Acidi grassi
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Acidi grassi

Il processo di mobilizzazione e trasporto degli acidi grassi, il metabolismo del glicerolo.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Gli esseri umani, ma non siamo l'unica specie animale a poterlo fare, possono ingerire grassi con l'alimentazione, mobilizzare le riserve lipidiche presenti nei tessuti specializzati o convertire in lipidi i carboidrati in eccesso introdotti con la dieta.
L'assimilazione dei trigliceridi nell'organismo è legata alla loro preventiva conversione da particelle insolubili a micelle microscopiche finemente disperse.
Tale conversione è resa possibile dai sali biliari (esempio l'acido taurocolico), sintetizzati nel fegato partendo dal colesterolo, conservati nella colecisti e rilasciati nell'intestino tenue. La formazione di micelle consente un agevole lavoro delle lipasi solubili in acqua che convertono i triacilgliceroli in monoacilgliceroli (monogliceridi), diacilgliceroli (digliceridi), acidi grassi liberi e glicerolo, che poi diffondono nelle cellule epiteliali intestinali per la riconversione in triacilgliceroli che legati assieme al colesterolo a specifiche proteine formando lipoproteine denominate chilomicroni.

Queste particelle passano dalla mucosa intestinale al sistema linfatico ed infine al sistema circolatorio, per il trasporto a muscoli e tessuto adiposo. Nei capillari dei tessuti muscolari e adiposi i chilomicroni vengono trattati in modalità differenti attraverso la lipoproteina lipasi che idrolizza i trigliceroli dei chilomicroni ad acidi grassi e glicerolo che, nelle cellule bersaglio, forniscono energia o vengono riesterificati a triacilgliceroli per essere conservati.

Mobilizzazione e trasporto degli acidi grassi, metabolismo del glicerolo

Quando vi è una carenza di energia metabolica, segnalata dagli ormoni, i triacilgliceroli depositati nel tessuto adiposo vengono mobilizzati e trasportati nei tessuti in cui possono essere ossidati per la produzione di energia (muscolo, cuore e corteccia surrenale).
Adrenalina e glucagone, ormoni rilasciati in seguito all'abbassamento della concentrazione di glucosio nel sangue, attivano l'adenilato ciclasi della membrana plasmatica degli adipociti.
Si verifica un aumento di cAMP che attiva una proteina chinasi cAMP dipendente, e fosforila la triacil-glicerolo lipasi ormone sensibile, che catalizza l'idrolisi dei legami estere dei trigliceroli.

In questa forma gli acidi grassi vengono rilasciati e possono diffondere nel sangue, dove si legano all'albumina (proteina serica) e vengono trasportati ai tessuti. Qui si dissociano dall'albumina diffondendo nel citosol della cellula per espletare la funzione energetica.
Le tre lunghe catene degli acidi grassi consentono di ricavare il 95% dell'energia di cui dispongono i triacilgliceroli, il restante 5% deriva dal glicerolo.
Il glicerolo viene fosforilato, in seguito al suo rilascio, a glicerolo-3-fosfato ed ossidato a diidrossiacetone fosfato, convertito a gliceraldeide-3-fosfato, ed ossidato nella via glicolitica.