Patologie dell'apparato respiratorio
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Patologie dell'apparato respiratorio

L'apparato respiratorio e le possibili patologie o cause invalidanti che possono colpirlo. Le malattie ostruttuve e restrittive.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

L'unità funzionale dell'apparato respiratorio è l'alveolo, al quale è deputata la funzione di scambio dei gas (ossigeno e anidride carbonica) cataboliti e anaboliti (contrazione muscolare) del nostro organismo. Gli alveoli sono dei sacchetti rivestiti da cellule piatte, molto vicine tra loro e rivestite da un sottile strato di connettivo (surfattante).
Lo scambio di gas tra atmosfera, alveoli e sangue avviene per differenza di pressioni parziali nei vari comparti. Secondo la legge di Dalton la pressione parziale di un gas è proporzionale alla sua concentrazione. Nella normalità il sangue si ossigena con mezzo litro di aria, quota corrispondente al volume corrente (inspirazione ed espirazione tranquilla).
Le malattie respiratorie sono quelle che avvengono in tutta la gabbia toracica causando dei limiti funzionali alla respirazione. Quando la ventilazione (entrata e usita dell'aria) è difettosa ,ad esempio per insufficienza dei muscoli respiratori o ostruzioni bronchiali), l'attività fisica ma a livello riabilitativo è molto importante per le sue conseguenze benefiche.
Il limite dell'attività fisica è il pompaggio del cuore, ma non la ventilazione in se per se perché abbiamo una capacità che si adatta perfettamente anche per sforzi intensi.
La pressione dell'aria, cioè il suo peso, è uguale a 760 mmHg, cioè 1 Atmosfera (a livello del mare). La sua composizione nell'atmosfera è di:

  • 79% di azoto
  • 20% di ossigeno
  • 0,3% di anidride carbonica
  • sono presenti altri gas ma in quantità minime

Il polmone

È l'organo che permette la respirazione e la ventilazione, possiede due circoli:
  • Arterie polmonari, con funzione di nutrizione
  • Arterie bronchiali, portano il sangue ossigenato al polmone
La saturazione dell'emoglobina dipende dalla pressione parziale dell'ossigeno, a seconda che questo si trasporta nell'alveolo e nel tessuto.

Malattie ostruttive e restrittive

Le malattie ostruttive sono: asma, bronchite cronica ed enfisema; rappresentano delle patologie della fase espiratoria cioè la struttura morfo-funzionale dei polmoni rimane uguale ma l'aria rimane intrappolata e quindi si vizia. Abbiamo un volume residuo maggiore.
  • L'enfisema è causato da una distruzione delle fibre gialle, elastiche, del polmone
  • La bronchite cronica è un ispessimento delle parete bronchiali e ipersecrezione del muco che ostacola il flusso dell'aria
  • L'asma avviene per crisi e rappresenta una broncostrizione (fame d'aria)

In questo tipo di patologie il malato è sempre in una condizione di inspirazione forzata, quindi l'attività fisica che deve effettuare è basata sul rilasciamento della mm inspiratoria e sulla sinergia degli atti respiratori attraverso varie tecniche (training autogeno, respirazione diaframmatica). L'espirazione forzata viene usata solo per togliere il muco. Per il resto è fortemente sconsigliata.
Le malattie restrittive sono invece riferibili ad una disfunzione del polmone stesso, nella quale questi organi si rimpiccioliscono e il soggetto per assicurare i normali scambi di gas deve ventilare in maggior misura.