riscontrate nella morfologia delle cellule stellate. I maschi dell'ambiente di controllo avevano più rami dendritici, una maggiore lunghezza dendritica, un soma più grande, ma spine dendritiche di più piccola densità rispetto alle femmine. In ambiente isolato i maschi avevano meno rami dendritici, e dendriti di lunghezza inferiore, più piccola densità delle spine dendritiche e soma più piccolo rispetto alle femmine.

Questi risultati indicano che l'isolamento precoce incide sulla struttura delle cellule stellate nella corteccia entorinale e che i maschi e femmine reagiscono all'isolamento in maniera opposta. Una simile risposta di dimorfismo sessuale all'isolamento precoce è stata precedentemente osservata nel giro dentato e nei campi CA3 e CA1. La presenza di effetti di tale portata, dovuti all'isolamento, nella corteccia entorinale e numerose altre strutture ippocampali, suggerisce che l'isolamento precoce potrebbe provocare un cambiamento negativo sulle funzioni dell'apprendimento e della memoria che coinvolgono massivamente la regione dell'ippocampo".

atlante di neuroanatomia Netter
Una sezione coronale del cervello, in cui sono evidenziate l'ippocampo e la corteccia entorinale