Altre drugs designer
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Altre drugs designer

Autore:
Ultimo aggiornamento:







Altre drugs designer

Oltre alle sostanze principali esiste una ampia gamma di molecole derivanti dalla metamfetamina ed utilizzate a scopi ricreativi e performanti nello sport, tra queste vi sono MDA (metlendiossiamfetamina), MDEA, para-metossimetamfetamina (PMMA), 4-metiltioamfetamina (4-MTA) e numerose altre sostanze di sintesi già create o che verranno create negli anni futuri da laboratori clandestini.

Norpoledrina

La paraidrossiamfetamina o norpoledrina viene utilizzata in colliri in associazione con tropicamide per dilatare la pupilla come rimedio a patologie quali l'anisocoria (condizione in cui le pupille hanno differente diametro), in un medicinale non utilizzato in Italia che si chiama Paremyl. Viene inoltre utilizzata per l'adattamento alla visione notturna in condizioni di necessità come per esempio per le forze d'ordine e militari. Questa sostanza non è stata creata dall'uomo ma esiste già in natura ed è prodotta dall'acacia berlandieri. è stata utilizzata anche per diagnosticare la sindrome di Horner. La norpoledrina è un simpaticomimetici con azioni simili a quelle dell'efedrina, ma ha molto poca attività sul sistema nervoso centrale in quanto il gruppo ossidrilico rende la molecola polare e quindi incapace di passare la barriera ematoencefalica.

La norpoledrina come aiuto ergogenico è poco attiva in quanto scarsamente efficace a livello centrale, tuttavia nei paesi in cui è utilizzata in terapia medica risulta di facile reperibilità. è difficile stabilire se sia utilizzata come sostanza dopante in quanto negli esami antidoping dà positività all'amfetamina quindi non è possibile discriminare le due sostanze.

Ciclazodone

Il ciclazodone è un derivato della pemolina, che ha azione stimolante simile all'amfetamina. Non ha mai avuto particolare impiego terapeutico.

Fendimetrazina

La fendimetrazina è un simpaticomimetico ad azione amfetaminosimile usato come un anoressizzante nelle terapie dimagranti. Questa sostanza era commercializzata in Italia come Plegine, negli Stati Uniti come Bontril con un dosaggio di 35 mg a compressa e veniva utilizzato anche dai lavoratori notturni per restare svegli; le sue azioni sono simili a quelle dell'amfetamina.

La fendimetrazina è stata a lungo la sostanza dopante d'eccellenza per gli studenti, in quanto la sua azione determina una forte attenzione e concentrazione dando poca agitazione, pertanto era particolarmente utile per una persona impegnata nella preparazione di esami.

A causa del potenziale di abuso è stato tolto dal mercato come la fenfluramina, e come essa anche la fendrimetazina presenta effetti collaterali cardiovascolari quali ipertensione, rischio di edema polmonare e può portare a difetti alle valvole cardiache.

Attualmente anche questa sostanza è reperibile su internet di provenienza e produzione non sempre chiara.

Fenmetrazina

La fenmetrazina nota anche come Preludin è una sostanza simile alla fendimetrazina. Questa sostanza è un simpaticomimetico anoressizzante scoperto negli anni 50 quando si cercava un farmaco alternativo all'amfetamina con minori effetti collaterali; anch'essa è stata ritirata dal mercato da diversi anni a causa dei suoi effetti collaterali e del potenziale d'abuso.

Anche la fenmetrazina agisce sul trasportatore di dopamina e noradrenalina, promuovendo il rilascio e la permanenza di questi neurotrasmettitori nelle sinapsi ed aumentando così l'attività del sistema nervoso centrale. Utilizzando questa sostanza si hanno tutti gli effetti ed i rischi correlati all'utilizzo dell'amfetamina.

Fentermina

La fentermina (commercializzata tuttora negli Stati Uniti come Adipex e Lonamin) è un altro derivato dell'amfetamina usato come soppressore dell'appetito nelle terapie per la perdita di peso. I prodotti a base di questa sostanza contengono 35 mg di principio attivo, da utilizzare la mattina, tuttavia a volte viene dimezzata la dose per ridurre gli effetti collaterali e la terapia non dura mai più di qualche settimana per evitare di sviluppare tolleranza e dipendenza. Questo simpaticomimetico sembra avere una maggiore azione serotoninergica e dopaminergica ed una bassa attività noradrenergica. Questa modalità d'azione rende la fentermina meno efficace nel migliorare la prestazione rispetto ad altri stimolanti maggiormente attivi sul sistema noradrenergico, viene pertanto utilizzata prevalentemente per favorire la perdita di peso, spesso in associazione con il topiramato, dagli atleti che devono dimagrire, in quanto riduce il senso di fame, mentre viene raramente usata a scopo ergogeno.

La fentermina rimane una delle poche sostanze derivanti dalle amfetamine ancora commercializzate legalmente negli Stati Uniti.

Diversi casi di positività alla fentermina sono stati causati dall'assunzione dell'oxetacaina (Mucain) anestetico usato nella terapia dei dolori gastrici derivanti da ulcere, questo farmaco risulta attualmente utilizzato in terapia soltanto in alcuni paesi in via di sviluppo come Taiwan e Brasile.