L'importanza dell'ambiente sull'apprendimento
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

L'importanza dell'ambiente sull'apprendimento

Fondamentali studi condotti sulle scimmie hanno mostrato quali siano gli effetti dell'isolamento sociale. Disamina dello studio di Harlow

Autore:
Ultimo aggiornamento:

L'importanza dell'ambiente sull'apprendimento

Harlow58 ha condotto alcuni esperimenti volti a studiare gli effetti dell'isolamento sociale sulle scimmie. Il suo più famoso esperimento riguarda la separazione di alcune scimmiette Reshus dalla madre: le scimmiette, chiuse in una gabbia con due sostituti materni, uno di peluche caldo e morbido che però non forniva latte e l'altro freddo e duro, fatto con fil di ferro ma in grado di erogare latte, dimostrarono di preferire il surrogato di madre di peluche quando si sentivano minacciate e avevano bisogno di conforto mentre ricorrevano alla madre di fil di ferro solo per andare a soddisfare i propri bisogni alimentari per poi ritornare subito alla madre morbida. Venne così dimostrato che la necessità di contatto fisico è un bisogno primario e indipendente da quello relativo al soddisfacimento dei bisogni fisiologici, e che il legame di attaccamento madre-figlio è qualcosa di più che l'esito di un rapporto strumentale finalizzato all'ottenimento di cibo.

Allo stesso modo i neonati degli orfanotrofi si ammalavano e morivano se, pur puliti e nutriti a dovere, venivano lasciati nei loro lettini senza sufficiente contatto e coccole. Harlow, difatti, dimostrava che costringere un neonato di scimmia all'isolamento significa decretarne la morte psicologica. Egli verificava che piccoli di scimmie, separati dalla madre, anche se nutriti artificialmente, avevano bisogno del contatto di una madre calda e morbida per crescere sani. Le scimmie deprivate di contatto sociale dalla nascita, crescendo, si dimostravano aggressive e con gravi sintomi di disadattamento. Una delle patologie più sconcertanti studiate da Harlow era l'incapacità delle scimmie femmina cresciute in isolamento a permettere il tocco, pulire il proprio pelo, accoppiarsi o accudire i figli.

La mancanza di cure materne normali nell'infanzia, di contatto e di allattamento al seno, aveva impedito lo sviluppo di quelle caratteristiche sociali ed empatiche da cui sarebbero dipesi, successivamente, il comportamento sessuale e la capacità di dare attenzioni materne.

In queste ricerche la piccola scimmia era separata dalla madre poco dopo la nascita ed era quindi tenuta isolata per periodi a volte molto prolungati. Successivamente venivano analizzati i disturbi del comportamento che la piccola scimmia manifestava quando era inserita in un gruppo di suoi conspecifici. In particolare veniva studiato il comportamento materno delle femmine che da piccole erano state separate dalla madre ed erano poi cresciute in isolamento.

Harlow59 e due suoi collaboratori scrivono:

"Si dimostrarono incapaci, almeno con i primi figli, di comportarsi come madri normali. Esse si dimostravano o indifferenti o ostili nei confronti dei figli. I piccoli compivano sforzi patetici e disperati per avvicinare le loro madri, ma erano spesso percossi o buttati a terra.
Ben presto scoprimmo che avevamo creato un nuovo animale, la scimmia madre senza madre. Queste scimmie madri che non avevano mai conosciuto alcun tipo di amore erano prive di amore per i loro piccoli.
La maggior parte delle scimmie madri senza madre ignorarono i loro piccoli, ma altre madri senza madre maltrattarono i loro piccoli schiacciandogli la faccia sul pavimento, strappando coi denti i piedi e le dita delle mani dei piccoli e in un caso mettendosi in bocca la testa del piccolo e schiacciandola come un guscio d'uovo.
Neppure nei nostri sogni più remoti avremmo potuto progettare una madre artificiale tanto cattiva quanto queste scimmie madri vere"

Quindi la deprivazione socio-sensoriale è deleteria biologicamente e socialmente sia per i maschi che per le femmine, anche se in modi e maniere diversi.