La glicolisi
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

La glicolisi

Analisi delle tappe che costituiscono il processo glicolitico di estrazione energetica ed impiego del piruvato.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

La glicolisi è un processo in nove tappe che avviene in modalità anaerobica all'interno dell'ambiente citoplasmatico dove, partendo dal glucosio, si ottengono 2 molecole di piruvato.
L'avvio al processo glicolitico viene dato dalla fosforilazione del glucosio (C6H12O6), ossia dal distacco del fosfato terminale da una molecola di ATP, e dal suo successivo legame con la molecola di glucosio, per l'esattezza il legame avviene con il carbonio in posizione 6.
La fosforilazione del glucosio porta quindi alla formazione di glucosio 6-fosfato.

Nella seconda tappa vi è una riorganizzazione molecolare e, dal glucosio 6-fosfato si passa al fruttosio 6-fosfato.

A questo punto vi è una nuova fosforilazione, partendo da un'altra molecola di ATP, si procede al distacco del fosfato terminale ed al suo legame con il carbonio 1 del fruttosio 6-fosfato, che pertanto diviene fruttosio 1,6-bisfosfato.

La quarta tappa comporta prima la scissione del fruttosio 1,6 bisfosfato in 2 molecole, una di gliceraldeide fosfato ed una di diidrossiacetone fosfato, quindi la conversione di quest'ultimo in gliceraldeide fosfato (GAP). Il risultato sono 2 molecole di gliceraldeide fosfato.
La quinta tappa prevede, per ciascuna delle 2 molecole di GAP, il rilascio di un protone (ione idrogeno) nel citoplasma e di un ulteriore protone e 2 elettroni al NAD+ (nicotinammide adenina dinucleotide) che funge da trasportatore. Il NAD+ diviene quindi NADH con rilascio energetico. Intanto un gruppo fosfato si lega al carbonio 3 del GAP, ne conseguono 2 molecole di 1,3-bisfosfoglicerato. La quinta tappa è conclusa.

La tappa successiva prevede il distacco del gruppo fosfato precedentemente legato, che va ad unirsi a 2 molecole di ADP, ottenendo la loro riconversione in ATP, e trasformando le due molecole di 1-3-bisfosfoglicerato in 2 molecole di 3-fosfoglicerato.

Nella settima tappa il fosfato si sposta dal carbonio 3 al carbonio in posizione 2, ne derivano 2 molecole di 2-fosfoglicerato

L'ottava tappa elimina una molecola di H2O dal 2-fosfoglicerato che diviene fosfoenolpiruvato.

Nell'ultima fase, il fosfato rimasto viene infine ceduto da entrambe le molecole di fosfoenolpiruvato, convertendo 2 molecole di ADP in 2 di ATP, e portando il fosfoenolpiruvato a piruvato.

Lungo le varie tappe analizzate sono state impiegate 2 molecole di ATP per i processi glicolitici (tappa 1 e 3), e si è ottenuto il ripristino di 4 molecole di ATP.
Il risultato finale netto di un impiego (degradazione) anaerobico del glucosio è stato di 2 molecole di ATP e 2 di piruvato.
Oltre il 98% dell'energia contenuta nella molecola di glucosio è rimasta nelle 2 molecole di piruvato. E solo la restante parte (quella trasferita all'ATP) potrà essere impiegata dall'organismo.

A questo punto, in presenza di ossigeno, il piruvato è trasportato nei mitocondri, dove si inserisce nel processo energetico meglio noto come ciclo di Krebs. In alternativa l'organismo procede a recuperare le molecole trasportatrici NAD+, da utilizzare in ulteriori processi glicolitici. Per il recupero del NAD+ (che nella tappa 5 si era legato a 2 elettroni ed un protone divenendo NADH), occorrerà che i 2 NADH cedano il protone e gli elettroni al piruvato, che diverrà acido lattico.