I muscoli e il sistema nervoso
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

I muscoli e il sistema nervoso

Il ruolo dei muscoli nel mantenimento dell'omeostasi termina. La paralisi da ictus. La miopatia. La sclerosi laterale amiotrofica. La sincope.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

I muscoli (mm) hanno tra le loro molteplici funzioni quella di mantenere la temperatura corporea in un range predefinito, per evitare condizioni patologiche quali la febbre (> 37°) o addirittura la morte (< 25°). Per questo motivo i muscoli hanno sempre un tono cioè la contrazione delle loro fibre avviene sempre ,anche se non abbiamo il movimento visibile; soltanto quando i ponti acto-miosinici sono aumentati allora vediamo il gesto.
Nei muscoli può avvenire l'esaurimento della funzione, cioè quanti più muscoli non funzionano tanto più i neuroni gli stimolano; questa condizione è chiamata overdrive.

Paralisi da ictus

In seguito a questa patologia è interrotto il primo tratto delle vie nervose; nei primi 3gg la paralisi è di tipo flaccida, cioè il soggetto perde il tono muscoli di base, e in seguito diventa spastica con un eccessivo tono muscoli per gli impulsi che vengono dalle vie extrapiramidali.

Miopatia

È una grave patologia che causa una debolezza muscoli sita nel cingolo scapolo-omerale, con esito di morte prima dei 25 anni. Il soggetto fa fatica a inspirare, non è visibile alla nascita ma quando il neonato cresce.

Sclerosi laterale amiotrofica

È una patologia che comporta la paralisi dei muscoli inspiratori.

Disturbi della coscienzaIl SNC svolge la maggior parte delle sue funzioni a livello automatico, a livello della corteccia invece elabora a livello cosciente le azioni e le sensazioni.

Sincope

La sincope non può durare maggiormente di 90'' se è circolatoria, altrimenti vuol dire che è un breve coma; si divide in:
  • Maligna, avviene quando il cuore è tachicardico
  • Benigna, è causata da una stimolazione vaso-vagale che dilata contemporaneamente tutti i vasi provocando svenimento (segni: pallore, bradicardia, cute fredda); può essere dovuta ad un calo glicemico o a grande emozioni

Vertigine

Il sintomo della vertigine è quello di vedere ruotare il mondo (vertigine oggettiva) o sentirsi girare con il mondo che resta fermo (vertigine soggettiva). La vertigine dipende dal labirinto, situato nell'orecchio, e dai nervi (specialmente l'8°nervo cranico).

Sbandamento

È il senso di cadere, la testa vuota quindi opera a livello della coscienza e dell'equilibrio. Rappresenta un disturbo funzionale, al cervello non arriva più sangue e se il tempo di sensazione di sbandamento è breve dipende dalla circolazione; nel caso sia prolungato l'eziologia va ricercata in un disturbo al cervelletto a alle vie motorie extrapiramidali.

Paralisi periferiche

In questo tipo di paralisi il muscoli va incontro ad una atrofia.