Ossigeno e ossidazione
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Ossigeno e ossidazione

Ossidazione dei substrati energetici e ruolo dell'ossigeno nel processo di produzione energetica.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Ossidazione

L'ossidazione rappresenta la perdita di elettroni da parte di un elemento.
Essa è quasi sempre accompagnata dall'acquisizione dei medesimi elettroni da parte di un altro elemento, che pertanto subisce una riduzione (processo noto col termine di ossidoriduzione).
L'ossidazione è un fenomeno estremamente importante nei processi energetici cellulari, quindi anche sotto il profilo sportivo.

Nell'ossidazione cellulare vengono rimossi elettroni degli atomi di idrogeno. Atomi di idrogeno provenienti dai substrati energetici (lipidi, protidi, glucidi). Tale processo avviene all'interno dei mitocondri, dove gli elettroni rimossi dall'idrogeno vengono trasferiti mediante dei trasportatori ad una serie di accettori intermedi, sino a raggiungere l'accettore finale: l'ossigeno. Il trasferimmo di elettroni determina il rilascio di energia che servirà alla risintesi di ATP. Al termine anche l'idrogeno si lega con l'ossigeno formando acqua. Non a caso l'ossidazione cellulare si conclude con il legame di 2 atomi di idrogeno con uno di acqua. Intanto i trasportatori (NAD+ e FAD) che hanno ceduto i loro elettroni, rientrano ad operare per nuovi cicli di ossidazione.

Ossigeno

L'ossigeno è un gas fondamentale per la vita, alla temperatura e pressione ambiente si trova nella forma molecolare composta da 2 atomi di ossigeno: O2. Grazie alla sua elettronegatività è fondamentale per l'uomo come ossidante dei substrati energetici.
L'ossigeno è infatti l'accettore finale di elettroni nella catena respiratoria cellulare, mediante la quale viene estratta energia per la risintesi di ATP.
In condizioni di assenza di ossigeno la stessa vita dell'individuo non sarebbe possibile.
Da un punto di vista delle prestazioni atletiche, un migliore trasporto dell'ossigeno, ed una migliore capacità nel suo impiego (VO2max) sono sinonimi di un individuo capace di prestazioni più elevate e per periodi più lunghi.
L'ossigeno è a tal punto determinante rispetto al risultato di una competizione sportiva che, anche alcuni metodi illeciti (doping) utilizzati nello sport, sono finalizzati proprio a migliorarne il trasporto (uso di eritropoietina, autoemotrasfusioni ecc.).

L'ossigeno è trasportato in circolo nell'organismo per mezzo degli eritrociti, legato ad una proteina globulare in essi contenuta: l'emoglobina.
I processi di ossidazione dei substrati energetici avvengono all'interno dei mitocondri e garantiscono il protrarsi delle attività motorie per periodi di tempo relativamente lunghi.

L'attività sportiva in situazioni di carenza di ossigeno, o con richieste energetiche maggiori a quelle ottenibili mediante il sistema aerobico, pongono l'organismo in una condizione di acidosi che non consente il protrarsi dell'attività sportiva.